1 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/03/2005
VIETNAM
Influenza aviaria in Vietnam, nuovi casi senza sintomi

La malattia potrebbe essere più diffusa di quanto si pensi.



Hanoi (AsiaNews/Agenzie) –L'influenza aviaria potrebbe colpire senza presentare sintomi ed essere così più diffusa di quello che si è calcolato. Oggi autorità sanitarie vietnamite hanno reso noti due casi insospettati. Nguyen Tran Hien, direttore dell'Istituto nazionale per l'igiene e le epidemie, ha confermato che una donna dalla provincia settentrionale di Thai Binh è risultata positiva al virus H5N1, senza presentarne i sintomi. La 61enne è vedova di una vittima dell'influenza aviaria, deceduta il 23 febbraio scorso. La donna non soffriva della crisi respiratoria e della febbre alta tipiche dei contagiati. Ora è in buona salute ma in isolamento. Nguyen Van Thieu, direttore del Centro medico del distretto di  Kien Xuong, nel Thai Binh, ha detto che "le cause dell'infezione sono ancora sconosciute". La famiglia allevava pollame risultato, però, sano.

Nessun sintomo evidente nemmeno nell'80enne risultato infetto dal virus dopo le analisi svolte all'Istituto nazionale di Igiene e Epidemie di Hanoi. Due nipoti dell'uomo, di 21 e 14 anni, erano già ricoverati all'ospedale di Hanoi per aver contratto l'influenza dei polli.

Le autorità sanitarie sospettano che i 3 familiari, anche loro dalla provincia di Thai Binh, abbiamo contratto il virus mangiando un'anatra infetta circa un mese fa. Non ci sono per il momento prove del temuto contagio uomo a uomo.

I due casi sollevano timori che l'influenza aviaria sia più diffusa di quanto si possa calcolare. "È possibile – ha detto il portavoce regionale dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Peter Cordingley, che alcune persone siano malate ma presentino sintomi troppo lievi per essere rilevate dai test". 

Dal 2003 l'influenza dei polli ha ucciso 46 persone nel sudest asiatico: 33 in Vietnam, 12 in Thailandia, una in Cambogia e costretto alla soppressione di milioni di volatili.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/03/2006 MYANMAR
Aviaria, primo focolaio in Myanmar
30/09/2004 VIETNAM - THAILANDIA
Influenza dei polli, ventesima vittima in Vietnam
02/06/2006 INDONESIA
Influenza aviaria: muore bambina di 8 anni, si teme un contagio uomo a uomo
20/09/2005 INDONESIA
Oms: la campagna globale contro l'influenza aviaria costerà più di 250 milioni di dollari
di Mathias Hariyadi
08/04/2008 CINA
Aviaria, la Cina conferma contagio da uomo a uomo

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate