29 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/06/2004
VATICANO
Il Papa, non manchi aiuto ai cristiani di Terrasanta

Città del Vaticano (AsiaNews) – Non venga mai meno il sostegno dell'intera Chiesa cattolica ai cristiani di Terrasanta, "tanto provati da perdurante violenza e da numerosi altri problemi che producono impoverimento economico, conflittualità sociale, avvilimento umano e culturale". Giovanni Paolo II è tornato oggi ad esortare i cristiani di tutto il mondo ad una "fattiva solidarietà" con i loro fratelli che vivono in difficile condizioni nella terra ove nacque Gesù.

La comunità cristiana, infatti, vive un momento reso drammatico non solo dalle violenze del conflitto israelo-palestinese, ma anche dalla brusca caduta dei pellegrinaggi che offrivano occasione anche di sopravvivenza economica; è così cresciuto il numero di coloro che hanno abbandonato il Paese ed anche per chi è rimasto è forte la tentazione di imboccare la via dell'esilio, lasciando così privi di una chiesa viva i luoghi stessi di Gesù. Da qui l'urgenza di aiuti economici che possano contribuire a fermare questo esodo che sembra quasi inarrestabile.
"Occasione significativa per esprimere questa comunione solidale, che unisce tutti i credenti in Cristo - ha ricordato oggi il Papa in occasione dell'incontro con i partecipanti all'assemblea della "Riunione delle opere in aiuto alle Chiese orientali" (R.O.A.C.O.), un organismo che fa capo alla Congregazione per le Chiese orientali - è la Colletta per la Terra Santa, tradizionalmente raccolta il Venerdì Santo in ogni parte del mondo. I miei venerati Predecessori hanno sempre raccomandato a tutte le Comunità cristiane la cura per la Chiesa madre di Gerusalemme. Occorre perseverare - ha continuato - pregando intensamente per la pace dei Popoli che vivono nella Terra di Gesù".
Secondo il Papa, in questo modo "è possibile prestare soccorso alle urgenti necessità ed alimentare lo spirito d'accoglienza e di rispetto reciproci, favorendo la maturazione di una comune volontà di riconciliazione. Tutto ciò non può non contribuire a costruire la pace tanto auspicata".
 Il Papa ha ringraziati oggi la Roaco per il soccorso offerto alle comunità cristiane delle Chiese d'Oriente, "sottoposte in questo nostro tempo a dura prova a causa dei conflitti in atto, del terrorismo e di altre difficoltà. All'azione generosa in favore delle popolazioni dell'Iraq, voi avete unito - ha concluso - una particolare attenzione per la Chiesa greco-cattolica di Romania".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2013 VATICANO – CHIESE ORIENTALI
Card. Sandri: Le Chiese d'Oriente ci insegnano la solidarietà e ci fanno riscoprire la fede
19/06/2008 VATICANO
Papa: siano offerte al Medio Oriente “la sospirata pace”, stabilità e libertà religiosa
10/07/2007 VATICANO
Solo la Chiesa cattolica è la vera “Chiesa di Cristo”
28/05/2009 VATICANO
Papa: la crisi spinga i cristiani a manifestare solidarietà verso chi è più colpito
31/12/2008 VATICANO
Papa: “non poche ombre” all’orizzonte del 2009, ma con la fede non dobbiamo avere paura

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate