31 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/04/2012
VATICANO - CINA
Il nuovo maoismo che soffoca la Chiesa e la Cina
di Bernardo Cervellera
L'ordinazione episcopale di oggi a Changsha mostra che il maoismo e il controllo sulle religioni è presente più che mai, anche se Bo Xilai è stato silurato. Il cesaro-papismo di Pechino vuole decidere candidati all'episcopato, vescovi ordinanti, cerimonie, dando la patente di ortodossia a chi vuole. Vescovi ridotti a funzionari di basso rango. La resistenza dei cattolici e le possibilità di rivolte.

Roma (AsiaNews) - L'ordinazione episcopale di Changsha oggi dimostra che in Cina è tuttora vivo il maoismo. Da oltre un mese i giornali cinesi e esteri sono pieni delle storie sul siluramento di Bo Xilai, l'ex segretario del Partito comunista di Chongqing, famoso per il suo revival maoista, fatto di canti e letture del Grande Timoniere, di una spregiudicata campagna contro le triadi, e una altrettanto spregiudicata corruzione.

La caduta del "dio-principino" Bo, insieme a quella di sua moglie - sospettata perfino di assassinio - è stata immediata: non appena Wen Jiabao ha messo in guardia dal ritorno del maoismo e di una nuova Rivoluzione culturale, Bo Xilai è stato sostituito e incriminato (15/03/2012 Silurato Bo Xilai, principino e maoista di Chongqing).

Nella stessa occasione, Wen Jiabao ha promesso profonde riforme politiche ed economiche per il Paese e in molti hanno sperato che - con la stessa prontezza con cui Bo è stato eliminato - vi sarebbero state nuove libertà. Invece un maoismo sottile, ma ugualmente totalitario, continua ad essere presente nella società cinese: nei media, nell'economia, nelle religioni.

Riferendosi al campo delle religioni, alcune personalità cinesi puntano il dito su Zhu Weiqun, vicepresidente del Fronte Unito, famoso per una sua arringa contro le religioni e contro le conversioni religiose dei membri del Partito (v.: 20/12/2011 "Vade retro satana": Nessuna religione per i membri del Partito cinese). Zhu ha un curriculum molto simile a quello di Bo Xilai: con lui ha studiato giornalismo; come lui è figlio di grandi del partito; come lui sostiene una ripresa del maoismo.

Grazie alla sua politica nel Fronte Unito, che domina anche l'amministrazione statale per gli affari religiosi, le comunità religiose subiscono controlli senza fine, allo stesso modo delle comunità sotterranee, destinate a essere cancellate, dopo un processo di "lavaggio del cervello".

Ormai da mesi gruppi di sacerdoti e vescovi della Chiesa sotterranea vengono presi, isolati e sottomessi a sessioni politiche per far comprendere loro la bontà della politica religiosa del Partito (v.: 07/04/2012 Pressioni della polizia sulle comunità clandestine. Pasqua nella Chiesa del silenzio).

Il maoismo di questa politica è evidente anche nelle ordinazioni episcopali: ogni nuovo vescovo deve essere anzitutto strumento del Partito e poi funzionario della Chiesa cattolica. In tal modo, ogni ordinazione episcopale si trasforma in investitura politica,  dando ai vescovi incarichi , stipendi, titoli onorifici, e rendendoli quasi gli ufficiali di basso rango del governo cinese

Per questo essi devono anche essere scelti in funzione del Partito e non per la cura pastorale della popolazione e secondo il papa. È avvenuto così per le ordinazioni dello scorso anno a Leshan e Shantou, con candidati scelti dal governo e senza mandato papale. E se anche vi sono candidati voluto dal pontefice, il Partito costringe i neo-eletti a subire la presenza di vescovi illeciti e scomunicati, come è avvenuto lo scorso 19 marzo a Nanchong e oggi a Changsha. I due candidati sono degli ottimi pastori, ma è stato il governo a scegliere chi deve consacrare e chi deve essere invitato.

Ormai è chiaro che chi stabilisce la "patente" di ortodossia e di ecclesialità è il Partito e non il papa (25/07/2011 Pechino pontifica contro "le minacce" del Vaticano).

Questo cesaro-papismo cinese è tanto ottuso, quanto pericoloso per la Chiesa e la Cina.

L'immischiarsi del Partito su riti e ordinazioni, su candidati e vescovi ordinanti è segno di piccolezza di cervello nei quadri del Partito, legati a schemi vecchissimi, superati dalla storia. La seconda economia mondiale, che si prepara ad andare sulla luna, ragiona ancora come le monarchie assolutiste occidentali del '600.

Le ordinazioni episcopali "inquinate" dalla presenza di vescovi illegittimi rendono più difficile il lavoro della Chiesa e scombussolano i fedeli,  minando l'unità fra le comunità. Ma anche producono risentimento verso uno Stato-padrone e totalitario, accrescendo le resistenze e anche le possibilità di rivolte. Nei mesi scorsi, in occasione di sequestri di vescovi per farli partecipare a ordinazioni illecite vi sono state comunità che si sono ribellate schierandosi contro la polizia (Shenyang) e manifestando nelle città (Wanzhou). E tutto questo proprio mentre il presidente Hu Jintao lancia il suo canto del cigno sulla "società armoniosa".

Per quest'anno il Partito ha in programma ancora 5 o 6 ordinazioni episcopali illecite. Non varrebbe la pena che Pechino lasci che il papa faccia il papa e il governo cinese faccia il governo, lasciando libertà sugli aspetti religiosi? In questo modo potrebbe guadagnare la fiducia dei fedeli e la simpatia delle comunità cristiane del mondo. E anche la comunità internazionale e del business tirerebbe il fiato: perché dove non c'è rispetto per la libertà religiosa, anche le altre libertà - come quella economica - sono minate.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/04/2012 VATICANO - CINA
La Chiesa in Cina ha bisogno di laici formati e di "buoni vescovi"
13/06/2012 CINA - VATICANO
Cattolici di Harbin pregano e digiunano contro l'ordinazione episcopale senza il mandato del papa
di Bernardo Cervellera
25/04/2012 CINA-VATICANO
Cerimonia "patriottica" per il nuovo vescovo di Changsha
di Wang Zhicheng
14/04/2012 VATICANO - CINA
P. Lazzarotto e il futuro della Chiesa in Cina
di Angelo S. Lazzarotto
24/08/2011 CINA - VATICANO
Tianshui: la polizia arresta decine di sacerdoti e laici sotterranei
di Wang Zhicheng

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate