19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 15/10/2010, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Hong Kong, la Via Crucis per i perseguitati si farà

    Annie Lam

    Prevista per domani, nel Territorio, la preghiera per la libertà religiosa in Cina e per i vescovi e i sacerdoti del Paese attualmente in galera: vinta la sfida di Giustizia e pace. Il vescovo di Hong Kong mons. Tong: “Il Nobel a Liu Xiaobo è un onore per tutti i cinesi”.

    Hong Kong (AsiaNews) – La Chiesa di Hong Kong pregherà in pubblico per la libertà religiosa in Cina e per i vescovi e i sacerdoti del Paese attualmente in galera. Nonostante il governo locale non volesse dare l’autorizzazione, domani si svolgerà la prevista Via Crucis per le strade del Territorio organizzata dalla Commissione diocesana Giustizia e pace. Nel frattempo, il vescovo emerito mons. Zen e il suo successore mons. Tong si complimentano con Liu Xiaobo per il Nobel, un “onore per tutti i cinesi”.

    All’incontro sarà presente anche il vescovo emerito della diocesi, card. Joseph Zen Ze-kiun, che terrà un discorso ai partecipanti: verranno ricordati i vescovi Su Zhimin di Baoding, Shi Enxiang di Yixian e il p. James Lu Genjun, sempre di Baoding.

    In un primo momento, le autorità avevano negato l’autorizzazione alla manifestazione. A settembre il dipartimento culturale di Hong Kong aveva respinto la richiesta di Giustizia e pace di tenere la processione a partire dal Southorn Playground. La motivazione era che la zona era “al completo”. Alla nuova richiesta per ottenere la più piccola Lockhart Road, le autorità hanno continuato a opporsi per “questioni politiche”.

    Soltanto dopo che i media hanno parlato del caso, il dipartimento ha concesso l’autorizzazione all’utilizzo del Southorn Playground. Ma, per la diocesi, a rischio ci sono i diritti degli stessi cittadini di Hong Kong: un comunicato stampa ha denunciato l’atteggiamento delle autorità.

    Nel frattempo, il vescovo del Territorio mons. John Tong Hong ha accolto “come un onore per tutti i cinesi” il conferimento del premio Nobel per la pace al dissidente Liu Xiaobo, autore di Charta ’08, e ha fatto i complimenti a lui e alla sua famiglia. Il presule ha citato il premier Wen Jiabao, secondo cui “non si può fermare la richiesta di democrazia e libertà”

    Il vescovo ha poi espresso la speranza di vedere un rapido rilascio di Liu e di tutti coloro che sono in galera per aver chiesto democrazia e libertà, compresa la libertà religiosa: “In questo senso, tutte queste persone possono dare un grande contributo alla nazione e al suo prestigio sul piano internazionale”. Da parte sua, il card. Zen ha detto ad AsiaNews: “Spero di vedere presto un appello alla libertà di Liu da parte di tutto il popolo cinese”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/10/2010 HONG KONG – CINA
    “Grande gioia” per il card. Zen a Shanghai, per la prima volta dopo 6 anni
    Il vescovo emerito di Hong Kong visita la sede dell’Expo, dove incontra il vescovo Jin Luxian e il suo ausiliare, mons. Xing Wenzhi, che ha studiato nello stesso seminario del cardinale, quello del santuario mariano di Sheshan. L’incontro fra i vescovi “condizionato dal terribile sistema cinese”. Il ricordo di Liu Xiaobo.

    15/11/2010 CINA -VATICANO
    Shandong: ordinato il nuovo vescovo coadiutore di Zhoucun
    La cerimonia è avvenuta oggi nella cattedrale di Zibo davanti a 46 sacerdoti e oltre 1500 fedeli, tra cui diversi cattolici sotterranei. Mons. Giuseppe Yang Yongqiang è il decimo vescovo ufficiale ad essere ordinato nel 2010, in comunione con la Chiesa e riconosciuto dal governo.

    10/06/2010 VATICANO – HONG KONG - CINA
    Anno sacerdotale: piccola delegazione cinese in S. Pietro per l’unità della Chiesa
    I 20 sacerdoti provengono da Cina, Hong Kong, Macau e Taiwan e domani parteciperanno insieme ad altri 9mila preti alla solenne messa di chiusura dell’Anno sacerdotale presieduta da Benedetto XVI. La “delegazione” cinese è al momento in un tour di pellegrinaggio che si chiuderà il 16 giugno. P. John Lin, sacerdote di Taiwan, afferma: “La partecipazione all’incontro di Roma è come una prova di sostegno al Santo Padre e alla Chiesa tutta”.

    10/10/2012 VATICANO - HONG KONG – CINA
    Card. Tong: Evangelizzare è una sfida e un'opportunità, e molti si convertono, anche in Cina
    Il porporato, vescovo di Hong Kong, è uno dei tre presidenti del Sinodo, scelti da Benedetto XVI. Nella sua introduzione ai lavori, ha sottolineato l'impegno di evangelizzazione ad Hong Kong, Macao e Cina popolare. Ogni anno vi sono migliaia di battesimi di adulti. Il valore della testimonianza dei laici.

    23/07/2010 HONG KONG
    Il card. Zen si racconta alla fiera del libro di Hong Kong
    In un talk-show il il card. Zen parla della sua infanzia in Cina e della sua formazione sacerdotale. Interrogato sullo scandalo dei preti pedofili il prelato dice che la vocazione religiosa richiede una lunga formazione e un impegno costante: “Bisogna essere prudenti e attenti ad approfondire la propria spiritualità”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®