05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/12/2015, 00.00

    CINA-VATICANO

    Il “miracolo” della Porta Santa di Zhengding: 10mila cattolici sotterranei celebrano il Giubileo senza arresti (Foto)

    Bernardo Cervellera

    La polizia era presente davanti alla cattedrale e in borghese fra i fedeli, ma tutto si è svolto senza alcun problema. Il vescovo Giulio Jia Zhiguo non è riconosciuto dal governo ed è agli arresti domiciliari, controllato giorno e notte. Viene spesso costretto a corsi di indottrinamento lontano dalla sua diocesi. Pressioni verso i sacerdoti sotterranei – anche con allettamenti e premi in denaro – per iscriversi all’Associazione patriottica.

    Roma (AsiaNews) – “È un miracolo! È una protezione del Cielo!”: è il commento di alcuni cattolici della comunità sotterranea di Zhengding (Hebei) dopo quello che è avvenuto domenica 13 dicembre. Circa 10mila fedeli di Zhengding, Lingshou, Pechino, Baoding si sono radunati davanti alla cattedrale (v. foto) per celebrare insieme l’inizio del Giubileo e l’apertura della Porta santa. Il “miracolo” è che la polizia, sempre presente davanti alla chiesa, non ha fatto nulla per impedire il gesto e non ha arrestato nessuno. E (forse) un miracolo ancora maggiore è che a presiedere la liturgia, durata dalle 8.30 del mattino fino alle 12.30, vi era il vescovo mons. Giulio Jia Zhiguo, vescovo non riconosciuto dal governo, agli arresti domiciliari da anni perché si rifiuta di iscriversi all’Associazione patriottica, rimanendo fedele al papa. L’Associazione patriottica è l’organismo di controllo del Partito, che ha lo scopo di edificare una Chiesa cattolica indipendente dal pontefice.

    Mons. Jia Zhiguo è controllato giorno e notte e vive affianco alla cattedrale di Zhengding. Spesso egli viene portato via per una o due settimane “in vacanza”, ossia per corsi di indottrinamento e di lavaggio del cervello per convincerlo ad aderire all’Associazione patriottica.

    Nonostante ciò, “è stupefacente – commenta una suora – che così tante persone abbiano potuto radunarsi per così tanto tempo e nessuno sia stato arrestato. È probabile che vi fossero poliziotti in borghese, mescolati alla folla, ma non è successo nulla”.

    L’apertura solenne della Porta santa a Zhengding è stata preceduta da una processione e poi da una serie di letture tratte dalla Misericordiae Vultus, la bolla di papa Francesco per l’indizione del Giubileo. Dopo l’apertura della Porta, si è svolta la cerimonia eucaristica. Per l’occasione, quel giorno vi era solo quella messa.

    Da anni il governo cinese tenta di eliminare le comunità sotterranee, non registrate, che compiendo atti religiosi fuori controllo, si macchiano di azioni “criminali”. Per questo molto spesso i sacerdoti implicati sono imprigionati. Negli ultimi mesi si registra pure una forte pressione verso i sacerdoti e i vescovi sotterranei a iscriversi all’Associazione patriottica, anche dietro allettamenti e ricompense in denaro.

    Pur essendo controllato a vista, mons. Jia Zhiguo è stimato dalla polizia e dalla popolazione. Per molto tempo, nella sua casa egli ha dato ospitalità a circa 200 bambini abbandonati e portatori di handicap, prendendosene cura personalmente, insieme ad alcune suore e fedeli.

    A miracle at the Holy Door in Zhengding-1
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-1


    A miracle at the Holy Door in Zhengding-2
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-2


    A miracle at the Holy Door in Zhengding-3
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-3


    A miracle at the Holy Door in Zhengding-4
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-4


    A miracle at the Holy Door in Zhengding-5
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-5


    A miracle at the Holy Door in Zhengding-6
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-6


    A miracle at the Holy Door in Zhengding-7
    A miracle at the Holy Door in Zhengding-7


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/01/2016 VATICANO
    Papa alla Porta Santa di S. Maria Maggiore: Maria, Madre di Cristo e “del perdono che rinnova la vita”
    All’apertura della Porta Santa della basilica di S. Maria Maggiore, papa Francesco sottolinea che Maria è la Madre del Dio che perdona, che insegna la Chiesa a perdonare oltre la “legge con i suoi cavilli” e la “sapienza di questo mondo con le sue distinzioni”. “Il perdono apre alla gioia e alla serenità perché libera l’anima dai pensieri di morte, mentre il rancore e la vendetta sobillano la mente e lacerano il cuore togliendogli il riposo e la pace”.

    08/12/2015 VATICANO
    Papa Francesco apre la Porta Santa in san Pietro: Giubileo della Misericordia nello “spirito del Vaticano II, del Samaritano”
    Il ricordo dell’evento ecclesiale di 50 anni fa, “vero incontro tra la Chiesa e gli uomini del nostro tempo”. Presenti almeno 60mila fedeli, nonostante le minacce di terrorismo. “Abbandoniamo ogni forma di paura e di timore, perché non si addice a chi è amato; viviamo, piuttosto, la gioia dell’incontro con la grazia che tutto trasforma”. L'abbraccio con Benedetto XVI.

    13/12/2015 VATICANO
    Papa a san Giovanni in Laterano: Inizia il tempo del grande perdono. Gioia, nonostante “grandi soprusi e violenze”
    Papa Francesco apre la Porta Santa nella cattedrale di Roma, in contemporanea con le cattedrali del mondo. “Non possiamo lasciarci prendere dalla stanchezza” o dalla “tristezza” davanti alle “molteplici forme di violenza che feriscono questa nostra umanità”. Compiere opere di giustizia e “guardare alle necessità di quanti sono nel bisogno”. Chi è cristiano è chiamato a un” impegno più radicale”: “essere strumenti di misericordia”, “testimoniare un amore che va oltre la giustizia, un amore che non conosce confini”.

    13/12/2015 VATICANO
    Papa: Conversione e gioia, anche se “il mondo è assillato da tanti problemi”
    All’Angelus papa Francesco invita a “cambiare direzione di marcia”, prendendo “la strada della giustizia, della solidarietà, della sobrietà”. Conversione anche per i pubblicani (gli “esattori delle tasse”), invitati a “non fare tangenti”. Chi si converte e si avvicina al Signore sente la gioia”. La Conferenza di Parigi sul clima necessita di “impegno e generosità”. La Conferenza di Nairobi dell’Omc tenga conto “dei bisogni dei poveri e delle persone più vulnerabili”. Il saluto ai detenuti del carcere di Padova, dove si è aperta la “Porta della Misericordia”. A cristiani e musulmani amici dei Focolari: “Andate avanti con coraggio. Siamo tutti figli di Dio”.

    10/08/2016 10:52:00 VATICANO
    Papa: Alla Porta santa, Gesù ti dice “Alzati!”. “Con il cuore guarito faccio opere di misericordia”

    All’udienza generale in aula Paolo VI, papa Francesco applica il miracolo per la vedova di Nain al cambiamento di ogni persona che passa attraverso la Porta santa. “Avviandoci alla Porta della Misericordia, ognuno sa di avviarsi alla porta del cuore misericordioso di Dio, di Gesù”. “Questa è la Porta dell’incontro tra il dolore dell’umanità e la compassione di Dio”. Dal cambiamento del “cuore” alle “mani” che compiono “opere di misericordia”. Porte sante “in entrata” e “in uscita”.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®