19 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/11/2009
CINA - VATICANO
Il card. Zen pubblica una guida per capire la Lettera del papa ai cattolici cinesi
L’Associazione patriottica è la causa più evidente della dolorosa situazione della Chiesa in Cina. I vescovi sotterranei devono avere “cautela” nel farsi riconoscere dal governo. I vescovi ufficiali non devono pubblicizzare l’ideale di una chiesa indipendente e manifestare di più l’unità con il papa. Il link con il testo integrale.

Roma (AsiaNews) – Il card. Joseph Zen di Hong Kong ha pubblicato una guida per i cattolici cinesi per spiegare meglio la Lettera che Benedetto XVI ha scritto ai cattolici cinesi nel 2007.

Il piccolo sussidio di 22 pagine (in cinese; in italiano di 28), pubblicato sul sito della diocesi, si sofferma in modo analitico soprattutto sulle scottanti questioni riguardo al modo in cui vescovi sotterranei e ufficiali dovrebbero agire nei confronti dell’Associazione patriottica, l’organismo del Partito che controlla la vita della Chiesa per farne una chiesa nazionale, staccata dalla comunione universale e dal papa. Il porporato dedica anche diversi paragrafi esortando alla riconciliazione dei cuori fra le comunità ufficiali e sotterranee.

Per il card. Zen  l’influenza dell’Ap (insieme all’Assemblea nazionale dei rappresentanti cattolici cinesi, considerata al di sopra degli stessi vescovi), è  “la causa più evidente della dolorosa situazione della Chiesa in Cina”. Il papa stesso, nella sua Lettera al n. 7, mette questi organismi fra le cause principali di “contrasti”, “divisioni”, “sospetti” “denunce”, che generano una “preoccupante debolezza” della comunità ecclesiale.

Il porporato affronta di petto alcune questione molto dibattute all’interno delle comunità cristiane dopo la Lettera papale:

1)      anzitutto se un vescovo sotterraneo deve farsi riconoscere dal governo, come richiesto dal ministero degli affari religiosi. Insieme al papa, il card. Zen precisa, con il papa che questo è possibile, “a condizione che esso [il riconoscimento] non comporti la negazione di principi irrinunciabili della fede e della comunione ecclesiastica”. Il cardinale – correggendo alcune interpretazioni in voga – spiega che ciò va fatto non a tutti i costi, ma con “grande cautela”, “sentito il suo [del vescovo] presbiterio”, e comunque senza contravvenire ai “principi irrinunciabili”. Tali spiegazioni sembrano calzare con la situazione emersa nelle scorse settimane nella diocesi di Baoding, dove il vescovo coadiutore Francesco An Shuxin è emerso dalla clandestinità, celebrando con un vescovo illegittimo, e aderendo all’Ap. Il fatto ha generato forte divisione e dolore fra i fedeli e i sacerdoti della diocesi (Cfr. AsiaNews.it, 29/10/2009  Vescovo clandestino dell’Hebei diventa membro dell’Associazione patriottica).

2)      Se l’esperienza della comunità sotterranea è ormai superata. Il card. Zen spiega che “Prendendo appiglio dall’inciso “la clandestinità non rientra nella normalità della vita della Chiesa” (Lettera del Papa, n. 8), qualcuno sostiene che, dopo la Lettera del Papa non c’e’ più ragione per i fedeli di rimanere nella clandestinità. Questo e’ evidentemente un esempio di interpretazione fuori del contesto. La clandestinità e’ certamente anormale, ma e’ forzata da una situazione anormale, e finché la situazione anormale permane c’e’ ragione per rimanere in tale clandestinità. Fare altrimenti sarebbe “accettare ingerenze di organismi statali in ciò che tocca l’intimo della vita della Chiesa”. L’interpretazione errata spingerebbe le comunità clandestina ad arrendersi alle indebite ingerenze del regime, mentre la Lettera del Santo Padre incoraggia le comunità aperte a liberarsi da esse”.

3)      I vescovi ufficiali riconosciuti dalla Santa Sede devono porre sempre più “gesti inequivocabili di piena comunione con il Successore di Pietro” (Lettera del papa, n. 8). Il card. Zen spiega che la situazione dei vescovi ufficiali è ambigua perché essi pur essendo riconosciuti dal Vaticano, si trovano iscritti all’Ap. Essi si trovano in una situazione di “ compromesso, perché la struttura in cui sono coinvolti e’ una struttura (oggettivamente) inaccettabile, ma essi nel loro cuore (soggettivamente) non intendono accettarla e la tollerano provvisoriamente nella speranza e nello sforzo di cambiarla appena possibile”. Proprio per questo, però, il porporato sottolinea che questi vescovi devono essere “coerenti” e non farsi strumentalizzare nel pubblicizzare gli ideali dell’Ap: “Come può considerarsi in comunione con la Sede Apostolica uno che tutti i momenti grida in supporto di una Chiesa indipendente?”. Alcuni mesi fa il card. Zen ha criticato alcuni vescovi ufficiali, fra cui quello di Pechino, che hanno preso parte alle celebrazioni per i 50 anni dalle prime elezioni episcopali indipendenti (Cfr AsiaNews.it, 3/1/2009 Il card. Zen chiede più coraggio ai vescovi cinesi). (BC)

Ecco il link con il testo integrale della guida del card. Zen: http://www.catholic.org.hk/v2/en/message_cardinal/aid_hf_letter_en.pdf


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/02/2010 VATICANO - CINA
Card. Zen: Le mie speranze per la Chiesa in Cina in questo Anno della Tigre
di Card. Joseph Zen Zekiun, sdb
18/02/2010 CINA - VATICANO
Sacerdote sotterraneo: Lavoriamo per l’unità della Chiesa, con mons. An e il card. Zen
di Peter Song Zhichun
14/07/2009 CINA - VATICANO
Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
di Card. Joseph Zen
11/11/2009 CINA - VATICANO
Vescovo sotterraneo: Sono entrato nell’Associazione patriottica per il bene della Chiesa
di Zhen Yuan
07/08/2010 CINA- VATICANO
Mons. An Shuxin, ex sotterraneo, istallato vescovo ordinario di Baoding
di Wang Zhicheng

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate