13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/12/2017, 10.25

    BANGLADESH-VATICANO

    Il Bangladesh pellegrino alla messa con papa Francesco (video)

    Anna Chiara Filice

    Stamattina la messa al Suhrawardi Udyan Park di Dhaka. Ordinati 16 sacerdoti. Presenti più di 70mila persone. Tra i partecipanti, anche alcuni lebbrosi di Khulna. Un gruppo dalla parrocchia di Mohespur ha trascorso 15 ore in viaggio. Le speranze delle giovani lavoratrici. L’impegno di un neo-consacrato.  Dalla nostra inviata.

    Dhaka (AsiaNews) – È un Bangladesh pellegrino quello che stamattina ha incontrato il papa. Migliaia di cattolici sono arrivati da ogni angolo del Paese per partecipare alla grande messa al Suhrawardi Udyan Park di Dhaka, durante la quale il pontefice ha ordinato 16 sacerdoti. Alcuni partecipanti hanno impiegato fino a due giorni di viaggio per raggiungere la capitale. A tutti i presenti papa Francesco ha detto: “Grazie per la vostra fede”. 

    P. Gregory Natale, assistente locale per la sala stampa della Santa Sede, riferisce ad AsiaNews: “Si sono registrati circa 110mila fedeli, ma oggi i partecipanti sono certo più di 70mila”.

    Fin dalle prime luci dell’alba i cattolici si sono messi in fila ai cancelli di ingresso: in tutto cinque, divisi per colore, a cui corrisponde una specifica appartenenza territoriale. I controlli si sono svolti in maniera ordinata e rispettando le file, cosa molto rara per una città dove regna la confusione più assoluta.

    A garantire la sicurezza dei pellegrini, circa 8mila poliziotti e 500 volontari cattolici. Tra di loro anche le unità di assistenza medica. Shanti Corraya, la responsabile, riporta che 50 medici e infermiere sono dislocati in 11 punti della città, per assistere coloro che vengono dai villaggi. Oggi alla messa ci sono 8 gruppi di primo soccorso, per un sostegno immediato in caso di piccoli infortuni e colpi di calore”. Alcune volontarie, tra i 17 e i 34 anni, sostengono: “Non siamo medici, ma abbiamo ricevuto una preparazione di base. Siamo sicure che basterà”.

    Tra i partecipanti, anche un gruppo di lebbrosi venuti dal Centro per lebbrosi Damien Hospital Khulna, nel sud del Bangladesh. Sr. Roberta Pignone, delle Missionarie dell’Immacolata che li accompagna, afferma: “Abbiamo avuto il permesso di portare nove persone”. Una di loro dice di “provare una grande gioia nel cuore. Sono contenta di essere qui”.

    Alla messa sono presenti anche 1500 giovani lavoratori, attuali ed ex ospiti dell’ostello “Gesù lavoratore” di Girani, periferia della capitale nota per le aziende tessili. Incontriamo quattro ragazze: Carolina, Kolpona, Angela e Rogina. “Non avremmo mai immaginato di poter incontrare il papa – sostengono – e ora speriamo che la visita del Santo Padre porti anche qualche cambiamento nel mondo del lavoro. Per esempio, migliori condizioni contrattuali per le donne”.

    La maggior parte dei pellegrini è arrivata ieri, e ha trovato ospitalità nelle tante case religiose e scuole cattoliche. Incontriamo un gruppo di 23 persone alla scuola saveriana Green Herald School and College, nel quartiere di Mohammadpur. Raccontano che dalla loro parrocchia nella diocesi di Dinajpur sono 85 quelli che hanno potuto partecipare. “Tanti altri volevano venire – riporta un fedele – ma il viaggio era costoso e non tutti se lo potevano permettere”. Un sacerdote che li accompagna riferisce: “Il prezzo del biglietto, 1500 taka (15 euro), corrisponde a circa due settimane di lavoro nei campi, e tanti non sono riuscito a raccogliere i soldi necessari”. Tra quelli che ce l’hanno fatta, una signora di 40 anni. “Per me – dichiara – è una doppia gioia, perché vedrò papa Francesco e sono a Dhaka, una città che non avevo mai avuto l’occasione di visitare”.

    Adajri proviene dallo stesso villaggio, ma ha studiato a Dhaka in uno dei migliori Medical College e ora lavora allo Square Hospital. Ribadisce la gioia di incontrare il papa e aggiunge: “Testimonio Cristo tra i nostri pazienti mostrando loro il suo volto compassionevole. Essi sanno che sono cattolica e mi dicono che sono brava”. La giovane di 23 anni è impiegata da 11 mesi. Per lei, la misericordia di Dio verso gli ammalati passa anche attraverso la rinuncia del salario. “Se so che sono molto poveri, diminuisco la parcella”, riferisce.

    Al termine della messa incontriamo p. Robert Nokrek, uno dei sacerdoti appena consacrati. “Sono contento, avverto su di me e attorno a me l’amore di Dio. Egli mi manda a sostenere il mio popolo. Andrò in una parrocchia del distretto di Jamalpur, nella diocesi di Mymensingh. Il mio motto è: ‘La grazia di Dio è tutto per me. Senza la sua grazia non posso fare nulla. Lo ricevo tutti i giorni nell’eucaristia. Compirò il suo disegno nella mia vita”.

    A conclusione della cerimonia, il card. Patrick D’Rozario, arcivescovo della capitale, ringraziando il pontefice afferma: “Santità, la sua visita porterà una moltitudine di benedizioni al Bangladesh”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2017 08:29:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa in Bangladesh: Il grazie ai 90mila fedeli; la preghiera per i 16 neo-ordinati

    Alla sua prima messa a Dhaka, papa Francesco ringrazia i cattolici, venuti anche ““da lontano, in un viaggio di più di due giorni”. La celebrazione nel luogo dove Mujibur Rahman ha proclamato la nascita del Bangladesh.



    02/12/2017 12:46:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa: Giovani del Bangladesh, impavidi, la sapienza di Dio rafforza la speranza

    All’incontro coi giovani, sono presenti 7mila cattolici, oltre a membri di altre religioni. Canti e danze per l’accoglienza e le testimonianze di un ragazzo e una ragazza. “Siete sempre pieni di entusiasmo, e mi sento ringiovanire ogni volta che vi incontro”. Per “non girovagare senza meta”, occorre affidarsi alla sapienza di Dio, che “ci aiuta a riconoscere e respingere le false promesse di felicità”. Tale sapienza “apre agli altri”, fa apprezzare la cultura degli anziani, “ci aiuta ad affrontare il futuro con coraggio”.



    28/11/2017 06:08:00 BANGLADESH-VATICANO
    Rohingya e periferie, i temi caldi in attesa di papa Francesco a Dhaka

    Dhaka ancora spoglia di simboli per l’accoglienza del pontefice. Al centro della visita: profughi, migranti e persone rifiutate. Nei campi di Cox’s Bazar la diocesi di Chittagong pensa all’educazione dei bambini Rohingya. I rischi di un trasferimento degli sfollati a Hill Tracts, dove non esistono diritti e sviluppo. Dalla nostra inviata.



    05/10/2017 15:43:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: papa Francesco sarà ‘pellegrino per l’anima del popolo’ del Bangladesh

    Il pontefice è atteso dal 30 novembre al 2 dicembre 2017. È la prima visita dopo quella di Giovanni Paolo II nel 1986. Una visita di Stato e per la cura pastorale dei cristiani e musulmani. Stimolo al dialogo tra le comunità religiose. L’intervista all’arcivescovo di Dhaka.



    21/11/2017 10:31:00 VATICANO – BANGLADESH
    Papa al popolo del Bangladesh: vengo per proclamare il messaggio di riconciliazione di Gesù (Video)

    Videomessaggio di papa Francesco in vista nel viaggio pastorale che effettuerà dal 30 novembre al 2 dicembre. Il pontefice sottolinea che la sua visita vuole confermare la comunità cristiana, ma pone molta importanza all'incontro con i leader religiosi.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®