22 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/07/2012
VIETNAM
Imprigionati come "sabotatori" tre attivisti vietnamiti per i diritti umani
Condanne da quattro a cinque anni e sei mesi di prigione per i tre che hanno condotto una campagna per esporre la corruzione e il cattivo comportamento delle autorità locali contro i contadini della provincia di Bac Giang.

Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - La notizia è stata data dalle fonti governative come "Sabotatori imprigionati", ma si riferisce alla condanna di tre attivisti vietnamiti per i diritti umani. Nguyen Kim Nhan, 63 anni (nella foto), è stato condannato dal tribunale della provincia di Bac Giang, nel nord del Paese, a cinque anni e sei mesi di prigione, Dinh Van Nhuong, 54 anni, e Do Van Hoa, 46 anni, a quattro anni. Dopo la prigione, tutti e tre dovranno anche trascorrere un periodo agli arresti domiciliari.

L'accusa nei loro confronti era basata sull'art. 88 del Codice penale vietnamita, che parla di "propaganda contro lo Stato" e di "diffamazione" del Partito comunista e del governo. A rafforzare  le accuse anche il fatto di aver parlato con media stranieri.

L'articolo è definito da Human Rights Watch dalla formulazione vaga e interpretato liberamente per imprigionare pacifici attivisti politici e religiosi.

Nel caso in esame, i tre attivisti hanno condotto una campagna per esporre la corruzione e il cattivo comportamento delle autorità locali contro i contadini della provincia di Bac Giang. Si tratta di fatti che si stanno moltiplicando un po' in tutto il Paese, in seguito all'accresciuto valore dei terreni, che le autorità politiche locali cercano di sottrarre ai contadini per passarle a industrie o enti turistici. "Costringere al silenzio i contadini e i loro sostenitori - ha osservato Phil Robertson, vicedirettore per l'Asia di HRW - non risolve i problemi, specialmente finché proseguono le confische di terreni e la corruzione".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/02/2006 Cina
Hebei, il capo del Partito "colpevole della violenza a Shengyou"
30/03/2007 VIETNAM
P. Nguyen Van Ly, sacerdote cattolico, condannato a 8 anni di prigione
di Nguyen Van Tranh
01/08/2013 VIETNAM
Hanoi conferma la condanna per l’eroe della lotta agli espropri forzati
25/10/2012 VIETNAM
Hanoi, centinaia di agricoltori in piazza contro il sequestro dei terreni
20/12/2010 VIETNAM
Protestano i fedeli di Thai Nguyen, chiedono il rispetto della legge
di Joseph Dang

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate