25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/01/2011, 00.00

    STATI UNITI – CINA

    Hu Jintao negli Usa, lo schiaffo del Congresso



    Nella visita alla Camera americana il presidente cinese viene contestato dai parlamentari, che gli chiedono conto della situazione dei diritti umani in Cina e la liberazione di Liu Xiaobo. Va meglio a Chicago, dove dice al sindaco: “Lontani, ma amici veri”.
    Chicago (AsiaNews/Agenzie) - La terza giornata della visita di Stato del presidente Hu Jintao negli Stati Uniti si è rivelata la più difficile. Rispetto al summit della vigilia, con Barack Obama alla Casa Bianca, il Congresso ha infatti accolto il leader cinese con molta più ostilità. Il presidente della Camera, il repubblicano John Boehner, due giorni fa aveva già fatto uno sgarbo protocollare rifiutandosi di andare alla cena di gala in onore dell’ospite straniero.

    Nella visita di Hu Jintao alla Camera, il presidente ha letto una dichiarazione dura: “Siamo preoccupati per le violazioni dei diritti umani in Cina, inclusa la negazione della libertà religiosa e il ricorso agli aborti forzati per imporre la politica del figlio unico. Per le libertà e la dignità dei suoi cittadini i leader cinesi hanno il dovere di far meglio e gli Stati Uniti devono richiamarli alle loro responsabilità”.

    La capogruppo dei democratici, Nancy Pelosi, da parte sua ha denunciato davanti a Hu il trattamento inflitto a Liu Xiaobo, il dissidente condannato a 11 anni di carcere che non ha potuto neppure recarsi a Oslo per ritirare il premio Nobel della pace. Una novantina di parlamentari democratici e repubblicani hanno poi firmato una lettera bipartisan per denunciare “le persistenti violazioni delle regole del commercio internazionale da parte della Cina”. La lettera si conclude con un monito: “La pazienza dell'America sta per esaurirsi, le nostre aziende falliscono, le nostre fabbriche chiudono e i nostri lavoratori vengono licenziati perché la Cina bara sulla concorrenza”.

    Hu Jintao ha risposto con un discorso in cui ha ribadito che le relazioni Usa-Cina “hanno raggiunto un’ampiezza e una profondità senza precedenti”, ma che in futuro il miglioramento di questo rapporto richiede “che ciascuno tratti l'altro con rispetto, su un piede di eguaglianza”. Quindi ha deciso anche lui di ammonire gli ospiti: “Gli Stati Uniti non alimentino tensioni su Tibet e Taiwan”.

    Hu Jintao ha poi ribattezzato l’economia cinese, che non è più socialista o tanto meno comunista. Per descrivere il proprio modello economico capitalista e dirigista al tempo stesso, Hu ha usato l’espressione “economia socialista di mercato”. Ha anche sottolineato l’obiettivo di “sviluppare la democrazia socialista e costruire lo Stato di diritto in una nazione socialista” e ha rassicurato sul fatto che la Cina “non sta lanciandosi in una corsa agli armamenti, non persegue l’egemonia né una politica espansionista”.

    Il Congresso ha comunque espresso una valutazione molto dura per il leader cinese. “È venuto a farci la lezione, non ad ascoltare”, si è lamentato il deputato repubblicano Keoin Brady del Texas; per il democratico Sander Levin del Michigan Hu Jintao “non ci ha fatto parlare”.

    Medio successo, invece, per la visita a Chicago. Qui il presidente cinese ha incontrato i leader del settore industriale americano e si è espresso con grande affetto nei confronti del sindaco Daley, che guida la città da 22 anni e che negli ultimi 6 anni ha visitato 4 volte la Cina. Hu gli ha riservato una frase affettuosa: “Nonostante Chicago e Pechino siano molto lontani, i nostri cuori sono uniti da vera amicizia”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2011 STATI UNITI – CINA
    Si chiude l’Apec, fra scontri sullo yuan e libero scambio nel Pacifico
    L’incontro delle economie dell’Asia-Pacifico sembra concludersi con un accordo per la creazione della più grande zona commerciale del mondo. Ma Obama torna a bacchettare Pechino per la moneta sottovalutata.

    20/01/2011 CINA - USA
    Obama-Hu, fra cene e sorrisi, nessun passo in avanti
    L’incontro fra i due leader è stato segnato da una sostanziale inattività. Le “ammissioni” di Hu Jintao sui diritti umani sono un ritornello che accompagna ogni sua visita all’estero, mentre sull’economia si è scelto di non scegliere. Intanto lo yuan, oggi, guadagna punti sul dollaro.

    21/05/2010 CINA
    Pechino ammette: “La corruzione è endemica, puniti 3mila funzionari”
    Dopo il varo del pacchetto di stimoli all’economia, i funzionari del Partito si sono gettati sul denaro pubblico: fra appalti e appropriazioni indebite sono spariti miliardi di yuan. Un dirigente: “Ora pugno duro, altrimenti vincerà la corruzione”.

    30/08/2011 CINA – STATI UNITI
    Biden a Pechino, l'imbarazzo e il servilismo
    La recente visita del vice presidente americano Biden a Pechino (7-21 agosto) ha fatto più danni che altro. Eppure, la Casa Bianca lo ha definito un successo. Biden ha chiarito che, negli States, sta cambiando la percezione nei confronti dei diritti umani in Cina: e questa è una sconfitta per il mondo. Ma il Partito comunista non deve esagerare, perché gli americani sono ancora in grado di impartire molte lezioni dure. L’analisi del grande dissidente cinese.

    17/11/2009 CINA - USA
    Obama e Hu Jintao, gli “accordi” sul protezionismo economico e sulla crescita dello yuan
    Sintonia vaga sui problemi economici, sul clima, sul nucleare nordcoreano e sulla cooperazione. Quasi assente la questione dei diritti umani. Obama spera in una ripresa dei dialoghi col Dalai Lama e afferma che “il Tibet è parte integrante della Repubblica popolare cinese”. La Cina “padrona” del debito Usa.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®