5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/02/2008
CINA
Il Nuovo anno lunare inizia al freddo, senza luce né acqua
Per milioni di cinesi le forniture elettriche e idriche non saranno ancora ripristinate per giorni. Arrivano infine i generatori diesel, ma solo per le grandi città. Esperti: gravissima l’inefficienza mostrata dallo Stato, privo di idee e delle attrezzature necessarie.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nuovo anno lunare senza luce, riscaldamento e acqua per milioni di cinesi, in migliaia di villaggi colpiti dalle eccezionali nevicate di queste settimane. Gu Junyuan, ingegnere capo della Commissione statale per la regolamentazione dell’elettricità, ha detto oggi che le forniture di elettricità e acqua sono state ripristinate in 131 delle 170 contee che ne sono rimaste prive e che si spera di farlo per tutte le città, ma non per più dell’80% dei villaggi prima del Nuovo anno, che inizia domani a mezzanotte. Oggi Zheng Guoguang, capo dell’Amministrazione meteorologica cinese, ha ammesso quanto evidente: che il Paese “non aveva previsto i disastri, non aveva un programma per l’emergenza, non aveva le attrezzature necessarie nella regioni colpite”. Anche se si premura di aggiungere che “il nostro premier [Wen Jiabao] aveva di recente ordinato di predisporre programmi per le emergenze”.

Le festa del Nuovo anno per oltre 100 milioni di migranti è l’unica occasione per tornare a casa dalle famiglie. Ora treni e aerei hanno ripreso il servizio e a Guangzhou c’è una coda di appena 80mila viaggiatori, rispetto agli 800mila dei giorni scorsi, quando la migrante Li Hongxia è stata schiacciata a morte dalla folla che premeva per entrare in stazione. Oltre 15mila poliziotti e 1.500 soldati sorvegliano il deflusso delle code, magari anche per impedire proteste.

Ma milioni di cinesi sono senza energia e acqua da oltre una settimana. Per ricollegare le linee elettriche, con i cavi spezzati e i piloni crollati per neve e ghiaccio, 11 operai sono morti. “Ci vorrà molto tempo – conferma l’ingegnere Zhang Xuejiang al quotidiano South China Morning Post – per ripristinare l’energia per città più piccole e villaggi. Quando cade un pilone, occorre molto lavoro per metterne un altro, specie considerato il cattivo stato delle strade”.

Dopo giorni sono arrivati i generatori a gasolio, che, però, bastano appena per le maggiori città.  A Tanling, città di 750mila abitanti (Lianzhou), c’è di nuovo l’energia, grazie a un generatore posto presso il municipio. Ma più di 3.800 persone in remoti villaggi sul vicino Monte Dadong sono isolate dal 24 gennaio e gli abitanti hanno dovuto camminare per 10 ore per riuscire a prendere un po’ di cibo. Decine di soldati hanno scavato neve e ghiaccio, senza riuscire a riaprire molte strade.

Con le linee telefoniche interrotte o indebolite, è anche difficile avere notizie dei familiari in viaggio. Dopo oltre una settimana Kaili, città di mezzo milione di abitanti, ha di nuovo l’elettricità. Ma Zhang Dehua attende da giorni il figlio alla stazione. “Ho sperato che fosse su quel treno – spiega – ma non c’era. Ora aspetterò il prossimo treno, o magari quello successivo”.

Esperti osservano che, anche se questo è il peggior inverno da oltre un secolo, la conclamata efficienza del governo cinese ha mostrato tutti i limiti: per giorni sono mancate idee chiare su cosa fare e lo stesso esercito è stato mandato ad affrontare la situazione senza essere preparato. Ci sono voluti giorni per pulire le principali autostrade dal ghiaccio e soccorrere decine di migliaia di viaggiatori nelle auto bloccate, o per distribuire generatori diesel di elettricità almeno nelle città con milioni di abitanti prive di energia e acqua. Ha dell’incredibile che una linea ferroviaria come quella da Guangzhou a Pechino sia stata ferma per giorni per mancanza di energia elettrica e che milioni di persone siano state lasciate ammucchiate in stazione, abbandonate a loro stesse. Come pure appare preoccupante la relativa debolezza del sistema per la fornitura elettrica.

Analisti commentano che è paradossale che le autorità proclamino che la situazione sta tornando normale, mentre milioni di persone sono ancora isolate senza energia né rifornimenti di cibo.

Intanto ieri i 4,6 milioni di abitanti di Chenzhou sono stati senza elettricità né acqua, per l’11mo giorno, mentre Zhang Chunxian, capo del Partito comunista dell’Hunan, e Zhou Quang, governatore, hanno proclamato che la città ha ottenuto una “vittoria decisiva” contro il maltempo. In piena sintonia con loro è il premier Wen Jiabao, che oggi si è detto fiducioso che il Paese otterrà “la vittoria finale” contro il freddo inverno.

Intanto 12 delle 31 province ancora hanno energia razionata e nelle più colpite province di Hunan, Jiangxi e Guizhou c’è solo metà della normale capacità elettrica. “Le scorte di carbone [delle centrali elettriche] – ha detto oggi la Commissione per la riforma e lo sviluppo nazionale – sono ancora basse e alle miniere è stato detto di proseguire la produzione anche durante le feste del Nuovo anno”. Il 78% dell’energia del Paese deriva dal carbone.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/02/2008 CINA
La neve dà tregua, riaprono strade e ferrovie, ma la situazione rimane grave
29/01/2008 CINA
Il maltempo attanaglia 77 milioni di cinesi, distrutte 399mila case
22/01/2008 CINA
La neve rompe la linea elettrica dalla Diga delle Tre Gole a Shanghai
09/02/2008 CINA
Il Nuovo anno porta la fine dell’emergenza-neve
30/01/2008 CINA
Emergenza-neve, come la Sars nel 2003

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate