01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/06/2012, 00.00

    ASIA

    Influenza suina: il numero delle vittime - oltre mezzo milione - è 15 volte superiore a quelle dell'Oms



    È quanto emerge da un recente studio elaborato negli Stati Uniti. La maggior parte dei decessi per la pandemia, scoppiata nel 2009, è concentrato nel Sud-est asiatico e in Africa. Il nuovo bilancio parla di 284mila morti, ma il numero complessivo potrebbe arrivare fino a 579mila.

    Bangkok (AsiaNews/Agenzie) - L'influenza A del 2009 ha ucciso circa 284.500 persone, concentrate soprattutto nel Sud-est asiatico e in Africa, con un bilancio totale di almeno 15 volte superiore ai test di laboratorio diffusi all'epoca della pandemia. È quanto emerge da uno studio pubblicato dal prestigioso Lancet, rivista con base a Londra e specializzata nel settore della medicina, secondo cui il numero delle vittime potrebbe arrivare fino a quota 579mila. In un primo momento, il numero dei morti per influenza suina stilato dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) era fermo a 18.500. Si trattava di decessi legati al virus sanciti da test di laboratorio, che lo stesso organismo internazionale definiva all'epoca "stima cauta" a causa del mancato conteggio di quanti - vivendo in aree povere o isolate - non hanno avuto accesso al sistema sanitario o l'H1N1 "non è sempre rintracciabile".

    Il nuovo studio mostra inoltre che l'impatto della pandemia è variato di molto a seconda della regione di riferimento, con il 51% dei morti per influenza suina concentrati in Africa e nel Sud-est asiatico. Queste due aree, da sole, ospitano circa il 38% della popolazione mondiale e hanno registrato un incidenza maggiore della patologia.

    Per gli esperti il nuovo bilancio è una conferma della pericolosità della malattia, che non ha mietuto ulteriori vittime solo perché non ha colpito le persone più anziane. Fra le ragioni, avvertono i ricercatori, il fatto che la fascia più vecchia della popolazione fosse protetta avendo contratto in passato un virus molto simile per il quale l'organismo ha sviluppato le opportune difese.

    Il dottor Fatimah Dawood, della Centro statunitense per la prevenzione e il controllo della diffusione delle malattie e autore della ricerca, afferma che "la pandemia ha avuto davvero un numero enorme" di vittime. E aggiunge l'importanza della veicolazione di vaccini nelle aree più colpite dal virus. Il primo caso è stato registrato in Messico nel marzo 2009 poi, dopo aver raggiunto la California, si è diffuso in tutto il mondo generando timori e panico. Nel giugno dello stesso anno gli esperti hanno dichiarato la pandemia, con l'H1N1 presente in 74 Paesi al mondo.

    Dai dati emerge che l'80% delle vittime di Influenza A erano al di sotto dei 65 anni, mentre la classica influenza stagionale causa il maggior numero di decessi fra gli anziani, con un dato che si aggira fra l'80 e il 90% dei morti. Lo scorso anno un gruppo di esperti convocato dall'Oms ha elaborato una ricerca, dalla quale è emersa la cattiva gestione della pandemia da parte dell'organismo mondiale Onu per la sanità, che non ha saputo elaborare le linee guida corrette e il cui piano di contrasto si è rivelato insufficiente. Di contro, l'Europa ha accusato l'agenzia di aver procurato un allarme ingiustificato e bruciato inutilmente enormi quantità di denaro nell'acquisto di vaccini.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/09/2009 CINA – ASIA
    Pechino, influenza suina: vaccinazioni di massa per funzionari e quadri di partito
    Dosi riservate ai partecipanti alle celebrazioni per il 60mo della nascita della Repubblica popolare, in programma il primo ottobre. Epidemiologo cinese avverte: pandemia diffusa anche nelle città medie e piccole. Nuovi decessi in India e Thailandia; fonti Oms parlano di oltre 2800 morti in tutto il mondo.

    17/10/2009 ASIA
    Oms, quasi 5 mila morti per la nuova influenza. Washington denuncia ritardi nei vaccini
    L’Organizzazione mondiale della sanità riferisce di quasi 400 mila contagi, ma il numero potrebbe essere superiore. Pechino conferma la seconda vittima per la nuova influenza. Allarme per bambini e giovani negli Stati Uniti: l’H1N1 ha già mietuto quasi il doppio delle vittime di una influenza stagionale.

    11/09/2009 CINA
    Pechino, influenza suina: in autunno decine di milioni di contagi, morti “inevitabili”
    L’allarme lanciato dal vice-direttore del Dipartimento per le emergenze sanitarie. Povertà e strutture mediche inadeguate nelle zone rurali possono favorire la diffusione del virus. Studi recenti mostrano che è sufficiente una dose di vaccino per prevenire il contagio. In Israele scoperto un ceppo resistente al Tamiflu.

    21/08/2009 ASIA
    Allarme Oms: “esplosione” di influenza suina, governi pronti a intervenire
    Per un gruppo di nazioni gli esperti prevedono un “raddoppio” nei contagi “ogni tre o quattro” giorni, fino al picco massimo. Al 13 agosto più di 182mila infetti e circa 1800 decessi. Ne i Paesi poveri vi è un rischio concreto di sovraffollamento delle strutture ospedaliere. In due anni un terzo della popolazione mondiale colpito dalla malattia.

    22/10/2009 ASIA
    Cina: vaccinazioni di massa contro l’influenza suina, in attesa del picco nei contagi
    Questa mattina la municipalità di Pechino ha iniziato la distribuzione di dosi per studenti di scuole elementari e medie. Vaccinazioni anche nello Yunnan e nel Gansu. In Giappone emerge il primo caso di contagi fra maiali, in un allevamento di Osaka. Ieri tre vittime in Thailandia e sette in India.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®