13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2017, 12.24

    RUSSIA-UZBEKISTAN-VATICANO

    Il Patriarca russo in Uzbekistan, simbolo di convivenza islamo-cristiana

    Vladimir Rozanskij

    Consacrata la nuova cattedrale ortodossa a Tashkent. A Samarcanda il patriarca ha visitato la tomba del profeta Daniele, venerata da cristiani e musulmani. Nel Paese convivono 2239 comunità religiose di 16 confessioni diverse, con almeno 50 chiese ortodosse. Lukashenko propone un nuovo incontro fra papa Francesco e Kirill a Minsk.

    Mosca (AsiaNews) - Si è conclusa il 1° ottobre la visita ufficiale del patriarca ortodosso di Mosca Kirill (Gundjaev) in Uzbekistan, compiuta per celebrare i 145 anni dell’istituzione della eparchia ortodossa di Taškent, capoluogo della nazione più popolosa dell’Asia Centrale. I russi hanno rapporti stretti con le popolazioni turco-mongole di questi Paesi, che da dominatori ai tempi delle conquiste tatare, furono dominati dai russi nel XIX secolo e nel periodo sovietico, con l’Uzbekistan essendo una delle 15 repubbliche dell’Urss.

    La minoranza russa, con quasi 2 milioni di abitanti su 27 di popolazione, è la più importante dopo gli stessi uzbeki, e affianca una ventina di altre etnie di doverse provenienze. È una fetta importante di quel “mondo russo” di cui il patriarcato di Mosca è responsabile pastoralmente al di fuori dei propri confini, e che in gran parte si trova proprio nelle repubbliche ex-sovietiche, dove era stata condotta un’intensa politica di russificazione. Alla cerimonia ufficiale tenutasi nel palazzo Turkiston di Taškent, il capo della Chiesa russa ha incontrato la vedova del presidente Islom Karimov, che ha guidato il Paese dalla fine dell’Unione Sovietica fino alla sua morte giusto un anno fa, e il suo successore Shavkat Mirziyoyev, eletto lo scorso dicembre dopo essere stato a lungo primo ministro e principale collaboratore di Karimov.

    Il giorno precedente, visitando la storica città di Samarcanda, il patriarca si era inchinato sulle reliquie del profeta Daniele, situate in un mausoleo cittadino e venerato da cristiani e musulmani. Secondo la tradizione locale, il profeta avrebbe ispirato il predicatore Kusama ibn Abbas, protagonista della conversione della città all’Islam.

    Buone relazioni fra ortodossi e musulmani

    Durante la visita, Kirill ha lodato le ottime relazioni tra gli ortodossi locali e la maggioranza musulmana, invitando i cittadini del Paese a custodire la pace nei rapporti interreligiosi ed essere così un esempio per tutti. “Questa capacità di accoglienza reciproca non è facile da mantenere” – ha ricordato il patriarca durante la consacrazione della nuova cattedrale di Taškent – “in molti Paesi ci sono conflitti sanguinosi tra le religioni, che rendono assai complicata la convivenza nella società… Per questo dobbiamo avere particolarmente a cuore la coesione sociale e interreligiosa di un Paese dove s’impara a collaborare gli uni con gli altri”.

    Secondo i dati governativi, in Uzbekistan sono registrate 2239 comunità religiose di 16 confessioni diverse, tra cui una cinquantina di chiese ortodosse.

    Kirill ha riconosciuto che tale condizione favorevole non sarebbe possibile senza il fattivo sostegno delle istituzioni politiche, che garantiscono le pari opportunità a tutte le confessioni, agli ortodossi come ai musulmani. Questo fa sì che i cittadini russi, ucraini e bielorussi dell’Uzbekistan non soltanto partecipano attivamente alla vita della società, ma sono anche degli ortodossi esemplari, che mostrano il volto evangelico e dialogante della fede cristiana.  Allo stesso tempo, davanti ai rappresentanti delle istituzioni uzbeke, il patriarca ha tenuto a precisare che la Chiesa ortodossa non ha alcuna pretesa d’ingerenza nella vita politica di qualunque Paese: “La testimonianza di fede della nostra Chiesa - ha detto - non è mai stata strumento di pressione o diffusione della nostra influenza tra la gente… Se confrontiamo la missione ortodossa con quella di alcune confessioni occidentali, che spesso è stata accompagnata dalla violenza, dall’oppressione e dal perseguimento di scopi politici, la nostra fede invece non ha mai cercato di affermarsi su nessuno, neanche sui propri fedeli”.

