28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/06/2014, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Il card. Zen e i democratici invitano al referendum. Protesta contro il "Libro bianco" di Pechino

    Paul Wang

    Per il porporato, partecipare al referendum è un modo di esprimere la dignità di Hong Kong, contro chi vuole reprimere o rendere schiavi. I democratici cancellano un incontro con il rappresentante di Pechino nel territorio. Il Libro bianco afferma che il potere di Pechino su Hong Kong è più importante dell'alto grado di autonomia promessa dalla Basic Law. Anche i giudici devono essere sottomessi come "amministratori patriottici". Dimostranti: Pechino giudica la Basic Law "carta straccia" o "carta igienica".

    Hong Kong (AsiaNews) - Il card. Joseph Zen e i membri del partito democratico invitano la popolazione di Hong Kong a esprimere il loro voto sul futuro democratico del territorio partecipando al referendum del 20-22 giugno lanciato dal movimento Occupy Central. Intanto si moltiplicano i gesti di critica verso il "Libro bianco" di Pechino che afferma la "sovranità completa (comprehensive)" della Cina su Hong Kong e su qualunque cambiamento.

    Il vescovo emerito di Hong Kong, parlando stamane alla Commercial Radio, ha detto che il "Libro bianco" spingerà ancora di più gli abitanti a esprimere il loro parere con il referendum. "Questo perché le persone di Hong Kong - ha detto - ci tengono alla loro dignità. Se vengono repressi o forzati ad essere schiavi, essi reagiranno". Da domani il cardinale inizia una marcia di 84 ore in 18 distretti della città per invitare la popolazione a partecipare al referendum.

    Quest'oggi una delegazione del Partito democratico ha cancellato un incontro con il direttore del  Liaison Office (rappresentante di Pechino nel territorio) per criticare il "Libro bianco", che riduce "l'alto grado di autonomia" di Hong Kong. Anche loro hanno invitato la gente di Hong Kong a esprimersi con il referendum.

    Il "Libro bianco" pubblicato il 10 giugno scorso da Xinhua in 7 lingue, afferma che il governo centrale di Pechino ha "completa sovranità" sul territorio; che "l'alto grado di autonomia" promessa ad Hong Kong - con la formula "una nazione, due sistemi" - non deve andare a svantaggio della formula "una nazione". Ciò significa che le riforme di Hong Kong devono essere valutate dal bene che portano "all'unica nazione", cioè alla Cina.

    Il Libro bianco esige pure un patriottismo sottomesso a Pechino dicendo che tutti gli amministratori statali che assumono il posto a Hong Kong devono "amare la patria".

    Fra gli amministratori sono posti anche gli avvocati e i giudici. A causa di questo, l'associazione degli avvocati del territorio ha criticato il documento dicendo che è "sbagliato" mettere i giudici nella categoria degli impiegati statali e che loro difenderanno sempre l'indipendenza dei tribunali. Altrove - essi affermano i tribunali "cantano all'unisono" con il governo, ma questo non è il caso di Hong Kong.

    Gruppi di giovani legati ad Occupy Central giudicano molto grave e preoccupante il documento di Pechino. "In questo modo - essi dicono - si getta nella spazzatura l'autonomia di Hong Kong e l'affermazione 'un Paese, due sistemi'. "Pechino tratta la Basic Law [la mini costituzione di Hong Kong] come carta igienica".

    Per questo alcuni giovani hanno bruciato il Libro bianco in pubblico; altri hanno mostrato un rotolo di carta igienica, che riportava la stampa di alcune parti della Basic Law.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/05/2016 14:42:00 HONG KONG – CINA
    Con il pugno duro “la Cina perderà Hong Kong. E Pechino l’ha capito”

    Lee Cheuk-yan, deputato democratico e campione della libertà per il Territorio, commenta la visita di Zhang Dejiang nell’ex colonia britannica: “Il governo comunista sembra aver compreso che con il muro contro muro otterranno soltanto un movimento indipendentista più forte”. Quattro deputati democratici ammessi a un incontro privato con il “numero 3” della politica cinese. Hanno chiesto la rimozione del Capo dell’Esecutivo. Un quotidiano vicino al Partito commenta: “Una richiesta audace, ma è nel loro diritto avanzarla”.



    21/10/2014 HONG KONG - CHINA
    Occupy Central: in attesa del dialogo col governo, la Corte suprema ordina lo sblocco di alcune strade a Mong Kok e Admiralty
    Le ingiunzioni della Corte suprema richiesti da ditte di taxi, minibus e dalla Citic. Un dimostrante accusa la decisione di essere contro la libertà di espressione. L'incontro fra la Federazione degli studenti e il governo è fissato alle 18 di oggi. Per il governatore di Hong Kong, la piena democrazia danneggerebbe l'economia, perché dà potere ai poveri. Per la Chiesa cattolica, il movimento di Occupy ha già raggiunto il grande risultato di una maggiore coscienza politica e di impegno ideale della popolazione.

    14/11/2014 HONG KONG-CINA
    Gli studenti di Occupy in viaggio "di protesta politica" a Pechino
    I giovani vogliono incontrare il premier Li Keqiang e membri dell'Assemblea nazionale del popolo, responsabili della decisione di ridurre la libertà di voto ad Hong Kong. Timori per un intervento della polizia per smantellare barricate e sit-in. Liberati 31 giovani, arrestati lo scorso ottobre.

    01/09/2014 HONG KONG - CINA
    Occupy Central: Una nuova era di disobbedienza civile per la democrazia di Hong Kong
    Il movimento democratico "deluso" per le posizioni intransigenti di Pechino, che nega il suffragio universale per l'ex colonia britannica. La proposta cinese elimina la Commissione elettorale ma ne crea un'altra, uguale per dimensione e composizione, incaricata di nominare "due o tre" candidati per il ruolo di capo dell'esecutivo. Inoltre "chi non ama come prima cosa la Cina non potrà mai guidare Hong Kong. Concediamo autonomia elevata, non totale". La protesta della popolazione: "Siamo pronti per la democrazia, non viviamo in Corea del Nord".

    29/08/2014 CINA - HONG KONG
    Pechino, pronta la bozza per la "democrazia" in Hong Kong. I democratici promettono boicottaggio
    Il Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo applaude alla bozza, rifiutata da tempo dal movimento di Occupy central. Anche i democratici più dialogici non la voteranno. Timori per tensioni sociali.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®