3 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/11/2006
VIETNAM
In Vietnam l'Apec ha pensato solo ai soldi e non ai diritti umani

Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata accusa governi e media occidentali.



Parigi (AsiaNews) – L'appena concluso vertice dell'Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation), che si è tenuto ad Hanoi il 18 e 19 novembre, ha confermato che, per quanto riguarda il Vietnam, l'attenzione del mondo occidentale, ed in particolare degli Stati Uniti è solo per le questioni economiche, senza alcuna preoccupazione per la mancanza di rispetto dei diritti umani. L'accusa è lanciata da Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata, bandita dal regime.

In una lettera aperta indirizzata i 21 rappresentanti degli Stati presenti, Vo Van Ai li invitava a non limitarsi alle questioni commerciali. "Senza una evoluzione democratica – scriveva - lo sviluppo economico non può che portare ad un vicolo cieco". A suo giudizio, solo i movimenti religiosi premono per un cambiamento del Partito comunista nel senso di una sua apertura.

"Certamente – ha spiegato in un'intervista al Courier international - il Vietnam si vanta di registrare un tasso di crescita del 7 o 8%, ma non è un segno di stabilità. Anche se, ovviamente, la situazione del Paese è migliorata rispetto a 20 anni fa, i cambiamenti economici non hanno migliorato in modo decisivo il livello di vita degli abitanti. Ad Hanoi, Ho-Chi-Minh City e nelle altre grandi città le cose sono cambiate, ma l'80% della popolazione vive nelle campagne. E sono a livello della soglia di povertà".

Ad avviso dell'esponente vietnamita, un reale cambiamento, frutto di una vera apertura, ci sarà solo quando il Partito comunista sarà disposto a trattare con i buddisti. "Le religioni hanno un posto importante nella società vietnamita ed essi costituiscono i soli movimenti a chiedere la democratizzazione del comunismo. La repressione è la durissima conseguenza che subiscono i capi buddisti".

Anche i media occidentali, chiede Vo Van Ai, dovrebbero parlare anche delle questioni sociali e dei diritti umani in Vietnam, in modo che i Paesi che ci aiutano, facciano pressioni. Dovrebbero porre condizioni per continuare ad offrire il loro sostegno. "Ad inizio anno, ad esempio, c'è stata una grande ondata di scioperi nelle zone industriali. In due mesi ci sono stati 150 blocchi, ai quali hanno preso parte 140mila operai. Non c'è un sindacato libero. Il salario minimo è passato da 23 a 25 dollari, qualche agitatore è stato arrestato e tutto è rientrato nell'ordine. E i media occidentali non hanno praticamente parlato di questo movimento".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/07/2008 VIETNAM
Il governo teme i funerali di Thich Huyen Quang, patriarca buddista ed eroe della libertà religiosa
di Nguyen Van Tranh
22/11/2005 vietnam
La chiesa buddista unificata del Vietnam lamenta un aumento della repressione
05/10/2005 VIETNAM
Diplomatici occidentali incontrano dissidente buddista
05/05/2008 VIETNAM
Attacco della polizia ad una pagoda della Chiesa buddista unificata del Vietnam
21/04/2004 Vietnam
Persecuzione del governo verso mennoniti e buddisti

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate