26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/03/2005, 00.00

    VIETNAM

    Influenza aviaria in Vietnam, nuovi casi senza sintomi



    La malattia potrebbe essere più diffusa di quanto si pensi.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) –L'influenza aviaria potrebbe colpire senza presentare sintomi ed essere così più diffusa di quello che si è calcolato. Oggi autorità sanitarie vietnamite hanno reso noti due casi insospettati. Nguyen Tran Hien, direttore dell'Istituto nazionale per l'igiene e le epidemie, ha confermato che una donna dalla provincia settentrionale di Thai Binh è risultata positiva al virus H5N1, senza presentarne i sintomi. La 61enne è vedova di una vittima dell'influenza aviaria, deceduta il 23 febbraio scorso. La donna non soffriva della crisi respiratoria e della febbre alta tipiche dei contagiati. Ora è in buona salute ma in isolamento. Nguyen Van Thieu, direttore del Centro medico del distretto di  Kien Xuong, nel Thai Binh, ha detto che "le cause dell'infezione sono ancora sconosciute". La famiglia allevava pollame risultato, però, sano.

    Nessun sintomo evidente nemmeno nell'80enne risultato infetto dal virus dopo le analisi svolte all'Istituto nazionale di Igiene e Epidemie di Hanoi. Due nipoti dell'uomo, di 21 e 14 anni, erano già ricoverati all'ospedale di Hanoi per aver contratto l'influenza dei polli.

    Le autorità sanitarie sospettano che i 3 familiari, anche loro dalla provincia di Thai Binh, abbiamo contratto il virus mangiando un'anatra infetta circa un mese fa. Non ci sono per il momento prove del temuto contagio uomo a uomo.

    I due casi sollevano timori che l'influenza aviaria sia più diffusa di quanto si possa calcolare. "È possibile – ha detto il portavoce regionale dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Peter Cordingley, che alcune persone siano malate ma presentino sintomi troppo lievi per essere rilevate dai test". 

    Dal 2003 l'influenza dei polli ha ucciso 46 persone nel sudest asiatico: 33 in Vietnam, 12 in Thailandia, una in Cambogia e costretto alla soppressione di milioni di volatili.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2006 MYANMAR
    Aviaria, primo focolaio in Myanmar
    Fonti ufficiali nel Paese confermano centinaia di volatili morti per il virus H5N1 in una fattoria vicino a Mandalay.

    30/09/2004 VIETNAM - THAILANDIA
    Influenza dei polli, ventesima vittima in Vietnam
    Thailandia: "Almeno 5 anni per debellare la malattia"

    02/06/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: muore bambina di 8 anni, si teme un contagio uomo a uomo

    La giovane vittima è morta ieri sera; tre giorni prima morto anche il fratello maggiore, del quale però non sono stati prelevati campioni da analizzare.  



    20/09/2005 INDONESIA
    Oms: la campagna globale contro l'influenza aviaria costerà più di 250 milioni di dollari
    In Indonesia misure di emergenza "straordinarie" dopo il quarto caso di decesso tra uomini per il virus H5N1: chiuso uno zoo a Jakarta sud, vi erano 19 volatili infetti.

    08/04/2008 CINA
    Aviaria, la Cina conferma contagio da uomo a uomo
    Si tratta di un caso avvenuto a dicembre: padre e figlio avevano entrambi contratto il virus H5N1. Il giovane non è sopravvissuto. Non è il primo caso, ma è esclusa la temuta mutazione.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®