24/11/2020, 11.57
HONG KONG-CINA
Invia ad un amico

Hong Kong, legge sulla sicurezza: rider incriminato per aver invocato l’indipendenza

Più di 30 persone arrestate in base alla normativa: egli è la terza a essere accusata in modo formale e a rimanere in custodia cautelare. Ai giudici ha gridato: “Spargete la notizia, la democrazia si coltiva con il sangue e il sudore”. Tony Chung, un altro degli incriminati, avrebbe subito punizioni corporali durante la detenzione.

Hong Kong (AsiaNews) – L’autorità giudiziaria ha incriminato oggi un fattorino del cibo in base alla legge sulla sicurezza nazionale voluta da Pechino: l’accusa è di “secessionismo”, secondo quanto riportato da Rthk. Il 30enne Ma Chun-man è stato arrestato sette volte tra il 15 agosto e il 22 novembre per aver recitato slogan che invocano l’indipendenza dell’ex colonia britannica.

Dopo la lettura ufficiale dell’atto di accusa, Ma Chun-man ha gridato ai giudici: “Spargete la notizia, la democrazia si coltiva con il sangue e il sudore”. Agenti di polizia lo hanno poi trascinato via dal tribunale con la forza.

Il rider è il terzo cittadino di Hong Kong a essere accusato in modo formale in base alla draconiana legge sulla sicurezza approvata il 30 giugno. Essa punisce i reati di secessione, sovversione, terrorismo e collaborazione con forze straniere. Il governo cinese l’ha imposta per soffocare le proteste del movimento pro-democrazia. Più di 30 persone sono state arrestate in applicazione del provvedimento, fra loro anche il noto magnate dell’editoria Jimmy Lai.

Ma Chun-man dovrà restare in custodia cautelare fino alla prossima udienza, fissata in febbraio. Nella stessa situazione si trovano anche Tong Ying-kit e Tony Chung. Il primo è stato arrestato per terrorismo e secessionismo il primo luglio: era stato fermato mentre sventolava una bandiera indipendentista.

Chung è accusato di aver incitato alla secessione con la pubblicazione di una serie di post sui social media. L’attivista democratico Joshua Wong – che rischia fino a cinque anni di detenzione – ha rivelato di aver appreso da fonti carcerarie che il 19enne Chung ha subito punizioni corporali durante la sua prigionia, accusa che le autorità penitenziarie respingono.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Joshua Wong, Agnes Chow e Ivan Lam si dichiarano colpevoli: rischiano 5 anni di prigione
23/11/2020 09:07
Hong Kong: Negata ad Agnes Chow la libertà su cauzione. Nuova ondata di arresti
09/12/2020 09:03
Hong Kong, ‘incitano alla secessione’: primi arresti con la nuova legge sulla sicurezza
30/07/2020 08:53
Legge sulla sicurezza: addio alla libertà di stampa (Video)
13/08/2020 12:28
Mong Kok, quasi 300 arresti nel giorno delle elezioni cancellate
07/09/2020 08:19