04/03/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

India, libertà religiosa sempre più a rischio: nuove aggressioni contro i cristiani

di Nirmala Carvalho
Venti fedeli sono stati picchiati dalla polizia in Rajasthan per aver distribuito volantini. In Madhya Pradesh un gruppo della destra indù ha interrotto un servizio di preghiera della comunità pentecostale. Global Council of Indian Christians (Gcic): "L'India è un Paese laico e democratico, non una teocrazia".

Mumbai (AsiaNews) - Nuovi attacchi contro le comunità cristiane dell'India continuano a far dubitare sull'effettiva libertà religiosa nel Paese. Il Global Council of Indian Christians (Gcic) denuncia ad AsiaNews due nuovi casi. Nel più grave, avvenuto in Rajashtan il 26 febbraio scorso, 20 cristiani sono stati picchiati dalla polizia per aver distribuito dei volantini. Il secondo è si è verificato in Madhya Pradesh (1 marzo) e a farne le spese è stata una comunità pentecostale.

A fine febbraio un gruppo di 20 fedeli cristiani di Hyderabad (Telangana) si trovava a Jaipur, in Rajasthan, a distribuire volantini nella Mansarowar Colony. Alcune persone hanno chiamato la polizia, che ha preso i cristiani e li ha portati nella stazione di polizia. Una volta lì, gli agenti li hanno allineati contro un muro e li hanno presi a cinghiate sulle mani e sui polsi.

"L'India - sottolinea Sajan George - è un Paese laico e democratico, non una teocrazia. Questo gruppo di cristiani stava solo distribuendo dei volantini: non c'è nulla di criminale in questa attività. Al contrario, la polizia si è comportata in modo criminale. Anche gli indù distribuiscono o addirittura vendono letteratura religiosa, ma sono protetti da quelle garanzie costituzionali sulla libertà religiosa che invece vengono costantemente negate ai cristiani".

Il secondo episodio è avvenuto nel villaggio Kasba Jobat (Alirajpur, Madhya Pradesh). Il rev. Nobel Emmanuel, pastore pentecostale della comunità locale, stava celebrando il servizio domenicale, quando attivisti dell'Hindu Jagran Manch (Hjm, organizzazione della destra indù) hanno fatto irruzione. Il gruppo radicale ha interrotto il raduno, accusando i presenti di praticare conversioni forzate.

Il presidente del Gcic spiega: "Minacce, intimidazioni e attacchi contro i cristiani pentecostali sono frequenti nel Madhya Pradesh del Bharatiya Janata Party (Bjp, nazionalisti indù), e questo causa paura e insicurezza nelle minoranze dello Stato. Accuse infondate di conversioni ottenute con la forza o l'inganno sono spesso rivolte contro i cristiani, e la legge anti-conversione qui in vigore è usata come strumento politico per prendere di mira le minoranze".

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
India, arrestati e rilasciati missionari pentecostali e sette bambini cristiani
31/10/2017 13:03
Rajasthan: "scortati" dalla polizia, radicali indù attaccano cristiani pentecostali
12/03/2015
Madhya Pradesh, radicali indù picchiano e fanno arrestare otto cristiani
07/11/2014
Madhya Pradesh, chiuso un collegio cattolico. Vescovo di Sagar: Vogliono cacciare i cristiani
20/09/2017 10:34
Madhya Pradesh: "incoraggiati" dal governo, radicali indù perseguitano i cristiani
31/07/2014