11/02/2010, 00.00
EMIRATI ARABI UNITI
Invia ad un amico

Il governo degli Emirati pubblica un opuscolo sui diritti dei lavoratori

Il volume è intitolato “Il lavoratore: diritti e doveri” ed è disponibile in sei lingue. È il primo esempio di testo scritto e riconosce tutela legale ai lavoratori, purché abbiano la residenza nel Paese.
Dubai (AsiaNews/Agenzie) – Gli Emirati Arabi Uniti hanno pubblicato un opuscolo multilingue in cui sono illustrati i diritti e i doveri dei lavoratori. L’ufficio del Primo Ministro e il Dipartimento del Ministro degli interni spiegano che il volume – intitolato “Il lavoratore: diritti e doveri” – è disponibile in lingua araba, inglese, filippino (tagalog), farsi, cinese e urdu e sarà distribuito in tutti i dipartimenti governativi, le ong, le agenzie interinali e le testate del Paese.
 
Esso rappresenta una sorta di “statuto del lavoratore” ed è il primo esempio di testo scritto che definisce i diritti e le responsabilità del dipendente in base ai valori di “giustizia e libertà”. Un documento che varrà per tutti i cittadini e gli immigrati regolari, che potranno così trovare tutela legale in presenza di abusi, vessazioni e maltrattamenti.
 
I curatori sottolineano che l’opuscolo, prima di tutto, intende rafforzare la “cultura del rispetto dell’ordine pubblico”, spiegando “i diritti e i doveri” del lavoratore in accordo alla Costituzione e alle norme vigenti negli Emirati Arabi Uniti
 
Nei Paesi del Golfo vi sono almeno 17 milioni di lavoratori immigrati e, nella sola Dubai, essi rappresentano circa l’80% della popolazione totale. L’organizzazione Human Rights Watch ha più volte denunciato, in passato, casi di abusi che sfociano in violenze fisiche, vessazioni, mancati pagamenti e violazioni dei diritti dei migranti. Abdulla, docente in Scienze politiche all’Università degli Emirati Arabi Uniti, afferma che “è bello avere un testo scritto e chiaro” in cui vengono spiegati “i diritti e le responsabilità di entrambe le parti, i lavoratori e le compagnie: esso rappresenta un passo in avanti”.
 
La redazione del testo è ispirata agli articoli 20 e 34 della Costituzione, che sanciscono il “diritto al lavoro” e la tutela degli “standard internazionali”, insieme alla “libera scelta dell’occupazione” e l’illegalità del “lavoro forzato, fatte salve circostanze eccezionali riconosciute dalla legge”.
 
Dal Dipartimento governativo per il rispetto della legge e della cultura precisano che la tutela legale vale solo “per chi ha la residenza”, il lavoratore ha il diritto di “professare la propria fede” (islam e le religioni monotesite), e ha diritto ad un interprete nel corso di una vertenza legale. Vi è infine il dovere di “rispettare le tradizioni, i costumi e il patrimonio culturale” del Paese, tra cui il divieto di consumo di alcolici, droghe e altre sostanze illegali.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Emirati Arabi, paradiso finanziario e inferno della manodopera asiatica
13/09/2005
I grattacieli di Dubai, un monumento allo sfruttamento degli operai
14/11/2006
Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
18/02/2013
Natale ad Abu Dhabi, chiese "stracolme in tutta la regione: pregheremo per la pace"
23/12/2013
Domestiche filippine negli Emirati arabi: schiavitù e violenze
23/08/2005