11/02/2021, 13.12
LIBANO
Invia ad un amico

Il Papa ha chiesto di aiutare il Libano ‘minacciato nella sua identità’

di Fady Noun

L'arcivescovo maronita di Beirut: “Un anno fa in chiesa erano presenti un gran numero di leader del nostro Paese. Ho trasmesso loro il grido dei libanesi oppressi fino alla disperazione, in attesa in lunghe file alle porte degli accaparratori dei loro bisogni primari (...). L'hanno sentito e se ne sono andati. Ma niente è cambiato”.

Beirut (AsiaNews) - Preservare "la realtà libanese" e la "stabilità" del Libano è l'essenza del paragrafo dedicato al Libano da papa Francesco, nel discorso pronunciato l'8 febbraio ai membri del corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, nell’Aula delle benedizioni. Questo paragrafo era rivolto principalmente, ma non esclusivamente, alla comunità internazionale che il Papa ha invitato a impegnarsi per la "stabilità" del Libano, del suo "equilibrio interno", del suo carattere "plurale", della sua ripresa economica e infine a favore delle riforme interne.

In un lungo ma affascinante inventario planetario, il paragrafo dedicato dal Santo Padre al Libano dice: "auspico un rinnovato impegno politico nazionale e internazionale per favorire la stabilità del Libano, che è attraversato da una crisi interna e rischia di perdere la sua identità e di trovarsi ancor più coinvolto nelle tensioni regionali. È quanto mai necessario che il Paese mantenga la sua identità unica, anche per assicurare un Medio Oriente plurale, tollerante e diversificato, nel quale la presenza cristiana possa offrire il proprio contributo e non sia ridotta a una minoranza da proteggere. I cristiani costituiscono il tessuto connettivo storico e sociale del Libano e ad essi, attraverso le molteplici opere educative, sanitarie e caritative, va assicurata la possibilità di continuare a operare per il bene del Paese, del quale sono stati fondatori. Indebolire la comunità cristiana rischia di distruggere l’equilibrio interno e la stessa realtà libanese”.

“In quest’ottica va affrontata anche la presenza dei profughi siriani e palestinesi. Inoltre, senza un urgente processo di ripresa economica e di ricostruzione, si rischia il fallimento del Paese, con la possibile conseguenza di pericolose derive fondamentaliste. È dunque necessario che tutti i leader politici e religiosi, messi da parte i propri interessi, si impegnino a perseguire la giustizia e ad attuare vere riforme per il bene dei cittadini, agendo in modo trasparente e assumendosi la responsabilità delle proprie azioni”. 

Questo pressante appello alla comunità internazionale e alle grandi potenze coincide con il recente appello del Patriarca maronita per una conferenza internazionale sotto gli auspici delle Nazioni Unite che “miri a consolidare il Libano nelle sue moderne basi costituzionali”, che "sono basata sull'unità dell'entità libanese e sul principio della sua neutralità”.

Per il Patriarca, la conferenza dovrebbe consentire "di offrire garanzie permanenti che proteggano il Paese da ogni aggressione alla sua sovranità", per "porre fine alla presenza di armi illegali".

In una regione che si adatta alla novità dell'elezione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, una riorganizzazione del mondo arabo con la riconciliazione tra Arabia Saudita e Qatar, e la prospettiva di un allentamento della tensione tra Stati Uniti e Iran, questo l'appello non dovrebbe rimanere senza risposta.

Insieme a questi sviluppi, ha fatto scalpore l'omelia dell'arcivescovo maronita di Beirut, mons. Boulos (Paul) Abdelsater (nella foto), il 9 febbraio, festa di San Marone . In una commento ispirato alle Beatitudini, il vescovo, che tradizionalmente celebra la festa del Santo davanti a un pubblico di personalità ufficiali, ma che quest'anno ha presieduto la messa in una chiesa deserta, ha fatto eco alle prove vissute per un anno dal popolazione, in particolare dai poveri e dai lavoratori a giornata. Denunciando lo stato di abbandono e le ingiustizie subite dalla popolazione, l'Arcivescovo ha detto: “Un anno fa mi trovavo davanti a questo altare, e in chiesa erano presenti anche un gran numero di leader del nostro Paese. Ho trasmesso loro il grido dei libanesi oppressi fino alla disperazione, in attesa in lunghe file alle porte degli accaparratori dei loro bisogni primari (...). L'hanno sentito e se ne sono andati. Ma niente è cambiato. Piuttosto, le cose peggiorarono, si diffuse la corruzione, si svilupparono strategie di inganno e occultamento della verità e si diffondono bugie, ipocrisia e irresponsabilità”.

“Guai a voi, o politici del mio Paese, perché costruite la vostra gloria sull'oppressione e l'umiliazione di coloro che si sono fidati di voi. Ricordate che la storia sarà spietata e menzionerà i tuoi nomi tra quelli di tiranni, corrotti e aguzzini!”.

“Guai a voi, responsabili finanziari in Libano, perché accumulate ricchezze e costruite le vostre case con il denaro di padri e madri che lottano per garantire il futuro dei loro figli. Ricorda che Dio ode i gemiti degli oppressi e i sudari non hanno tasche. Le tue ricchezze e le tue case torneranno inevitabilmente ad altri, e le maledizioni degli oppressi ti inseguiranno nella tua tomba!”.

"Guai a voi che siete responsabili dell'amministrazione della giustizia e della legge nel mio Paese, perché mettete i vostri giudizi al servizio delle vostre posizioni, titoli e acquisizioni, e opprimete il detentore del diritto. In verità vi dico, i vostri posti vi saranno tolti. Non dimenticare che ti troverai sicuramente di fronte a Colui che detiene il giudizio e che non guarda alle apparenze!”.

Questo sermone è stato lanciato quando il Libano sta affrontando, da oltre un anno, diverse crisi di grave portata, oltre che socioeconomica, finanziaria, politica e sanitaria. A seguito di queste crisi, aggravate dalla pandemia di coronavirus e dalla doppia esplosione nel porto di Beirut, che ha ucciso 209 persone, più della metà della popolazione libanese vive oggi sotto la soglia di povertà, in un Paese sconvolto dai disordini, che volgono alla violenza, che sta vivendo un'inflazione dilagante, e dove la lira libanese ha perso più dell'80 per cento del suo potere d'acquisto. E che, da agosto, soffre di una crisi costituzionale che ha impedito la formazione di un nuovo governo.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Radicali indù contro l’arcivescovo di Goa: ‘Non faccia politica’ (Video)
06/06/2018 11:29
Scontro frontale fra il patriarca Raï e i gruppi sciiti sul ministero delle Finanze
21/09/2020 08:57
Inchiesta indipendente e governo di rottura: la ricetta libanese del patriarca Raï
14/09/2020 11:18
Beirut, crisi politica: il patriarca Raï auspica un esecutivo di emergenza
07/09/2020 08:56
​Parolin: Ciò che è essenziale è l'identità del Libano
06/09/2020