27/06/2017, 12.45
INDIA – USA
Invia ad un amico

India e Usa ‘mai così uniti’ su economia, difesa, lotta al terrorismo e contrasto alla Cina

Molte strette di mano e abbracci tra Trump e Modi. Gesti simbolici mascherano i reali intenti politici. Sostegno Usa nella disputa tra Delhi e Islamabad sull’estremismo islamico. Il capo dei separatisti del Kashmir inserito nella lista dei terroristi a livello mondiale. Vendita di 22 droni americani al prezzo di due miliardi di dollari. Condivisione di informazioni in campo navale.

Washington (AsiaNews) – “Le relazioni tra India e Stati Uniti non sono mai state così forti, mai così buone”. Lo ha detto Donald Trump durante la conferenza stampa finale che ha suggellato in maniera definitiva l’amicizia con il premier indiano Narendra Modi, in questi giorni in visita ufficiale alla Casa Bianca. In pubblico i due leader si sono lasciati andare a gesti cordiali – ben tre abbracci e numerose strette di mano – che evidenziano una simpatia reciproca e soprattutto una linea comune sui temi rilevanti della politica internazionale. In sostanza, essi hanno definito strategie di sviluppo economico, di difesa e sicurezza, di contrasto al terrorismo internazionale e su come arginare l’espansionismo cinese nei mari.

La visita era attesa da tempo come una delle più importanti della carriera di Modi. Diversi analisti in India oggi sottolineano come i gesti simbolici di cortesia quasi “affettata”, che hanno caratterizzato gli incontri da ambo le parti, non siano stati altro che un mezzo per raggiungere i rispettivi obiettivi. Sotto il manto della cordialità si celano infatti contratti miliardari e la voglia di presentarsi di fronte al proprio elettorato come leader forti, nonostante l’estraneità alla politica.

Da parte indiana, Modi si è assicurato un appoggio totale nel contrasto al terrorismo islamico, identificato nelle vesti dell’acerrimo rivale Pakistan e dei separatisti del Kashmir. Per quanto riguarda Islamabad, nel comunicato congiunto i due leader hanno invitato “il Pakistan a garantire che il suo territorio non venga utilizzato per sferrare attacchi terroristici contro altri Paesi”. Questa dichiarazione è un successo eclatante per Delhi, che da tempo sta tentando di isolare il confinante dal punto di vista diplomatico dipingendolo come l’origine di tutti i mali dell’estremismo di matrice islamica. Collegate al Pakistan anche le lotte separatiste del Kashmir. Modi ha ottenuto dal Dipartimento di Stato americano l’inserimento di Syed Salahuddin, guida suprema dell’Hizbul Mujahideen, nella lista speciale dei “Terroristi a livello globale”. Ciò implica una decisa battuta d’arresto per la rivolta della popolazione locale, dal momento che dagli Stati Uniti verranno bloccate tutte le forme di finanziamento.

Da parte sua, Trump ha concluso la firma di contratti economici a più zeri. L’amministrazione ha deciso di “voler fornire all’India la migliore tecnologia di difesa”. Perciò il Dipartimento di Stato ha approvato la vendita di un C-17, un aeroplano per il trasporto militare del valore di 366 milioni di dollari, e ha offerto 22 droni non armati, al prezzo di due miliardi di dollari, per una più efficace sorveglianza dell’Oceano indiano. A tutto questo, si somma la disponibilità dell’India a cooperare in tema di sicurezza marittima, con il chiaro intento di bilanciare l’espansione di Pechino nel Mar cinese meridionale. Infatti Delhi parteciperà ad esercitazioni navali trilaterali con l’aggiunta del Giappone; sarà presente all’Indian Ocean Naval Symposium in qualità di osservatore; condividerà informazioni navali nel programma “White Shipping”. Tutti questi progressi nel campo della difesa, afferma la nota della Casa Bianca, “aumenteranno il commercio bilaterale fino a 19 miliardi di dollari, a vantaggio di migliaia di posti di lavoro negli Stati Uniti”. Infine l’India conferma il suo sostegno al governo americano nella guerra in Afghanistan, dove vorrebbe inviare 5mila truppe, e nelle sanzioni alla Corea del nord.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dopo i jet a Taiwan, Pechino blocca le esercitazioni militari con gli Usa
29/09/2011
Seoul e Washigton: Stop alle esercitazioni militari congiunte
04/03/2019 10:59
Modi negli Usa: l’amicizia sempre più forte con Obama provoca malumori in Cina e Pakistan
08/06/2016 12:11
Cina e Pakistan, collaborazione "non solo militare"
28/11/2006
Al via le esercitazioni navali nel Mar cinese meridionale
28/06/2011