29 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/06/2005
Libano
Il generale Michel Aoun e il futuro del Libano
di Youssef Hourany

Beirut (AsiaNews) – Michel Aoun, il generale che la Siria ha voluto esule per quasi 15 anni, è risultato uno dei vincitori alle elezioni parlamentari in Libano. Ieri egli si è incontrato con il patriarca maronita Nasrallah Sfeir a Bkerke.

All'uscita dalla sua visita con il card. Sfeir, Aoun ha detto ad AsiaNews che egli ha deciso di far collaborare tutto il suo gruppo di 14 parlamentari per la stesura di una nuova legge elettorale, capace di dare ad ogni cittadino "i suoi diritti alla libertà e alla democrazia".

La legge elettorale del 2000, voluta dai siriani, era ritagliata in modo tale da favorire le personalità e i gruppi più vicini alla Siria, penalizzando soprattutto le zone cristiane di Beirut est. Nonostante ciò, la maggioranza al parlamento, con 72 seggi, è stata conquistata dal gruppo del Bristol (Saad Hariir, Joumblatt, Kornet Chehwane, Forze Libanesi).

La vittoria è però minore del previsto: Saad Hariri aveva predetto la vittoria di almeno 90 seggi al parlamento, cioè i due terzi, utili per cambiare la costituzione senza bisogno di alcun appoggio esterno. Il minore impatto della vittoria di Hariri è dovuta proprio alla presenza di Aoun e alla sua vittoria nella zona del Monte Libano e di Zahle.

Faten Nader, presidente per l'organizzazione dello sviluppo sociale e la promozione della pace, fa notare ad AsiaNews: "Certo si sapeva che Aoun [ritornato in Libano solo pochi giorni prima delle elezioni – ndr] è popolare fra i cristiani e anche fra i musulmani, ma non al punto da far vincere tutti i suoi delegati nel Kesrouan, nel Metn e a Zahle. Ad ogni modo, grazie  a lui, i cristiani si sono sentiti più impegnati a scendere in campo. Ora egli è consacrato come il rappresentante di una buona parte dei cristiani".

Ambienti vicini a Michel Aoun affermano che l'ex generale ha già stilato una lista dei problemi più urgenti da affrontare: l'applicazione della Convenzione Onu 1559, sul ritiro totale siriano, il disarmo degli Hezbollah e dei campi palestinesi. Ma questi problemi sono anche i più concenti, che rischiano di polarizzare gli animi e rendere difficile la vita del nuovo parlamento.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/06/2005 LIBANO
Libano, card. Sfeir: "Prima di votare, esaminate la vostra coscienza"
di Youssef Hourany
20/06/2005 libano
Elezioni in Libano: la fine dell'era siriana
di Youssef Hourani
03/01/2008 LIBANO
Vescovi maroniti: clima politico “odioso” ; la paralisi spinge all’emigrazione
di Paul Dakiki
30/11/2007 LIBANO
Ancora ritardi per il voto alla presidenza, mentre emerge il nome di Sleiman
di Youssef Hourani
30/07/2006 libano
Card. Sfeir: il Libano è in agonia, mentre il mondo sta a guardare
di Youssef Hourani

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate