26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/07/2012, 00.00

    CINA - VATICANO

    Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"

    Justina Li

    Il comunicato è stato firmato da AP e Consiglio dei vescovi cinesi. In esso non si menziona mai la parola "scomunica" nei confronti di p. Fusheng nominato vescovo di Harbin senza il benestare del Papa. Per l'AP il documento vaticano non favorisce l'unità, la comunione e il sano sviluppo della Chiesa in Cina. Fonti locali denunciano l'utilizzo di toni pretestuosi e fuorvianti per ingannare i cattolici della Chiesa ufficiale.

    Pechino (AsiaNews) - L'Associazione Patriottica critica e il Consiglio dei vescovi cinesi rispondono alla nota della Santa Sede sull'ordinazione illecita di p. Yue Fusheng di Harbin. In un comunicato, diffuso oggi, le autorità cinesi sottolineano che il documento vaticano "non favorisce l'unità, la comunione e il sano sviluppo della Chiesa in Cina". A differenza delle dichiarazioni ostili pubblicate il 4 luglio dall'Ufficio per gli Affari religiosi (State Administration for religious Affair, Sara), il comunicato dell'AP utilizza parole e toni più pacati, senza menzionare la parola "scomunica".

    Fonti della Chiesa cattolica in Cina definiscono il documento "pretestuoso" e atto a "confondere i lettori". La dichiarazione parla delle qualità e delle qualità di p. Yue come sacerdote, sottolineando che il prete era già stato scelto come candidato vescovo nel 1999 e riproposto come tale lo scorso 16 maggio.  

    Nella sua nota, la Santa Sede affermava invece che padre Yue era stato informato che "egli non poteva essere approvato dal Papa come candidato vescovo. In diverse occasioni gli era stato chiesto di non accettare l'ordinazione episcopale senza il mandato pontificio". Per le fonti, ciò non ha nulla a che fare con la sua dedizione al lavoro pastorale o all'essere considerato o meno un possibile candidato vescovo.  

    Molti prelati che hanno partecipato all'ordinazione illecita di Harbin hanno espresso il proprio dolore e tristezza. "I fedeli della Chiesa ufficiale di Harbin - sottolinea una fonte locale - sono delusi e tristi di avere un leader debole e scomunicato dal Vaticano".  

    Nel suo comunicato, l'AP afferma che una diocesi senza vescovo rallenta lo sviluppo della Chiesa, e il Consiglio dei vescovi farà di tutto per formare e selezionare i canditati e guidarli attraverso il processo di elezione e ordinazione. Ma secondo le fonti, il fine dell'AP è confondere i fedeli e sottolineano che la scelta del vescovo deve essere la cosa più importante, anche se la diocesi è vacante. "Un buon prelato - affermano - deve essere pronto a difendere la Chiesa e i suoi fedeli".

    Riprendendo il comunicato della Sara, l'ultimo punto del documento, afferma che i vescovi in Cina godono dello stesso rispetto che ha nei loro confronti la Chiesa universale. Per le fonti i prelati sono tali "solo se sono approvati dal Papa e difendono il principio della Chiesa. una, santa, cattolica e apostolica". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2012 CINA – VATICANO
    La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
    Il sito ufficiale del Consiglio ha pubblicato oggi una nota, controfirmata dall’Associazione patriottica, accusando il vescovo di aver violato "in modo grave" il regolamento sulle ordinazioni episcopali. Ad Harbin, fonti di AsiaNews denunciano “difficoltà” per due sacerdoti della Chiesa ufficiale che si erano opposti all’ordinazione del 6 luglio scorso.

    10/07/2012 VATICANO - CINA
    Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
    Mons. Ma Daqin, che ha rifiutato l'imposizione delle mani da un vescovo scomunicato e si è dimesso dall'Associazione patriottica rivendica la libertà religiosa che la costituzione cinese garantisce, ma i regolamenti sulle religioni la tradiscono. Il rifiuto dell'Associazione patriottica ha motivi teologici (l'Ap è "incompatibile con la dottrina cattolica"), ma anche pastorali e sociali. Per mesi i pastori sono tenuti lontano dalle loro diocesi, portati a banchettare a spese del governo, mentre i loro fedeli devono combattere con la povertà. I vescovi "opportunisti" come sale scipito. Il valore dei fedeli laici per la riconciliazione con il papa.

    16/07/2012 CINA - VATICANO
    Di nuovo attivo il blog di mons. Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai
    Nel suo primo messaggio mons. Ma Daqin pubblica un'immagine e cinque poesie di un sacerdote gesuita. Il testo esprime lo stato di dolore, solitudine e tristezza del prelato, dal 7 luglio costretto a un riposo forzato nel seminario di Sheshan. Immediate le risposte dei cattolici cinesi e stranieri che hanno inviato al vescovo parole di conforto e preghiere.

    09/07/2012 CINA - VATICANO
    Deve "riposare" in seminario il coraggioso vescovo ausiliare di Shanghai
    Prima dell'ordinazione, mons. Thaddeus Ma Daqin si è dimesso dall'Associazione Patriottica. Durante la messa egli ha rifiutato l'imposizione delle mani da parte di un vescovo illecito. La cerimonia si è tenuta lo scorso 7 luglio a Shanghai.

    21/12/2012 CINA - VATICANO
    Il governo di Wuhan spadroneggia sui parroci e sul futuro vescovo
    Bloccate le nomine e i trasferimenti dei parroci. Dimissioni forzate per p. Shen Guoan, amministratore della diocesi. Questi si era rifiutato di farsi ordinare vescovo senza il mandato del papa. Si teme che il governo stia preparando una nuova ordinazione episcopale illecita.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®