27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/08/2012, 00.00

    NEPAL

    Il Comitato Onu per i diritti umani simbolo del fallimento della giustizia nepalese

    Kalpit Parajuli

    Sempre più persone si rivolgono all’organismo indipendente delle Nazioni Unite, perché la magistratura è incapace di tutelare i diritti dei cittadini. Fonti governative confermano: il numero degli appellanti “aumenta ogni anno”. La crisi politica ha bloccato una seria riforma della magistratura. E i casi di violenze e sparizioni restano impuniti o irrisolti.

    Kathmandu (AsiaNews) - Privati dei diritti di base e di un equo processo, un numero sempre crescente di cittadini nepalesi vittime di violenze e abusi si rivolge al Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani - piuttosto che alla magistratura ordinaria - per ottenere giustizia. I querelanti accusano lo Stato di aver violato i loro diritti civili e politici, sanciti dalla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (Iccpr) sottoscritta a suo tempo da Kathmandu. Fonti ministeriali e governative nella capitale confermano ad AsiaNews che il numero delle vittime che si rivolgono all'organismo indipendente Onu "aumenta ogni anno", con una crescita esponenziale a partire dal 2009. Fra le ragioni, il fallimento del sistema giuridico nazionale e l'incapacità della macchia della giustizia di rispondere alle denunce finora presentate.

    Fino al 2009, raccontano personalità governative, solo tre persone si sono rivolte al Comitato per i diritti umani; ora, il numero "ha raggiunto i 21" e i casi fanno sempre più riferimento a episodi di tortura, sparizioni forzate e omicidi extra-giudiziali avvenuti in particolare durante gli anni della guerra civile che hanno portato alla nascita della Repubblica federale. Tra le cause seguite dall'organismo delle Nazioni Unite le morti eccellenti di attivisti e membri di organizzazioni studentesche fra cui Subhadra Chaulgain, Chakra Bahadur Katuwal, Gyanendra Tripathi e Sarita Tharu.

    Secondo l'attivista per i diritti umani Mandria Sharma, che si è battuto a lungo per fare chiarezza sulla scomparsa di Gyanendra Tripathi portando la vicenda davanti alla Commissione, in alcuni casi sono gli stessi organismi nazionali e gli organi preposti a fare giustizia "a rifiutarsi di ricevere la denuncia e ad avviare un'indagine". E troppe volte, aggiunge, i criminali o i sospetti hanno potuto circolare liberamente senza nemmeno l'ombra di un'inchiesta a loro carico. "Questa situazione interna - conclude Sharma - ha seminato frustrazione fra le vittime e macchiato in modo indelebile l'immagine del Paese al cospetto della comunità internazionale".

    A complicare il quadro attuale del sistema giudiziario, vi è anche la fine del mandato affidato all'Assemblea costituente ed è assai improbabile che il governo possa dar vita a un sistema transitorio che possa risolvere le questioni pendenti. Ancora oggi vi sono oltre 900 casi di persone scomparse durante il conflitto e ancora oggi la loro situazione è sconosciuta. I familiari chiedono giustizia e si appellano al governo per chiedere indagini approfondite, senza però risultati concreti.

    L'instabilità politica, la crisi economica e l'assenza di una costituzione scritta hanno causato un revival della monarchia indù, caduta nel 2007 dopo 11 anni di guerra civile e migliaia di morti. In questi mesi l'ex monarca Gyanendra ha organizzato comizi in tutto il Nepal offrendosi per un suo ritorno alla guida del Paese. Ciò preoccupa i sostenitori della democrazia laica che temono un colpo di mano da parte dell'ex re e dei partiti indù. Nelle scorse settimane studenti legati ai partiti conservatori hanno attaccato decine di scuole straniere a Kathmandu e in altre zone, obbligando il governo a varare una manovra per cambiare i nomi degli istituti in lingua nepali, ridurre le rette. A tutt'oggi l'unico documento scritto che garantisce la laicità dello Stato è la costituzione ad interim del 2008.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/10/2006 ONU - NEPAL
    Onu: bambini nepalesi, vittime di violenze "nascoste"

    Il rapporto delle Nazioni Unite parla di abusi sessuali e maltrattamenti all'interno della famiglia. Non sopportando il trauma almeno 100 bambini l'anno scelgono il suicidio.



    22/09/2008 NEPAL – ONU
    Nepal, Prachanda in Usa per l’Assemblea generale dell'Onu
    Questa sera il leader maoista parteciperà alla cena di gala offerta dal governo americano, che non ha ancora rimosso il movimento di ispirazione comunista dalla “lisa nera” dei terroristi. Il primo ministro parlerà di fronte all’Assemblea, che attende rassicurazioni in materia di diritti umani.

    11/11/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
    Nunzio a Damasco: conflitto siriano, l’ottimismo Onu e il dramma di un popolo stremato
    Mons. Zenari ha incontrato il rappresentante speciale delle Nazioni Unite Staffan de Mistura, “determinato” al raggiungimento di una tregua. L’obiettivo è creare zone in cui “congelare” il conflitto e favorire l’invio di aiuti. Aperture dal presidente Assad. Ma la popolazione è stanca e “chi può cerca di fuggire”. La speranza di un fronte comune contro i jihadisti.

    01/10/2015 PALESTINA - NAZIONI UNITE
    Onu: issata la bandiera palestinese. Abu Mazen: preservare unità della terra e del popolo
    Ieri si è tenuta la cerimonia di alzabandiera per la Palestina, in qualità di Paese osservatore non membro. Rivolgendosi all’assemblea, il presidente dell’Ap ha dichiarato che non valgono più gli accordi di Oslo, violati “in continuazione” da Israele. Obiettivo elezioni presidenziali e politiche “il prima possibile”.

    29/08/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
    Onu: in Siria oltre 3 milioni di rifugiati, "la più grande emergenza umanitaria”
    Quasi la metà degli abitanti costretti a lasciare le proprie case dall’inizio del conflitto, nel marzo 2011. Il Libano è il Paese che ha accolto il maggior numero di profughi, oltre 1,1 milioni; altri 6,5 milioni sono sfollati interni. Lo Stato islamico ha portato le violenze contro i civili “a un nuovo livello” e ostacola la distribuzione di aiuti.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    POLONIA – CINA – GMG
    “Il nostro sogno è portare la Gmg in Cina. Nonostante gli ostacoli del governo”



    La foltissima delegazione del mondo cinese a Cracovia per la XXXI Giornata mondiale della Gioventù non perde la speranza: “Il governo ha fatto e fa tante cose per scoraggiarci. Ma non potranno vincere per sempre. E un giorno il Papa celebrerà i giovani in Cina”. La gioia e lo stupore di essere in Polonia: “Al di là del lato religioso è un viaggio meraviglioso: nel nostro Paese oramai viviamo chiusi un carcere culturale, passiamo il tempo a contarci le dita. Qui invece c’è tutto il mondo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®