23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/10/2014, 00.00

    VIETNAM

    Hanoi: scarcerato il blogger e attivista Nguyen Van Hai, ha già lasciato il Paese



    L’uomo, condannato nel 2012 a 12 anni di prigione per propaganda anti-governativa, è stato prelevato dalla cella, portato in aeroporto e imbarcato su un volo per gli Usa. La famiglia non è stata avvisata della scarcerazione. Attivisti parlano di espulsione e deportazione. Era fra i fondatori del Club giornalisti liberi.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità vietnamite hanno rilasciato un blogger e attivista di primo piano, scarcerato nelle ore scorse e già in viaggio verso gli Stati Uniti. Si tratta di Nguyen Van Hai, meglio conosciuto con il soprannome di Dieu Cay, condannato a 12 anni di prigione nel settembre 2012 per aver promosso una propaganda anti-governativa. Il portavoce del Dipartimento di Stato Usa Marie Harf ha accolto con favore la notizia della liberazione del "prigioniero di coscienza" e ha aggiunto che egli avrebbe "deciso da solo" di lasciare il Vietnam. In realtà, più che un rilascio dovuto a un atto di clemenza, attivisti e gruppi pro diritti umani parlano di espulsione e deportazione dal Paese per un lungo esilio in territorio americano.

    Nelle scorse settimane Washington ha lanciato a più riprese appelli al governo di Hanoi, per il rilascio di tutti i detenuti politici nel Paese asiatico. 

    L'ex moglie di Hai, Duong Thi Tan, ha dichiarato a Radio Free Asia (Rfa) che l'uomo è stato prelevato dalla cella e subito condotto all'aeroporto, dove è salito a bordo di un volo diretto negli Stati Uniti. La donna aggiunge che la famiglia non è stata avvisata in precedenza della liberazione. 

    Ex soldato, Dieu Cay è stato fra i co-fondatori del "Club dei giornalisti liberi" nel 2007, e ha coperto vicende sensibili a livello politico, fra cui casi di corruzione governativa e proteste anti-cinesi contro l'espansionismo di Pechino nei mari. 

    Arrestato una prima volta nel 2008, egli è stato fermato e condannato quattro anni più tardi in via definitiva per aver distribuito volantini e altro materiale - assieme ad altri due blogger, condannati rispettivamente a 10 e quattro anni di carcere - contenente informazioni e notizie "contrarie allo Stato". Egli ha sempre respinto le accuse, proclamandosi innocente. 

    In Vietnam è in atto una campagna durissima del governo contro dissidenti, blogger, leader religiosi (fra cui buddisti), attivisti cattolici o intere comunità come successo nella diocesi di Vinh, dove si è assistito a una campagna diffamatoria e attacchi mirati contro vescovo e fedeli. La repressione colpisce anche singoli individui, colpevoli di rivendicare il diritto alla libertà religiosa e al rispetto dei diritti civili dei cittadini.

    Solo nel 2013, Hanoi ha arrestato decine di attivisti per crimini "contro lo Stato", in base a una norma che gruppi pro diritti umani bollano come "generiche" e "vaghe". Con oltre sei milioni di fedeli, il cattolicesimo è la seconda religione per importanza e numero di fedeli nel Paese, dopo il buddismo. Da tempo sono in atto controversie con Hanoi, nella maggioranza dei casi per questioni legate a proprietà terriere o beni ecclesiastici che il governo vuole requisire. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2014 STATI UNITI - VIETNAM
    Dissidente vietnamita: Hanoi usa i detenuti politici come merce di scambio nei negoziati
    Nguyen Van Hai: "Non sono stato rilasciato, ma deportato". Egli non ha potuto salutare la famiglia e gli amici. E lancia un appello alle diplomazie internazionali, perché trattando con il Vietnam “mettano la democrazia e i diritti civili” come precondizione ad accordi.

    12/03/2014 VIETNAM
    Per condannare una blogger, la polizia vietnamita manipola prove e testimonianze
    Bui Thi Minh Hang è in cella da un mese con altre due persone senza alcun capo di imputazione; la donna è in sciopero della fame. Le forze dell’ordine hanno cercato di estorcere dichiarazioni scritte a cinque attivisti per condannarla. Rischia da tre mesi fino a tre anni di galera, anche se non vi sono prove di colpevolezza. 


    04/11/2014 VIETNAM
    Blogger e attivista cattolico vietnamita alla sbarra per aver criticato il governo di Hanoi
    Da oltre sei mesi Nguyen Huu Vinh e il suo assistente Nguyen Thi Minh Thuy erano in stato di arresto senza accuse ufficiali. Per la difesa il procedimento giudiziario è “illegale”. Attivisti pro diritti umani avvertono: poche speranze di vederli liberi. Se riconosciuti colpevoli rischiano fino a sette anni di prigione.

    30/10/2013 VIETNAM
    Saigon: abuso di “libertà democratiche”, 15 mesi di carcere per attivista vietnamita
    La pena comminata al 30enne Dinh Nhat Uy è stata commutata in arresti domiciliari. La colpa è aver usato un social network per condannare l’imperialismo cinese e chiedere la liberazione del fratello, anch’egli in galera. Per il suo rilascio i padri Redentoristi hanno organizzato un momento di preghiera alla presenza di 1500 cattolici e non.

    05/08/2015 VIETNAM
    Dopo quattro anni di carcere, liberi due cristiani arrestati per “attività anti-governative”
    Si tratta del blogger cattolico Paulus Le Van Son e del leader protestante Nguyen Van Oai. La coppia era stata fermata senza mandato di arresto, e durante il processo è stata limitata la loro assistenza legale. Nei mesi scorsi hanno subito pressioni dalle autorità per estorcere una confessione. Ancora in prigione altri dissidenti.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®