27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/06/2004
VATICANO
Il Papa, non manchi aiuto ai cristiani di Terrasanta

Città del Vaticano (AsiaNews) – Non venga mai meno il sostegno dell'intera Chiesa cattolica ai cristiani di Terrasanta, "tanto provati da perdurante violenza e da numerosi altri problemi che producono impoverimento economico, conflittualità sociale, avvilimento umano e culturale". Giovanni Paolo II è tornato oggi ad esortare i cristiani di tutto il mondo ad una "fattiva solidarietà" con i loro fratelli che vivono in difficile condizioni nella terra ove nacque Gesù.

La comunità cristiana, infatti, vive un momento reso drammatico non solo dalle violenze del conflitto israelo-palestinese, ma anche dalla brusca caduta dei pellegrinaggi che offrivano occasione anche di sopravvivenza economica; è così cresciuto il numero di coloro che hanno abbandonato il Paese ed anche per chi è rimasto è forte la tentazione di imboccare la via dell'esilio, lasciando così privi di una chiesa viva i luoghi stessi di Gesù. Da qui l'urgenza di aiuti economici che possano contribuire a fermare questo esodo che sembra quasi inarrestabile.
"Occasione significativa per esprimere questa comunione solidale, che unisce tutti i credenti in Cristo - ha ricordato oggi il Papa in occasione dell'incontro con i partecipanti all'assemblea della "Riunione delle opere in aiuto alle Chiese orientali" (R.O.A.C.O.), un organismo che fa capo alla Congregazione per le Chiese orientali - è la Colletta per la Terra Santa, tradizionalmente raccolta il Venerdì Santo in ogni parte del mondo. I miei venerati Predecessori hanno sempre raccomandato a tutte le Comunità cristiane la cura per la Chiesa madre di Gerusalemme. Occorre perseverare - ha continuato - pregando intensamente per la pace dei Popoli che vivono nella Terra di Gesù".
Secondo il Papa, in questo modo "è possibile prestare soccorso alle urgenti necessità ed alimentare lo spirito d'accoglienza e di rispetto reciproci, favorendo la maturazione di una comune volontà di riconciliazione. Tutto ciò non può non contribuire a costruire la pace tanto auspicata".
 Il Papa ha ringraziati oggi la Roaco per il soccorso offerto alle comunità cristiane delle Chiese d'Oriente, "sottoposte in questo nostro tempo a dura prova a causa dei conflitti in atto, del terrorismo e di altre difficoltà. All'azione generosa in favore delle popolazioni dell'Iraq, voi avete unito - ha concluso - una particolare attenzione per la Chiesa greco-cattolica di Romania".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2013 VATICANO – CHIESE ORIENTALI
Card. Sandri: Le Chiese d'Oriente ci insegnano la solidarietà e ci fanno riscoprire la fede
19/06/2008 VATICANO
Papa: siano offerte al Medio Oriente “la sospirata pace”, stabilità e libertà religiosa
10/07/2007 VATICANO
Solo la Chiesa cattolica è la vera “Chiesa di Cristo”
28/05/2009 VATICANO
Papa: la crisi spinga i cristiani a manifestare solidarietà verso chi è più colpito
31/12/2008 VATICANO
Papa: “non poche ombre” all’orizzonte del 2009, ma con la fede non dobbiamo avere paura

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate