2 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/11/2006
VIETNAM
In Vietnam l'Apec ha pensato solo ai soldi e non ai diritti umani

Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata accusa governi e media occidentali.



Parigi (AsiaNews) – L'appena concluso vertice dell'Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation), che si è tenuto ad Hanoi il 18 e 19 novembre, ha confermato che, per quanto riguarda il Vietnam, l'attenzione del mondo occidentale, ed in particolare degli Stati Uniti è solo per le questioni economiche, senza alcuna preoccupazione per la mancanza di rispetto dei diritti umani. L'accusa è lanciata da Vo Van Ai, presidente del Comitato vietnamita per i diritti dell'uomo e portavoce della Chiesa buddista unificata, bandita dal regime.

In una lettera aperta indirizzata i 21 rappresentanti degli Stati presenti, Vo Van Ai li invitava a non limitarsi alle questioni commerciali. "Senza una evoluzione democratica – scriveva - lo sviluppo economico non può che portare ad un vicolo cieco". A suo giudizio, solo i movimenti religiosi premono per un cambiamento del Partito comunista nel senso di una sua apertura.

"Certamente – ha spiegato in un'intervista al Courier international - il Vietnam si vanta di registrare un tasso di crescita del 7 o 8%, ma non è un segno di stabilità. Anche se, ovviamente, la situazione del Paese è migliorata rispetto a 20 anni fa, i cambiamenti economici non hanno migliorato in modo decisivo il livello di vita degli abitanti. Ad Hanoi, Ho-Chi-Minh City e nelle altre grandi città le cose sono cambiate, ma l'80% della popolazione vive nelle campagne. E sono a livello della soglia di povertà".

Ad avviso dell'esponente vietnamita, un reale cambiamento, frutto di una vera apertura, ci sarà solo quando il Partito comunista sarà disposto a trattare con i buddisti. "Le religioni hanno un posto importante nella società vietnamita ed essi costituiscono i soli movimenti a chiedere la democratizzazione del comunismo. La repressione è la durissima conseguenza che subiscono i capi buddisti".

Anche i media occidentali, chiede Vo Van Ai, dovrebbero parlare anche delle questioni sociali e dei diritti umani in Vietnam, in modo che i Paesi che ci aiutano, facciano pressioni. Dovrebbero porre condizioni per continuare ad offrire il loro sostegno. "Ad inizio anno, ad esempio, c'è stata una grande ondata di scioperi nelle zone industriali. In due mesi ci sono stati 150 blocchi, ai quali hanno preso parte 140mila operai. Non c'è un sindacato libero. Il salario minimo è passato da 23 a 25 dollari, qualche agitatore è stato arrestato e tutto è rientrato nell'ordine. E i media occidentali non hanno praticamente parlato di questo movimento".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/07/2008 VIETNAM
Il governo teme i funerali di Thich Huyen Quang, patriarca buddista ed eroe della libertà religiosa
di Nguyen Van Tranh
22/11/2005 vietnam
La chiesa buddista unificata del Vietnam lamenta un aumento della repressione
05/10/2005 VIETNAM
Diplomatici occidentali incontrano dissidente buddista
05/05/2008 VIETNAM
Attacco della polizia ad una pagoda della Chiesa buddista unificata del Vietnam
21/04/2004 Vietnam
Persecuzione del governo verso mennoniti e buddisti

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate