26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/09/2013, 00.00

    VIETNAM - VATICANO

    Vietnam: i vescovi del Nord a sostegno della diocesi di Vinh, nel mirino delle autorità

    J.B. An Dang

    In una lettera i prelati confermano la vicinanza al vescovo, ai sacerdoti e ai fedeli vittima di attacchi di media e governo. Appello per la liberazione dei parrocchiani di My Yen e per la libertà religiosa. Tensioni religiose e movimenti cattolici “ufficiali” ostacolo ai dialoghi fra Hanoi e Santa Sede.

    Hanoi (AsiaNews) - I vescovi della provincia ecclesiastica di Hanoi si schierano a fianco del vescovo di Vinh e dei fedeli della parrocchia di My Yen, vittime nelle ultime settimane di un violento attacco - fisico e verbale - di media e autorità governative. In una lettera inviata a mons. Paul Nguyen Thai Hop il 21 settembre scorso, gli otto prelati della provincia nel nord del Vietnam hanno manifestato "pieno sostegno" al vescovo, ai sacerdoti e ai fedeli. Gli attacchi contro i fedeli si intrecciano con il lavoro della diplomazia che, nei giorni scorsi, ha registrato una serie di colloqui fra rappresentanti vaticani e vietnamiti a Roma; tuttavia, secondo alcune fonti interne alle alla Curia sembra che permangano serie "difficoltà" nel nascita di rapporti diplomatici ufficiali fra i due fronti.

    Nella loro lettera i vescovi del nord del Vietnam hanno condannato l'attacco contro i fedeli del 4 settembre scorso, cui è seguita una violenta campagna diffamatoria verso la diocesi di Vinh, definendoli "palese violazione" della libertà religiosa. I prelati chiedono inoltre la liberazione dei due parrocchiani di My Yen, il cui mancato (annunciato) rilascio à alla base degli scontri.

    L'arcivescovo emerito di Hanoi mons. Joseph Ngo Quang Kiet e il titolare mons. Peter Nguyen Van Nhon in una nota congiunta hanno espresso il loro "totale sostegno" alla diocesi di Vinh, al vescovo e ai parrocchiani finiti nel mirino delle autorità.

    Intanto i media governativi continuano a dare ampio risalto al convegno del Comitato vietnamita di solidarietà ai cattolici, una sorta di movimento pro-governativo fondato nel 1955 dal Partito comunista col proposito di costituire una "Chiesa patriottica". Un'organizzazione simile alla Chiesa patriottica cinese, osteggiata sia dai cattolici in patria che dai vertici vaticani poiché illegittima. La due giorni di incontri tenuta a Ho Chi Minh City preoccupa i fedeli vietnamiti per la "portata" dell'evento, al quale hanno partecipato 500 fra sacerdoti, religiosi e laici "fedeli" al regime di Hanoi.

    Certo questo incontro non servirà a favorire il dialogo fra Hanoi e Santa Sede, già segnato dalla violenta repressione nella parrocchia di My Yen, diocesi di Vinh, provincia settentrionale di Nghe An. Nel colloqui a Roma fra la delegazione vaticana e la controparte vietnamita sono emerse le "tensioni" della diocesi di Vinh anche se, a livello di comunicati ufficiali, si sottolinea la volontà di voler continuare nel solco delle "buone relazioni e cooperazione".

    Vietnam e Santa Sede non hanno rapporti diplomatici ufficiali dal 1975, ma lavorano dal 2007 per la ripresa dei rapporti bilaterali. Per raggiungere l'obiettivo è nato il Gruppo di lavoro congiunto e, dal 2011, la nomina di un rappresentante non permanente della Santa Sede, mons. Leopoldo Girelli. Il Vietnam - nominalmente un Paese ateo - controlla in modo sistematico la pratica del culto, comprese le attività dei sei milioni di cattolici sparsi sul territorio. Si tratta della comunità più nutrita del Sud-est asiatico, dopo le Filippine. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2014 VIETNAM
    Hanoi, processo di appello per il dissidente e avvocato cattolico Le Quoc Quan
    L’udienza in programma il prossimo 8 febbraio. Il legale è stato condannato in primo grado a 30 mesi per “frode fiscale”; in realtà dietro la sentenza vi è il suo attivismo critico verso il Partito comunista e il governo. Le condizioni di salute sarebbero “soddisfacenti”. In cella può leggere solo giornali “ufficiali”, vietata la Bibbia.

    10/10/2013 VIETNAM
    Hanoi, avvocato cattolico incontra i parenti in carcere e annuncia ricorso contro la condanna
    Per la prima volta dall’arresto, nel dicembre 2012, Le Quoc Quan ha potuto parlare “per 30 minuti” con cinque familiari. Egli “non condivide” il verdetto e annuncia il proposito di ricorrere in appello. Dalla cella ha voluto ringraziare cattolici, buddisti e organizzazioni attiviste che lo hanno sostenuto in questi mesi.

    02/10/2013 VIETNAM
    Hanoi: condannato a 30 mesi di carcere l’avvocato cattolico Le Quoc Quan
    Egli dovrà anche pagare una multa di oltre 50mila dollari. Il tribunale lo ha riconosciuto colpevole di evasione fiscale. L’udienza è durata un paio di ore e si è conclusa con la prevista sentenza di condanna. All’esterno migliaia di agenti di polizia e squadristi assoldati dal governo hanno impedito l’ingresso in aula ai sostenitori dell’attivista.

    30/09/2013 VIETNAM
    Hanoi: in migliaia alla fiaccolata per la liberazione dell’avvocato cattolico Le Quoc Quan
    Il 2 ottobre è fissata la prima udienza del processo a carico dell’attivista, accusato di frode fiscale. I fedeli hanno esposto cartelli e striscioni in cui chiedono al governo il suo rilascio. Iniziative simili anche a Ho Chi Minh City e Vinh, diocesi natale dell’avvocato. Nei mesi di prigionia non ha potuto incontrare famiglia e legale.

    26/09/2013 VIETNAM
    Libertà religiosa secondo Hanoi: attivisti cattolici a processo, cristiani segregati in casa
    Il 2 ottobre inizia il processo, rimandato a luglio, dell’avvocato cattolico Lê Quôc Quân: per prepararsi ha digiunato e pregato a lungo. Il sostegno di Giustizia e Pace, che chiede la liberazione dell’uomo. Le autorità chiudono in casa la moglie di un pastore mennonita, per impedirle di visitare il marito in cella.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®