16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2017, 09.47

    SUD COREA - CINA

    Il neopresidente Moon dialoga con Xi Jinping



    Moon può svolgere un ruolo di mediazione tra Cina e Stati Uniti. Rivedere gli accordi con gli Stati Uniti sul Thaad. Avviare un percorso di denuclearizzazione nella Corea del Nord.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - Il neo-presidente sudcoreano Moon Jae-in e Xi Jinping, sua controparte cinese, hanno avuto oggi una lunga conversazione telefonica durata circa 40 minuti. Essi si sono ripromessi di migliorare le relazioni bilaterali dei loro Paesi, e di unire gli sforzi di tutte le parti interessate per denuclearizzare la Corea del Nord. La notizia è stata diffusa dall’ufficio presidenziale di Seoul. Xi Jinping ha chiamato il nuovo leader della Corea del Sud per congratularsi con lui per la sua elezione, ha dichiarato Yoon Young-chan, portavoce di Moon. Durante un briefing con la stampa, egli ha sottolineato che si tratta di un evento eccezionale per un leader cinese. "I due capi di Stato hanno discusso i modi per migliorare le relazioni fra la Corea del Sud e la Cina e hanno scambiato le loro opinioni su tutte le questioni relative alla penisola coreana", ha aggiunto.

    Il dialogo Moon-Xi rappresenta un'importante novità per la collocazione politica della Corea del Sud nella crisi internazionale che vede come attori Cina, Usa e Corea del Nord. Tale dialogo può portare a decisioni chiave verso Pyongyang. "Volerò direttamente a Washington... andrò a Pechino e Tokyo e, a determinate condizioni, anche a Pyongyang", ha detto Moon nel suo discorso inaugurale. Durante la sua campagna elettorale, Moon aveva voluto segnare la distanza con l’amministrazione uscente impegnandosi sulla via del dialogo con Pyongyang al fine di avviare il processo di denuclearizzazione. Una grande differenza rispetto al precedente approccio orientato alle sanzioni, sostenuto dal presidente Usa, Donald Trump, per esercitare la massima pressione sulla Corea del Nord.

    "Per quanto riguarda le relazioni intercoreane, il presidente Moon Jae-in non avrà alcun contatto con la Corea del Nord che sorprenderà gli Usa", ha dichiarato Moon Chung-in, professore onorario dell'università di Yonsei, alla  Yonhap. Il professore interpellato è stato un consigliere di sicurezza dell'ex presidente Roh Moo-hyun, un mentore politico per il nuovo presidente, ed è conosciuto come l’artefice della politica con il Nord del presidente Kim Dae-jung. Da ultimo ha partecipato a un gruppo di consulenza per la politica di sicurezza nella squadra elettorale di Moon.

    Secondo l’analisi di Moon Chung-in il nuovo presidente potrebbe dapprima cercare un dialogo non ufficiale con la Corea del Nord. Il professore ha sottolineato il possibile prezioso ruolo di mediazione che Seoul può svolgere nelle politiche di Washington e Pechino in Corea del Nord, al fine di indicare un ruolo guida per la Corea del Sud nel processo multilaterale per denuclearizzare il Nord. L'analista suggerisce alla nuova amministrazione di adottare un processo di denuclearizzazione realistico per la Corea del Nord in tre stadi, costituito dal congelamento iniziale dei test nucleari e missilistici, seguito dallo smantellamento verificabile delle strutture nucleari e dei materiali nucleari nordcoreani e, infine, l'eliminazione di tutte le armi nucleari.

    Secondo il consigliere di Moon, è giusto per il neo-presidente chiedersi se il sistema antimissilistico Thaad (High Altitude Area Defence) è utile militarmente e se Seoul deve soddisfare la richiesta di Trump di pagare un miliardo di dollari. Ciò non significa voler compromettere il rapporto con gli Stati Uniti, ma è chiaro che Moon deve svincolarsi dalla rivalità strategica tra la Cina e gli Stati Uniti. Ecco perché, durante la sua campagna elettorale, Moon ha affermato che la decisione sul Thaad è stata assunta troppo rapidamente e che la sua amministrazione avrà una parola definitiva sulla disposizione del sistema.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2017 08:57:00 COREA DEL SUD - CINA
    Seoul e Pechino riprendono le relazioni ‘normali’

    I rapporti si erano deteriorati a causa dello spiegamento del sistema anti-missilistico Thaad. Pechino aveva boicottato voli, turismo, vendita al dettaglio di prodotti sudcoreani. La ripresa delle comunicazioni avviene alla vigilia del viaggio di Trump in Asia.



    07/09/2017 08:57:00 CINA-USA-COREA
    Xi Jinping e Trump condannano insieme il test nucleare di Pyongyang

    Il test nucleare è “un’azione provocatoria e destabilizzante”, “pericolosa per il mondo” e che non fa gli interessi di Pyongyang. Ambasciatore del Nord all’Onu: Il test è “un pacco-regalo agli Usa”. Istallate altre quattro rampe del sistema antimissilistico Thaad, inviso a Pechino e Mosca.



    17/05/2017 09:40:00 COREA
    Moon Jae-in rimane favorevole al dialogo con Kim Jong-un

    Il nuovo presidente sudcoreano marca la differenza con Donald Trump che vuole inasprire le sanzioni. La Corea del Sud non vuole pagare per lo scudo antimissili americano Thaad. I radar controllano anche il territorio cinese causando le ritorsioni economiche della Cina sulle imprese sudcoreane.



    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.



    18/03/2017 11:50:00 CINA-USA
    Il segretario di Stato Usa giunge in Cina, dopo le minacce di opzioni militari contro Pyongyang

    Oggi l’incontro col ministro degli esteri Wang Yi; domani quello con Xi Jinping. La pazienza Usa verso la Corea del Nord “è finita”. Allo studio il boicottaggio di banche e ditte cinesi che commerciano con Pyongyang.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®