26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/11/2006, 00.00

    VIETNAM

    In Vietnam l'Apec ha pensato solo ai soldi e non ai diritti umani



    Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata accusa governi e media occidentali.

    Parigi (AsiaNews) – L'appena concluso vertice dell'Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation), che si è tenuto ad Hanoi il 18 e 19 novembre, ha confermato che, per quanto riguarda il Vietnam, l'attenzione del mondo occidentale, ed in particolare degli Stati Uniti è solo per le questioni economiche, senza alcuna preoccupazione per la mancanza di rispetto dei diritti umani. L'accusa è lanciata da Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata, bandita dal regime.

    In una lettera aperta indirizzata i 21 rappresentanti degli Stati presenti, Vo Van Ai li invitava a non limitarsi alle questioni commerciali. "Senza una evoluzione democratica – scriveva - lo sviluppo economico non può che portare ad un vicolo cieco". A suo giudizio, solo i movimenti religiosi premono per un cambiamento del Partito comunista nel senso di una sua apertura.

    "Certamente – ha spiegato in un'intervista al Courier international - il Vietnam si vanta di registrare un tasso di crescita del 7 o 8%, ma non è un segno di stabilità. Anche se, ovviamente, la situazione del Paese è migliorata rispetto a 20 anni fa, i cambiamenti economici non hanno migliorato in modo decisivo il livello di vita degli abitanti. Ad Hanoi, Ho-Chi-Minh City e nelle altre grandi città le cose sono cambiate, ma l'80% della popolazione vive nelle campagne. E sono a livello della soglia di povertà".

    Ad avviso dell'esponente vietnamita, un reale cambiamento, frutto di una vera apertura, ci sarà solo quando il Partito comunista sarà disposto a trattare con i buddisti. "Le religioni hanno un posto importante nella società vietnamita ed essi costituiscono i soli movimenti a chiedere la democratizzazione del comunismo. La repressione è la durissima conseguenza che subiscono i capi buddisti".

    Anche i media occidentali, chiede Vo Van Ai, dovrebbero parlare anche delle questioni sociali e dei diritti umani in Vietnam, in modo che i Paesi che ci aiutano, facciano pressioni. Dovrebbero porre condizioni per continuare ad offrire il loro sostegno. "Ad inizio anno, ad esempio, c'è stata una grande ondata di scioperi nelle zone industriali. In due mesi ci sono stati 150 blocchi, ai quali hanno preso parte 140mila operai. Non c'è un sindacato libero. Il salario minimo è passato da 23 a 25 dollari, qualche agitatore è stato arrestato e tutto è rientrato nell'ordine. E i media occidentali non hanno praticamente parlato di questo movimento".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2008 VIETNAM
    Il governo teme i funerali di Thich Huyen Quang, patriarca buddista ed eroe della libertà religiosa
    Era il capo della chiesa buddista unificata, dichiarata fuorilegge dal governo di Hanoi. È morto a 87 anni, dei quali metà spesi in prigione, in esilio e agli arresti domiciliari. Per lui la libertà religiosa è la base anche del progresso economico.

    22/11/2005 vietnam
    La chiesa buddista unificata del Vietnam lamenta un aumento della repressione

    Monaci vessati dalla polizia, mentre la stampa governativa e la chiesa ufficiale li accusano di avere il sostegno di "forze straniere ostili"



    05/10/2005 VIETNAM
    Diplomatici occidentali incontrano dissidente buddista

    L'ambasciatore britannico ed un rappresentante dell'Ue hanno potuto vedere Thich Quang Do, numero due della Chiesa buddista unificata del Vietnam.



    05/05/2008 VIETNAM
    Attacco della polizia ad una pagoda della Chiesa buddista unificata del Vietnam
    Le autorità si vogliono appropriare dell’edificio in vista della celebrazione internazionale del Vesak, principale festa buddista, che quest’anno sarà ospitata nel Paese.

    21/04/2004 Vietnam
    Persecuzione del governo verso mennoniti e buddisti




    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®