    Nella testimonianza ortodossa non ci devono essere secondi fini, che “si scoprirebbero subito” e sarebbero in contraddizione con il Vangelo. La Chiesa russa cerca solo di assistere i propri fedeli, anche se “non è una comunità nazionale, né un ordine politico o il rappresentante di un altro Stato”. In essa c’è posto per chiunque, ha sostenuto il patriarca, ed è pronta alla collaborazione con qualunque Stato e con le sue istituzioni. Le parole di Kirill sembravano essere rivolte anche ad altri Paesi, in particolare l’Ucraina del “nemico” Poroshenko, con cui è da tempo in corso uno scambio di accuse reciproche d’ingerenza che avvelena ancora di più il conflitto tra i due Paesi slavi orientali.

    La proposta di Lukašenko

    Nel frattempo, proprio mentre era in corso la visita di Kirill in Asia centrale, il presidente bielorusso Aleksandr Lukašenko, capo del terzo “paese fratello” ortodosso, ha dichiarato di seguire con attenzione il processo di dialogo e collaborazione tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa cattolica. Intervenendo alla Plenaria del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee (CCEE), riunito in questi giorni a Minsk, Lukašenko ha ricordato l’incontro di Cuba del 2016 tra Kirill e Francesco, augurandosi che si renda possibile una ripetizione di tale incontro non così lontano, anzi magari proprio a Minsk. In Bielorussia infatti la collaborazione tra ortodossi e cattolici è molto fruttuosa; la Chiesa cattolica conta quasi 2 milioni di fedeli sui 10 milioni di abitanti, per oltre la metà ortodossi. Per il presidente, la Bielorussia è “il Paese ideale per discutere i problemi dell’Est e dell’Ovest, del Nord e del Sud e di tutto il pianeta”.

    La Santa Sede non ha commentato la proposta di Lukašenko, ma alcuni esponenti ortodossi si sono dichiarati d’accordo con il presidente. Anche il conflitto russo-ucraino ha trovato nella capitale della Russia bianca il luogo della mediazione, con quegli “accordi di Minsk” che hanno finora fermato la degenerazione degli scontri, e da cui tutti si augurano si possa ripartire per giungere finalmente alla pace.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/10/2016 10:21:00 RUSSIA-VATICANO
    Chiesa ortodossa russa: Mai come oggi è importante la collaborazione fra ortodossi e cattolici

    Intervista con lo hieromonaco Stefan (Igumnov), segretario per i rapporti tra cristiani del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca. Il recente accordo su primato e collegialità firmato a Chieti. Le difficoltà del Sinodo pan-ortodosso. Il ricordo e il valore dell’abbraccio fra papa Francesco e il patriarca Kirill all’Avana.



    12/02/2016 10:27:00 RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, le “alleanze contro” e il desiderio di unità (II)

    L’incontro nell’aeroporto dell’Avana e quasi come un “toccata e fuga” dovuto ai timori di reazioni negative degli ortodossi conservatori. Anche se i motivi politici sembrano prevalere (“alleanza contro” terrorismo, laicismo, relativismo morale, islam, liberalismo, protestanti,…), l’evento è un passo nel cammino verso la piena unità fra cattolici e ortodossi. La seconda parte di un articolo da parte di una personalità del Patriarcato di Mosca.



    22/02/2016 08:57:00 RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill: dopo Cuba ora occorrono passi concreti

    L’abbraccio fra il papa e il patriarca di Mosca mostra il desiderio della testimonianza comune. Le forti resistenze dei conservatori ortodossi che accusano il patriarca di “eresia”. La mediazione sulla questione degli “uniati”. Approfondire il dialogo teologico e la collaborazione sui “progetti comuni”. Rendere regolari gli incontri fra Roma e Mosca.



    23/08/2017 08:26:00 RUSSIA-VATICANO
    Il cardinale Parolin a colloquio col Patriarca di Mosca

    Ribadita l’importanza della collaborazione delle due Chiese per sostenere i cristiani del Medio oriente. Il pellegrinaggio della reliquia di san Nicola, “un piccolo mattone nella costruzione di un rapporto nuovo”. Hilarion: Non si è parlato di un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill.



    01/03/2016 08:33:00 RUSSIA-VATICANO
    “Eretico e traditore”: Fondamentalisti ortodossi contro il patriarca Kirill che ha incontrato papa Francesco a Cuba

    L’incontro è avvenuto a 10mila km di distanza da Mosca, forse per evitare le contestazioni dei tradizionalisti. Kirill accusato di essere “nikodimico”, troppo ecumenico.  Un “Appello alla gioventù ortodossa” accusa la “svendita" dell’ortodossia al Papa di Roma. Altri dicono che papa Francesco si sta per “convertire” all’ortodossia russa. È urgente l’informazione e l’educazione.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®