22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/06/2008, 00.00

    TIMOR EST

    Il biocarburante può “aumentare la povertà” dei timoresi



    Secondo un rapporto Oxfam le coltivazioni per biocarburante hanno sottratto molte terre alla produzione alimentare e contribuito agli aumenti di prezzo. A Timor Est il governo concede per il biocarburante oltre un sesto dei terreni coltivabili.

    Dili (AsiaNews/Agenzie) – Dure critiche al governo di Timor Est per la cessione di 100mila ettari, oltre un sesto della terra coltivabile, alla indonesiana GTLeste Biotech per 100 milioni di dollari per coltivarci piante per la produzione di  biocarburante. Secondo un rapporto dell’agenzia per gli aiuti Oxfam tali coltivazioni hanno causato oltre 30 milioni di nuovi poveri nel mondo.

    L’accordo prevede diritti di sfruttamento su “terre improduttive” per 50 anni e un’opzione per altri 50 e il governo dice che con il denaro potrà creare più di 2mila posti di lavoro. La ditta estera progetta di coltivarci canna da zucchero e altre piante per trarne etanolo. Ma l’opposizione insiste che il governo non si è consultato con il parlamento, che il terreno non è improduttivo se sarà coltivato a canna da zucchero, che il Paese ha la necessità di aumentare la produzione alimentare e che 2mila posti di lavoro sono davvero pochi in cambio di 100mila ettari.

    Anche Maximus Tahu, osservatore indipendente di La’o Hamutuk, osserva che nel terreno ceduto saranno con certezza comprese zone coltivate e fattorie e che “le piantagioni di canna da zucchero hanno sempre un impatto negativo sull’agricoltura e la vita dei contadini. Oltre l’80% dei timoresi sono agricoltori e la terra è importante per loro”. “Siamo preoccupati che questo progetto causi la distruzione di terra fertile”.

    Le coltivazioni per il biocarburante sono accusate – in un rapporto dell’agenzia per gli aiuti Oxfam - di avere sottratto ampi terreni all’agricoltura, contribuendo all’aumento dei prezzi e spingendo alla povertà oltre 30 milioni di persone. Rob Bailey, autore del rapporto, critica i Paesi ricchi perché concedono sussidi ed esenzioni fiscali per favorire l’utilizzo dei raccolti per la produzione di biocarburante. In questo modo “il valore del raccolto come biocarburante eccede il suo valore come alimento, per cui sarà usato per produrre carburante”, diminuendo le scorte alimentari e favorendone l’aumento di prezzo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/05/2008 ASIA
    Crisi alimentare: aiuti d'emergenza, ma anche rivedere lo sviluppo in Asia
    Ora che emerge una crisi alimentare “strutturale”, molti dicono di tornare a investire nelle campagne: per anni si sono privilegiate industrie e servizi a scapito dell’agricoltura. Critiche alla proposta thailandese di un “cartello” per controllare il prezzo del riso.

    09/05/2008 TAGIKISTAN
    Il governo trattiene metà dei salari quale “donazione volontaria” per opere pubbliche
    Oltre la metà della popolazione è povera (vive con meno di un dollaro al giorno), un inverno gelido ha distrutto le coltivazioni e ora le locuste devastano i campi del sud. Il governo è ritenuto corrotto, ma c’è troppo timore perché in molti si rifiutino.

    16/04/2008 ASIA
    Si espande in Asia la “crisi dei cereali”, dal Kazakistan alla Cina
    Il Kazakistan vieta l’esportazione di grano e l’Indonesia di riso. La Cina non è autosufficiente, ma lo Stato paga bassi sussidi ai contadini per i cereali e così disincentiva innovazioni. L’India non avrà da mangiare, se le prossime piogge monsoniche non saranno benevole.

    28/02/2011 INDIA
    Per frenare l’inflazione New Delhi punta sull’agricoltura
    Presentato oggi il budget per l’anno fiscale 2011/2012. Forti finanziamenti all’agricoltura, per favorire la produzione, contenere i prezzi, aumentare i redditi della popolazione rurale. Esperti: il governo deve contenere i prezzi alimentari e recuperare credibilità dopo i molti scandali per corruzione.

    27/04/2011 ASIA
    Nel 2011 in Asia ci saranno 64 milioni di nuovi poveri
    Lo prevede la Banca Asiatica per lo Sviluppo, quale conseguenza dei forti aumenti dei prezzi di alimenti e carburante. A rischio le famiglie che già spendono la gran parte del reddito per mangiare. Occorrono investimenti di lungo termine, per aumentare i raccolti e le strutture di sicurezza sociale.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®