28/01/2010, 00.00
IRAN
Invia ad un amico

Il regime di Teheran ha giustiziato due manifestanti antigovernativi

La condanna a morte è stata eseguita questa mattina all’alba. A carico di Mohammad Reza Ali Zamani e Arash Rahmanipour l’accusa di essere “nemici di Dio”, la militanza in gruppi armati e il tentativo di rovesciare la leadership della Repubblica islamica. Ancora oggi 200 attivisti prigionieri nelle carceri iraniane.
Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Teheran ha giustiziato due persone, arrestate durante le rivolte divampate all’indomani delle elezioni presidenziali del giugno 2009. Lo riferisce oggi l’agenzia iraniana Isna, secondo cui essi appartenevano a un gruppo di 11 uomini condannati a morte nelle scorse settimane. A loro carico l’accusa di essere “nemici di Dio”, la militanza in gruppi armati e il tentativo di rovesciare la leadership della Repubblica islamica.
 
Fonti interne al Paese sottolineano che quelle di oggi sono le prime condanne a morte eseguite nei confronti di manifestanti antigovernativi. Nel giugno scorso milioni di cittadini sono scesi in piazza per protestare contro la rielezione del candidato conservatore Mahmoud Ahmadinejad e chiedere un nuovo voto.
 
Si è trattato delle più grandi manifestazioni di piazza dalla rivoluzione islamica del 1979. Durante gli scontri per le vie di Teheran sono morte almeno 30 persone; migliaia gli arrestati e, ancora oggi, circa 200 attivisti sono detenuti nelle carceri del Paese.
 
L’agenzia iraniana Isna spiega che i due uomini sono stati giustiziati oggi all’alba. Essi sono Mohammad Reza Ali Zamani e Arash Rahmanipour. Tuttavia non vi sarebbero, al momento, conferme indipendenti sull’esecuzione dei due attivisti.
 
In precedenza gruppi dell’opposizione avevano riferito che la morte di Zamani risale all’ottobre scorso. Uno dei due uomini è stato giustiziato per presunti legami con la Kingdom Assembly of Iran, un gruppo monarchico messo al bando dal regime degli ayatollah. Il secondo è stato condannato a morte perché appartiene al movimento dissidente People’s Mujahedin Organisation of Iran (PMOI).
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Teheran, cinque condanne a morte per le rivolte antigovernative
18/11/2009
Teheran, rilasciato su cauzione l’ex vice-presidente Mohammed Ali Abtahi
23/11/2009
Teheran ferma il boia: sospesa l’impiccagione di un minorenne
27/05/2009
Esponente iraniano: il 70% degli universitari vota contro Ahmadinejad
15/12/2009
Arrestati i giovani che hanno bruciato le immagini di Khomeini
14/12/2009