1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
NEPAL
Il Comitato Onu per i diritti umani simbolo del fallimento della giustizia nepalese
di Kalpit Parajuli
Sempre più persone si rivolgono all’organismo indipendente delle Nazioni Unite, perché la magistratura è incapace di tutelare i diritti dei cittadini. Fonti governative confermano: il numero degli appellanti “aumenta ogni anno”. La crisi politica ha bloccato una seria riforma della magistratura. E i casi di violenze e sparizioni restano impuniti o irrisolti.

Kathmandu (AsiaNews) - Privati dei diritti di base e di un equo processo, un numero sempre crescente di cittadini nepalesi vittime di violenze e abusi si rivolge al Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani - piuttosto che alla magistratura ordinaria - per ottenere giustizia. I querelanti accusano lo Stato di aver violato i loro diritti civili e politici, sanciti dalla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (Iccpr) sottoscritta a suo tempo da Kathmandu. Fonti ministeriali e governative nella capitale confermano ad AsiaNews che il numero delle vittime che si rivolgono all'organismo indipendente Onu "aumenta ogni anno", con una crescita esponenziale a partire dal 2009. Fra le ragioni, il fallimento del sistema giuridico nazionale e l'incapacità della macchia della giustizia di rispondere alle denunce finora presentate.

Fino al 2009, raccontano personalità governative, solo tre persone si sono rivolte al Comitato per i diritti umani; ora, il numero "ha raggiunto i 21" e i casi fanno sempre più riferimento a episodi di tortura, sparizioni forzate e omicidi extra-giudiziali avvenuti in particolare durante gli anni della guerra civile che hanno portato alla nascita della Repubblica federale. Tra le cause seguite dall'organismo delle Nazioni Unite le morti eccellenti di attivisti e membri di organizzazioni studentesche fra cui Subhadra Chaulgain, Chakra Bahadur Katuwal, Gyanendra Tripathi e Sarita Tharu.

Secondo l'attivista per i diritti umani Mandria Sharma, che si è battuto a lungo per fare chiarezza sulla scomparsa di Gyanendra Tripathi portando la vicenda davanti alla Commissione, in alcuni casi sono gli stessi organismi nazionali e gli organi preposti a fare giustizia "a rifiutarsi di ricevere la denuncia e ad avviare un'indagine". E troppe volte, aggiunge, i criminali o i sospetti hanno potuto circolare liberamente senza nemmeno l'ombra di un'inchiesta a loro carico. "Questa situazione interna - conclude Sharma - ha seminato frustrazione fra le vittime e macchiato in modo indelebile l'immagine del Paese al cospetto della comunità internazionale".

A complicare il quadro attuale del sistema giudiziario, vi è anche la fine del mandato affidato all'Assemblea costituente ed è assai improbabile che il governo possa dar vita a un sistema transitorio che possa risolvere le questioni pendenti. Ancora oggi vi sono oltre 900 casi di persone scomparse durante il conflitto e ancora oggi la loro situazione è sconosciuta. I familiari chiedono giustizia e si appellano al governo per chiedere indagini approfondite, senza però risultati concreti.

L'instabilità politica, la crisi economica e l'assenza di una costituzione scritta hanno causato un revival della monarchia indù, caduta nel 2007 dopo 11 anni di guerra civile e migliaia di morti. In questi mesi l'ex monarca Gyanendra ha organizzato comizi in tutto il Nepal offrendosi per un suo ritorno alla guida del Paese. Ciò preoccupa i sostenitori della democrazia laica che temono un colpo di mano da parte dell'ex re e dei partiti indù. Nelle scorse settimane studenti legati ai partiti conservatori hanno attaccato decine di scuole straniere a Kathmandu e in altre zone, obbligando il governo a varare una manovra per cambiare i nomi degli istituti in lingua nepali, ridurre le rette. A tutt'oggi l'unico documento scritto che garantisce la laicità dello Stato è la costituzione ad interim del 2008.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/10/2006 ONU - NEPAL
Onu: bambini nepalesi, vittime di violenze "nascoste"
22/09/2008 NEPAL – ONU
Nepal, Prachanda in Usa per l’Assemblea generale dell'Onu
di Kalpit Parajuli
11/11/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
Nunzio a Damasco: conflitto siriano, l’ottimismo Onu e il dramma di un popolo stremato
29/08/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
Onu: in Siria oltre 3 milioni di rifugiati, "la più grande emergenza umanitaria”
15/05/2007 CINA
Maggiore trasparenza nei tribunali, ma sotto il controllo del Partito

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate