17 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/07/2017, 09.09

    ISRAELE - PALESTINA

    I palestinesi tornano a pregare ad al-Aqsa, ma la tensione resta alta



    Israele ha rimosso tutte le misure di sicurezza imposte due settimane fa. Esplosi alcuni scontri con la polizia. Si temono altre violenze quest’oggi. Netanyahu: “Tempo di considerare la pena di morte per i terroristi”.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – I palestinesi sono tornati a pregare sulla Spianata delle Moschee dopo quasi due settimane: non entravano nel terzo luogo sacro dell’Islam per protesta contro le misure di sicurezza imposte da Israele dopo l’attacco del 14 luglio, quando due poliziotti israeliani avevano perso la vita. Ieri, le autorità israeliane hanno smantellato tutte le strutture e telecamere installate dopo l’attentato, fra festeggiamenti, musica, schiuma e canti di migliaia di palestinesi. Tuttavia, le tensioni restano alte: a neanche un’ora dal rientro di migliaia di fedeli sulla Spianata sono esplosi altri scontri con la polizia, e più di 100 palestinesi sono rimasti feriti a causa di pallottole ricoperte di gomma, inalazioni di gas lacrimogeno, percosse e spray al peperoncino.

    Secondo Micky Rosenfeld, portavoce della polizia israeliana, alcuni palestinesi avrebbero lanciato pietre contro il Muro del Pianto. Le forze di sicurezza sarebbe quindi intervenute “per sgombrare l’area e prevenire feriti”.

    Dal canto suo, Omar Kiswani, direttore della moschea al-Aqsa, teme per oggi ulteriori violenze, definendo la repressione israeliana sui fedeli un segno preoccupante.

    Oggi, venerdì, sono attese migliaia di persone alla preghiera islamica nel luogo sacro. Israele ha imposto il divieto di entrata alla Spianata per tutti gli uomini musulmani al di sotto dei 50 anni.

    Nell’arco di 10 giorni sono più di 1000 i manifestanti palestinesi rimasti feriti negli scontri, e quattro i morti. Da parte israeliana, oltre i due poliziotti uccisi il 14 luglio, tre coloni sono stati accoltellati a morte. Proprio su quest’incidente è arrivata una dichiarazione del premier israeliano Benjamin Netanyahu, che ha sostenuto “che è arrivato il tempo” di considerare la pena di morte per i terroristi. Sebbene la normativa israeliana preveda la possibilità di condannare a morte, questa pena era stata eseguita solo nel caso del criminale di guerra nazista Adolf Eichmann, nel 1962. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/07/2017 08:50:00 ISRAELE – PALESTINA
    Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti

    La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.



    26/07/2017 12:16:00 PALESTINA - ISRAELE
    Autorità palestinesi religiose e politiche continuano il boicottaggio della Spianata

    Israele ha rimosso i metal detector, ma ha annunciato nuove misure di controllo. Per Mahmoud Abbas si deve tornare a prima del 14 luglio per “tornare alla normalità” e riaprire il dialogo. La Corte suprema israeliana accorda la richiesta di un’Ong per i diritti umani alla restituzione dei corpi degli assalitori del 14 luglio.



    19/07/2017 08:54:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme: scontri fra polizia e fedeli musulmani

    Le violenze sono esplose alla fine della preghiera serale. I fedeli pregavano fuori dalla Spianata in protesta contro i metal detector. Fatah incoraggia il “Giorno dell’Ira”.



    25/07/2017 08:21:00 ISRAELE-PALESTINA
    Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

    Lo smantellamento avvenuto stamane prima dell’alba. Al loro posto Netanyahu propone nuove “tecnologie avanzate” di controllo. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu aveva chiesto di trovare una soluzione entro venerdì. Inviato Onu per il Medio oriente: questi eventi possono creare catastrofi ben oltre il Medio oriente.



    14/07/2017 09:15:00 ISRAELE - PALESTINA
    Sparatoria a Gerusalemme: tre palestinesi morti e tre israeliani feriti

    I tre assalitori palestinesi hanno aperto il fuoco alle 7:00, ferendo i tre poliziotti israeliani, per poi essere uccisi. Non sono ancora conosciute le identità.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®