1 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/08/2012
TAIWAN - CINA
Inizia il mese dei fantasmi: la paura e il business
di Xin Yage
Nel settimo mese lunare gli spiriti dei defunti vagano liberi. Bambini, giovani e adulti cercano di ingraziarseli o di proteggersi da loro con offerte di cibo, banconote di carta, preghiere. Una tradizione antichissima.

Taipei (AsiaNews) - "Le porte del regno dei morti si aprono per un mese e vengono fuori le loro anime, quindi bisogna dar loro da mangiare mentre sono nel nostro quartiere": con molta diligenza un bambino di sette-otto spiega così la festa che inizia quest'oggi, mentre con la mamma al supermercato riempie il carrello della spesa. Negozi e supermercati ogni anno, prima dell'inizio del settimo mese lunare (quest'anno incomincia oggi venerdì 17 agosto), preparano grandi provviste e le predispongono già suddivise in grandi quantità per la comodità di chi viene a comprare. "Oltre a far contenti gli spiriti facciamo contenta la gente, e i clienti rendono felici anche noi: che sia anche un buon business non c'è dubbio" sorride il gestore di un grande supermercato di uno dei quartieri più popolati della città. Oltre agli affari, anche lui è molto diligente nel rispettare e celebrare il mese degli spiriti.  

Nella tradizione cinese la festa degli spiriti ricorre il 15 del settimo mese lunare (zhong yuan jie), che quest'anno corrisponde al 31 agosto, e si celebra la notte del 14 (o la notte del 15 nel nord della Cina). A Taiwan tutto il settimo mese lunare è celebrato come "mese degli spiriti" o dei "fantasmi" (gui yue). Il primo giorno del settimo mese lunare vengono aperte le porte dei diversi templi: esse rappresentano le porte dell'inferno e per questa ragione gli spiriti dei defunti possono uscire per un mese e vagare tra le abitazioni dei vivi. Il dodicesimo giorno sono accese le lampade sull'altare principale, mentre durante il tredicesimo giorno si fa una processione con le lanterne. Il giorno quattordici avviene la suggestiva celebrazione con le lampade rilasciate sull'acqua del fiume o del mare.

Le offerte che vengono fatte ai defunti servono per ricevere aiuto da loro ma anche per placarli. A Hong Kong e Taiwan, ad esempio, in questo mese si cerca di non andare a nuotare: si pensa che gli spiriti morti annegati possano cercare compagnia... facendo annegare qualche sventurato!

Il professor Ding (丁), insegnante di storia cinese al liceo statale, spiega che "le origini del 'gui yue' sono molto antiche, provengono sia dalle religioni popolari cinesi, sia dal taoismo: anche il buddismo celebra l'Ullambana (festa dedicata ai morti) proprio il quindicesimo giorno del settimo mese". Tradizionalmente durante questo mese si evitano viaggi, traslochi, matrimoni, anche se oggi le generazioni più giovani si sentono più libere di decidere diversamente.

Alla sera, mentre sto comprando il caffè per il giorno dopo, un altro ragazzo è tutto intento a procurarsi le copie colorate delle banconote di carta che vengono poi bruciate come regalo agli spiriti: "questo mese pregherò anche di più: gli spiriti di sicuro mi aiuteranno...". Interviene la mamma: "oltre a pregare di più, dovresti anche studiare di più: tian zhu zi zhu (aiutati che il ciel ti aiuta)", come dice il proverbio in molte lingue e culture.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/12/2014 CINA
Una lista di luoghi di culto "legali" per "sradicare" le attività religiose illegali
di Wang Zhicheng
07/02/2007 CINA
Sondaggio ufficiale, sono oltre 300 milioni i credenti nel Paese
04/02/2005 CINA
Quasi 2 miliardi di viaggi nel grande esodo del Capodanno cinese
26/04/2006 Cina
Il regime cinese si scaglia contro le offerte rituali ai defunti
11/02/2010 HONG KONG - CINA
Leader religiosi di Hong Kong: Nell'Anno della Tigre, combattiamo il disagio giovanile e la droga
di Annie Lam

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate