28 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/07/2012
VIETNAM
Imprigionati come "sabotatori" tre attivisti vietnamiti per i diritti umani
Condanne da quattro a cinque anni e sei mesi di prigione per i tre che hanno condotto una campagna per esporre la corruzione e il cattivo comportamento delle autorità locali contro i contadini della provincia di Bac Giang.

Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - La notizia è stata data dalle fonti governative come "Sabotatori imprigionati", ma si riferisce alla condanna di tre attivisti vietnamiti per i diritti umani. Nguyen Kim Nhan, 63 anni (nella foto), è stato condannato dal tribunale della provincia di Bac Giang, nel nord del Paese, a cinque anni e sei mesi di prigione, Dinh Van Nhuong, 54 anni, e Do Van Hoa, 46 anni, a quattro anni. Dopo la prigione, tutti e tre dovranno anche trascorrere un periodo agli arresti domiciliari.

L'accusa nei loro confronti era basata sull'art. 88 del Codice penale vietnamita, che parla di "propaganda contro lo Stato" e di "diffamazione" del Partito comunista e del governo. A rafforzare  le accuse anche il fatto di aver parlato con media stranieri.

L'articolo è definito da Human Rights Watch dalla formulazione vaga e interpretato liberamente per imprigionare pacifici attivisti politici e religiosi.

Nel caso in esame, i tre attivisti hanno condotto una campagna per esporre la corruzione e il cattivo comportamento delle autorità locali contro i contadini della provincia di Bac Giang. Si tratta di fatti che si stanno moltiplicando un po' in tutto il Paese, in seguito all'accresciuto valore dei terreni, che le autorità politiche locali cercano di sottrarre ai contadini per passarle a industrie o enti turistici. "Costringere al silenzio i contadini e i loro sostenitori - ha osservato Phil Robertson, vicedirettore per l'Asia di HRW - non risolve i problemi, specialmente finché proseguono le confische di terreni e la corruzione".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/02/2006 Cina
Hebei, il capo del Partito "colpevole della violenza a Shengyou"
30/03/2007 VIETNAM
P. Nguyen Van Ly, sacerdote cattolico, condannato a 8 anni di prigione
di Nguyen Van Tranh
01/08/2013 VIETNAM
Hanoi conferma la condanna per l’eroe della lotta agli espropri forzati
25/10/2012 VIETNAM
Hanoi, centinaia di agricoltori in piazza contro il sequestro dei terreni
20/12/2010 VIETNAM
Protestano i fedeli di Thai Nguyen, chiedono il rispetto della legge
di Joseph Dang

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate