17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/09/2004, 00.00

    india

    India, mosaico di fedi minacciato dal fondamentalismo induista



    Il censimento nazionale smaschera le accuse induiste contro le minoranze religiose

    New Delhi (AsiaNews) – Per la prima volta il censimento nazionale indiano ha radiografato la situazione religiosa nel Paese. Dai dati del censimento - realizzato nel 2001 e i cui risultati sono stati resi noti dal governo pochi giorni fa - risulta che i cristiani costituiscono il 2,3% della popolazione indiana. I fedeli cristiani sono circa 24 milioni, 8 milioni dei quali vivono nelle città e 16 nelle campagne.

    Alcuni responsabili cristiani esprimono osservazioni a partire dalla pubblicazione del censimento, denunciando la campagna dei gruppi fondamentalisti indù contro le minoranze religiose. "Sorpresa" per il momento di pubblicazione del censimento è espressa da John Dayal, segretario generale dell'All India Christian Council, e da suor Mary Scaria, della Commissione Giustizia e pace dell'arcidiocesi di Delhi. "La ricerca è stata realizzata 3 anni fa, ma viene pubblicato solo ora, in un momento in cui le forze che si battono per l'Hindutva [l'ideologia indù, ndr], stanno lanciando una campagna per destabilizzare la società alla vigilia di alcune importanti elezioni locali". I gruppi sostenitori dell'ideologia induista sono il Bharatiya Janata Party (BJP), fino a maggio al governo in India,  e il Rashtriya Swayamsevak Sangh (RSS), il braccio militare del BJP.

    L'attivista John Dayal afferma che il censimento smaschera alcune falsità della propaganda induista sulla presenza cristiana nel paese. "I fondamentalisti indù affermano che il nordest dell'India sarebbe totalmente cristiano e accusano i cristiani di aver operato conversioni di massa. Ma questa è una bugia" sottolinea Dayal. "Basta guardare le cifre: al di là del Nagaland (dove i cristiani sono il 90% dei 2 milioni di abitanti), negli altri stati della regione essi sono sempre una minoranza: 34% nel Manipur, 19% del Kerala, 1,9% del Chhatisgarh e 0,3% del Madhya Pradesh" sottolinea Dayal.

    In occasione della pubblicazione del censimento, Vankaiah Naidu, alto esponente del BJP, ha dichiarato che i dati sulle religioni "sono motivo di grave preoccupazione per tutti coloro che si preoccupano dell'integrità dell'India nel lungo periodo". L'accenno di Naidu è al tasso di crescita della popolazione musulmana (36%), che sarebbe molto più alto rispetto a quello degli indù (20,3%).

    A questo riguardo John Dayal denuncia il deliberato travisamento dei dati da parte di Naidu allo scopo di danneggiare la minoranza musulmana: "Sono stati inclusi il Kashmir e l'Assam [stati con una presenza islamica del 67% e del 30%, ndr], sempre esclusi dai precedenti censimenti del 1981 e del 1991. E' evidente lo scopo di tutto questo: dare una falsa impressione dell'aumento dei musulmani nel paese". In questo modo le accuse dei fondamentalisti indù ai musulmani  - di convertire molti indù all'islam - verrebbero confermate dalle cifre del censimento. I musulmani sono 138 milioni, pari al 13,4% della popolazione. Gli indù sono l'80,5%, i sikh l'1,9,i buddisti lo 0,8%.

    La ricerca ha stabilito in modo ufficiale il numero degli abitanti indiani: 1 miliardo 28 milioni 610.328 gli abitanti che fanno dell'India il secondo Paese più popoloso del mondo.  I maschi sono più numerosi  (532 milioni) rispetto alle femmine (496 milioni).

    Il censimento ha inoltre evidenziato i dati sulla povertà del Paese: metà delle case indiane non ha l'elettricità, 2 su 3 sono senza l'acqua corrente, 6 su 10 non dispongono di servizi igienici.

    Ci sono 48 dottori ogni 100mila abitanti. L'analfabetismo raggiunge il 64,8% della popolazione, con una netta disparità fra uomini (75,3%) e donne (53,7%). L'analfabetismo femminile raggiunge il 63,8% nello Uttar Pradesh e il 60,1% nello Jharkhand. Un bambino su 4 non va a scuola; 25 milioni di bambini non sono mai entrati in un'aula scolastica. Dieci milioni di minori lavorano e vivono sulle strade. (LF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/11/2003 india
    Parrocchia ospita 200 musulmani per la fine del digiuno


    12/01/2018 15:30:00 INDIA-NEPAL
    Uttar Pradesh: arrestati tre cristiani nepalesi perché ‘diffondevano il cristianesimo’

    Sono accusati di aver usato linguaggio biasimevole contro gli dei indù. Diverse comunità evangeliche hanno una visione totalmente negativa verso le altre religioni.



    30/11/2004 thailandia
    Le religioni insieme per la pace nel sud della Thailandia

    Musulmani del sud denunciano istigazioni da parte di imam venuti dall'estero.



    06/06/2008 INDIA
    Mons. Dabre: “Tra fedi diverse, spirito di dialogo nella piena libertà”
    In occasione dell’assemblea plenaria del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso il vescovo indiano ribadisce l’esigenza di un “confronto fra le religioni” all’insegna dello “Spirito di dialogo”. Madre Teresa e Papa Benedetto XVI gli esempi da seguire per favorire “l’armonia” interconfessionale.

    24/01/2005 INDIA
    Pace e religioni: approfondire la fede per dialogare con gli altri

    Un seminario interreligioso in India individua nella conoscenza della propria fede e nel dialogo con le altre, la strada che porta alla pace.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®