23 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
NEPAL
Il Comitato Onu per i diritti umani simbolo del fallimento della giustizia nepalese
di Kalpit Parajuli
Sempre più persone si rivolgono all’organismo indipendente delle Nazioni Unite, perché la magistratura è incapace di tutelare i diritti dei cittadini. Fonti governative confermano: il numero degli appellanti “aumenta ogni anno”. La crisi politica ha bloccato una seria riforma della magistratura. E i casi di violenze e sparizioni restano impuniti o irrisolti.

Kathmandu (AsiaNews) - Privati dei diritti di base e di un equo processo, un numero sempre crescente di cittadini nepalesi vittime di violenze e abusi si rivolge al Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani - piuttosto che alla magistratura ordinaria - per ottenere giustizia. I querelanti accusano lo Stato di aver violato i loro diritti civili e politici, sanciti dalla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (Iccpr) sottoscritta a suo tempo da Kathmandu. Fonti ministeriali e governative nella capitale confermano ad AsiaNews che il numero delle vittime che si rivolgono all'organismo indipendente Onu "aumenta ogni anno", con una crescita esponenziale a partire dal 2009. Fra le ragioni, il fallimento del sistema giuridico nazionale e l'incapacità della macchia della giustizia di rispondere alle denunce finora presentate.

Fino al 2009, raccontano personalità governative, solo tre persone si sono rivolte al Comitato per i diritti umani; ora, il numero "ha raggiunto i 21" e i casi fanno sempre più riferimento a episodi di tortura, sparizioni forzate e omicidi extra-giudiziali avvenuti in particolare durante gli anni della guerra civile che hanno portato alla nascita della Repubblica federale. Tra le cause seguite dall'organismo delle Nazioni Unite le morti eccellenti di attivisti e membri di organizzazioni studentesche fra cui Subhadra Chaulgain, Chakra Bahadur Katuwal, Gyanendra Tripathi e Sarita Tharu.

Secondo l'attivista per i diritti umani Mandria Sharma, che si è battuto a lungo per fare chiarezza sulla scomparsa di Gyanendra Tripathi portando la vicenda davanti alla Commissione, in alcuni casi sono gli stessi organismi nazionali e gli organi preposti a fare giustizia "a rifiutarsi di ricevere la denuncia e ad avviare un'indagine". E troppe volte, aggiunge, i criminali o i sospetti hanno potuto circolare liberamente senza nemmeno l'ombra di un'inchiesta a loro carico. "Questa situazione interna - conclude Sharma - ha seminato frustrazione fra le vittime e macchiato in modo indelebile l'immagine del Paese al cospetto della comunità internazionale".

A complicare il quadro attuale del sistema giudiziario, vi è anche la fine del mandato affidato all'Assemblea costituente ed è assai improbabile che il governo possa dar vita a un sistema transitorio che possa risolvere le questioni pendenti. Ancora oggi vi sono oltre 900 casi di persone scomparse durante il conflitto e ancora oggi la loro situazione è sconosciuta. I familiari chiedono giustizia e si appellano al governo per chiedere indagini approfondite, senza però risultati concreti.

L'instabilità politica, la crisi economica e l'assenza di una costituzione scritta hanno causato un revival della monarchia indù, caduta nel 2007 dopo 11 anni di guerra civile e migliaia di morti. In questi mesi l'ex monarca Gyanendra ha organizzato comizi in tutto il Nepal offrendosi per un suo ritorno alla guida del Paese. Ciò preoccupa i sostenitori della democrazia laica che temono un colpo di mano da parte dell'ex re e dei partiti indù. Nelle scorse settimane studenti legati ai partiti conservatori hanno attaccato decine di scuole straniere a Kathmandu e in altre zone, obbligando il governo a varare una manovra per cambiare i nomi degli istituti in lingua nepali, ridurre le rette. A tutt'oggi l'unico documento scritto che garantisce la laicità dello Stato è la costituzione ad interim del 2008.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/10/2006 ONU - NEPAL
Onu: bambini nepalesi, vittime di violenze "nascoste"
22/09/2008 NEPAL – ONU
Nepal, Prachanda in Usa per l’Assemblea generale dell'Onu
di Kalpit Parajuli
15/05/2007 CINA
Maggiore trasparenza nei tribunali, ma sotto il controllo del Partito
07/08/2009 INDIA
India, Corte Suprema: prendere a calci la moglie non è atto di “crudeltà”
di Nirmala Carvalho
15/06/2010 KIRGHIZISTAN
Nel sud del Paese ora c’è rischio di una tragedia umanitaria

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate