23 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/09/2012 08:54
INDIA
India, 50 milioni di persone in sciopero contro l’apertura ai supermercati stranieri
La serrata è indetta da partiti dell’opposizione e sindacati. Chiusi scuole, uffici e negozi in diversi Stati del Paese. Trasporti sospesi per l’intera giornata. Con l’ingresso delle catene internazionali nel mercato indiano al dettaglio, i piccoli negozianti temono di perdere il lavoro.

Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - Almeno 50 milioni di persone in India hanno aderito allo sciopero nazionale di oggi, indetto da partiti dell'opposizione e sindacati per protestare contro l'apertura del mercato al dettaglio ai grandi supermercati stranieri. Scuole, negozi e uffici sono stati chiusi in diverse zone del Paese, e i servizi di trasporto pubblico sono stati sospesi o bloccati dalla popolazione stessa. L'adesione maggiore si registra negli Stati guidati dal Bharatiya Janata Party (Bjp, partito ultranazionalista indù e leader dell'opposizione): a Bangalore (Karnataka), le sedi di grandi multinazionali straniere come l'Ibm hanno deciso di restare chiuse per l'intera giornata. Al di là dei disagi causati dai vari disservizi, per il momento la serrata è di natura pacifica.

Il primo ministro Manmohan Singh ha annunciato la contestata riforma il 14 settembre scorso. Essa prevede di accordare il 51% di investimenti esteri diretti alle grandi catene internazionali di supermercati multimarca (Carrefour, Wallmart), e il 100% ai monomarca (Nokia, Reebok). Per il premier, il provvedimento darà nuova linfa all'economia del Paese, che nell'ultimo anno ha registrato un calo nella crescita.

Secondo l'opposizione invece, la riforma colpirà in modo diretto i piccoli rivenditori del Paese, che con l'ingresso delle grandi catene straniere saranno costretti a chiudere. Un negoziante di New Delhi spiega: "Questi supermercati possono vendere prodotti a prezzo di costo. Ciò significa che tanta gente perderà il posto". In India, il mercato al dettaglio dà lavoro a più di 40 milioni di persone. Oltre il 90% degli scambi commerciali interni avviene proprio attraverso i piccoli rivenditori locali.

Oltre all'opposizione, anche alcuni alleati del governo Upa (United Progressive Alliance) sono contrari alla riforma del mercato al dettaglio. Su tutti, il Trinamool Congress di Mamata Banerjee (anche chief minister del West Bengal): se il provvedimento dovesse andare in porto, la leader politica ha annunciato il ritiro del partito dal governo e le dimissioni di sei suoi ministri entro domani. Tuttavia, anche se la Banjeree dovesse mantenere la promessa, l'esecutivo di Singh non rischia (ancora) una crisi. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/09/2012 INDIA
L’India apre ai supermercati stranieri, ma rischia una crisi di governo
25/11/2011 INDIA
L’India apre le porte ai supermercati stranieri
07/12/2012 INDIA
India: il governo apre il mercato al dettaglio agli investimenti diretti esteri
18/02/2005 ASIA
Esplode la vendita al dettaglio in tutta l'Asia
di Maurizio dOrlando
29/09/2005 INDIA
India, sciopero nazionale contro le riforme economiche di Singh

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate