05/06/2010, 00.00
FILIPPINE – ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Infermiere filippine a Ryadh contro il centro di assistenza ai migranti: ci hanno abbandonato

Accusato in questi giorni il responsabile all’assistenza dell’Overseas Workers Employment Administration di Ryadh. Invece di aiutare le infermiere vittime di abusi le invitava a tornare al lavoro. Le 30 donne, sono rimpatriate in marzo e lavoravano per l’Annasbah, compagnia di Ryadh nota per i continui abusi a danno dei dipendenti. Ora temono per la sorte di altre 30 compagne ancora bloccate nella capitale saudita.

Manila (AsiaNews/Agenzie) – Oltre 30 infermiere filippine, per anni vittime di abusi della compagnia Saudita Annasbah, hanno accusato in questi giorni l’ufficio di assistenza dell’Overseas Workers Employment Administration (Owwa) di Ryadh di essere in combutta con i loro datori di lavoro. Le donne si erano a più riprese rivolte al centro di assistenza gestito da filippini per ottenere il permesso di rimpatrio, ma sono state ignorate e rimandate al lavoro, senza alcuna assistenza medica. Dopo mesi di attesa sono riuscite a rimpatriare pagando però di tasca propria il biglietto di ritorno. Ora temono per la sorte di altre 30 compagne rimaste in Arabia Saudita.

Eppie Bellama, una delle vittime, afferma:“Invece di aiutarci, l’Amministrazione dei lavoratori esteri filippini di Ryadh ha prolungato la nostra agonia lasciandoci nelle mani dei nostri sfruttatori, e ora sta facendo lo stesso con le nostre compagne rimaste in Arabia Saudita”. Insieme alle altre infermiere la donna ha stilato in questi giorni una lista di accuse rivolte a Nestor Burayag, responsabile dell’ufficio di assistenza dell’Owwa in Arabia Saudita.
 
Il documento elenca i “cinque peccati mortali” compiuti da Burayag: il ritardo nel processo di rimpatrio per non aver fatto pressioni sulla Annasbah nel rilascio dei visti; la mancata assistenza alimentare e medica per le infermiere ammalate; il pagamento di mille euro per il biglietto di ritorno a carico delle donne, invece di esigere il rimborso all’azienda. Burayag ha anche chiesto alle infermiere di fermare le loro proteste e di ritornare al lavoro.   
 
L’Annasban è una nota compagnia Saudita attiva nel servizio ospedaliero e si serve della collaborazione dell’Owwa per cercare nelle Filippine lavoratori migranti da inserire all’interno delle sue strutture. In questi anni è stata spesso accusata di sfruttamento e di tenere in condizioni disumane i propri impiegati con la parziale copertura dei responsabili dell’Owwa di Ryadh. Essi hanno il compito di fornire assistenza ai migranti e di segnalare al governo filippino eventuali abusi compiuti dalle aziende.
 
In gennaio, 88 infermiere hanno indetto uno sciopero della fame per protestare contro la compagnia e l’ufficio di assistenza ai migranti che avevano negato il rientro in patria a una collega ammalatasi durante il servizio, giudicando inappropriata la richiesta. A tutt’oggi le autorità filippine non hanno emesso alcuna dichiarazione ufficiale contro la compagnia, che continua a reclutare personale tra le migliaia di migranti che ogni giorno abbandonano il Paese.
 
Secondo i dati della Philippine Overseas Employment Administration (Poea) dal 2007 al 2008 l’emigrazione verso il Medio Oriente ha visto un aumento del 29,5% che per la facilità di impiego si conferma tra le prime scelte dei migranti. E questo nonostante le terribili condizioni di lavoro, il rischio di conversioni forzate e gli abusi sessuali subiti dalle donne.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arabia Saudita, migliaia di lavoratori uccisi da sfruttamento, torture e alcolismo
10/07/2012
L’Indonesia rimpatria migliaia di emigrati in Arabia Saudita: sfruttati sul lavoro
11/11/2009
Jizan, costretta a bere candeggina: grave domestica filippina
17/04/2018 13:06
Mons. Martinelli: infermiere filippine, testimonianze cristiane per Gheddafi e i ribelli
07/04/2011
Operai del Ciad in Arabia Saudita, condannati alla clandestinità
13/09/2006