22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/10/2005, 00.00

    PAKISTAN

    Il terremoto ha distrutto 1 milione di posti di lavoro



    Secondo stime dell'Ilo la devastante scossa dell'8 ottobre condanna ora 2 milioni di pakistani alla "povertà assoluta". Approfittando della tragedia fuggiti dal carcere nazionale 60 detenuti "pericolosi" in attesa di esecuzione. 

    Lahore (AsiaNews/Agenzie) – Il devastante terremoto di sabato 8 ottobre ha distrutto in Pakistan oltre 1 milione di posti di lavoro. Lo denuncia l'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo). Secondo gli esperti il disastro ha aumentato la già schiacciante povertà che caratterizza il Kashmir pakistano e la Provincia di Nord Ovest.

    Prima della scossa nella zona ogni lavoratore dava sostegno ad altre 2 persone: ora oltre 2 milioni di persone risentono dell'impatto economico del sisma. Secondo una prima analisi dei danni, continua l'Ilo, sono crollati molti negozi ed infrastrutture economiche delle regioni colpite. Perse o danneggiate anche le strutture di allevamento di bestiame e quelle agricole, la base dell'economia della zona.

    L'area interessata era abitata da persone in bilico sulla soglia internazionale di povertà (2 dollari americani al giorno). "Avendo perso il lavoro – dice Juan Somavia, capo dell'Organizzazione – anche se solo per un breve periodo di tempo, moltissimi abitanti della zona cadono ora nel gruppo di coloro che al mondo vivono nella povertà assoluta".

    La scossa ha procurato un altro danno alla società pakistana: con il crollo della prigione nazionale di Muzaffarabad almeno 60 fra i peggiori criminali del Paese – detenuti in attesa di esecuzione – sono scappati. Secondo alcuni rappresentanti ufficiali dell'autorità giudiziaria, infatti, 1 solo dei 4 blocchi carcerari è rimasto in piedi.

    Il crollo degli altri 3 ha interessato circa 120 detenuti definiti "pericolosi" che vivevano all'interno: di questi 15 sono morti a causa dei crolli e 40 risultano feriti, ma degli altri non si hanno notizie.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/09/2017 11:21:00 ASIA
    Nel 2016, più di 40 milioni di schiavi e 152 milioni di bambini nei lavori forzati

    I dati sono contenuti in due documenti. Lo studio condotto da Organizzazione internazionale del lavoro, Walk Free Foundation e Organizzazione internazionale per le migrazioni. Tra le forme moderne di schiavitù, anche i matrimoni forzati. Delle vittime, tre su quattro sono donne e ragazze.



    28/10/2005 MYANMAR
    Il Myanmar vuole uscire dall'organizzazione Onu del lavoro

    La giunta militare al governo nell'ex Birmania ha dichiarato di voler abbandonare l'Oil ma la lettera ufficiale di rinuncia non è stata ancora inoltrata.



    19/10/2009 TAIWAN - CINA
    Taipei rimanda i colloqui commerciali con Pechino
    Attesa e paura nell’isola per il patto fra le due nazioni, che rischia di incrementare la disoccupazione. Per il governo taiwanese, è un appuntamento che non si può perdere.

    19/05/2005 ASIA
    In Asia quasi 10 milioni di persone lavorano come schiavi

    Il lavoro forzato crea profitti per 9,7 miliardi di dollari all'anno. L'Organizzazione internazionale del lavoro chiede alla comunità internazionale sanzioni  contro il crimine e progetti di sviluppo contro la povertà.



    25/05/2006 VIETNAM
    Vietnam: presto l'accordo con gli Usa, primo passo per l'ingresso nel Wto

    Se ben gestito l'ingresso nell'Organizzazione mondiale del commercio potrebbe rappresentare una soluzione a gravi problemi, come quello della disoccupazione.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®