29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/05/2011, 00.00

    MYANMAR

    Internet café, il governo birmano vieta l’uso di cd, chiavette e floppy



    Bandito l'uso di apparecchiature elettroniche esterne, che non siano componenti del computer. Il governo rafforza i controlli, per bloccare possibili rivolte o manifestazioni. La censura non impedisce la nascita di una rete sotterranea di blogger. I ritardi nella telefonia mobile, ostaggio della giunta.
    Yangon (AsiaNews) – Negli internet café birmani sarà vietato utilizzare supporti esterni come chiavi USB, cd rom, floppy disk e altre apparecchiature. È quanto prevede un nuovo regolamento elaborato dal Ministero per le comunicazioni, che inasprisce ulteriormente la legislazione – e i controlli – nel settore delle nuove tecnologie. Nelle scorse settimane il dicastero aveva anche annunciato un potenziamento dei telefoni cellulari, con l’introduzione di 30 milioni di nuove linee mobili nei prossimi cinque anni. Tuttavia, il comparto resta fra i più poveri al mondo per mancanza di tecnologia e poche reti.
     
    Il bando all’uso di supporti mobili – riferisce il sito dissidente Democratic Voice of Burma (Dvb) –  per computer giunge a due mesi di distanza dalla legge che blocca l’uso di programmi per la comunicazione vocale in rete (cfr. AsiaNews, 22/03/11, Yangon: la giunta birmana dichiara illegali skype e VoIP), che permettono agli internauti di chiamare a basso costo. Per il governo la norma intende arginare le perdite nel settore delle telefonate internazionali; in realtà si è trattato dell’ennesima mossa del regime per rafforzare la censura, date che skype e VoIP sono più difficili da “intercettare”.
     
    In Myanmar la legislazione sull’uso degli internet café è ferrea: gli stranieri devono esibire passaporto, indirizzo di residenza e recapito telefonico birmani. I gestori sono obbligati a fornire al ministero birmano per le Poste e le telecomunicazioni una rendicontazione mensile degli utenti e delle visite . In via ufficiale, l’uso di internet in Myanmar si aggira attorno al 2% ma i numeri sono in continua crescita. Nonostante norme draconiane in materia, nel Paese si è sviluppata una rete di blogger sotterranei pronti a rischiare il carcere pur di scambiare informazioni, in particolare dall’inizio della Rivoluzione dei gelsomini e delle rivolte nel mondo arabo.
     
    Nonostante i proclami del governo, lo sviluppo della rete telefonica mobile birmana è ostacolato da mancanza di tecnologia e infrastrutture arretrate. Un esperto di comunicazione, in condizioni di anonimato, riferisce che il governo non ha risolto le incongruenze fra i diversi sistemi di rete mobile ostacolando un potenziamento della rete. Il 23 aprile scorso il giornale filo-governativo The New Light of Myanmar aveva annunciato il progetto della giunta volto a sviluppare un proprio sistema di comunicazione satellitare.  
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/07/2011 MYANMAR
    Guerra informatica: dal Myanmar il maggior numero di attacchi nel 2011
    Nei primi tre mesi dell’anno il 13% degli assalti originati nell’ex Birmania, seguono Stati Uniti, Taiwan e Cina. Nel 2010 il Paese non risultava nemmeno fra i primi 10. Finora solo il 2% della popolazione naviga in rete e il web è sottoposto a pesanti censure. Gravi interruzioni nell’accesso a internet in Egitto e Libia.

    22/03/2011 MYANMAR
    Yangon: la giunta birmana dichiara illegali skype e VoIP
    Per le autorità sono contrarie "alle normative vigenti" in materia di telecomunicazioni. Se la norma sarà applicata, gli Internet café perderebbero fino al 40% del loro fatturato. Le Sim card nel Paese costano circa 1700 dollari e la rete è un'alternativa economica per mantenere i contatti con gli emigranti. La giunta censura internet per prevenire moti di piazza.

    14/02/2011 MYANMAR
    Minacce della giunta contro Aung San Suu Kyi. Ripensare le sanzioni
    I giornali del regime promettono “una fine tragica” per la leader democratica e per il suo partito se si immischiano nelle vicende delle sanzioni. La Signora e il suo partito discutono come si possono attuare le sanzioni senza colpire la popolazione. I blocchi imposti da Ue e Stati Uniti vengono aggirati commerciando con India, Cina e Thailandia. Resta escluso il popolo, che diventa sempre più povero. Necessario favorire l’apertura al mondo esterno, grazie al turismo, all’istruzione, al commercio e all’economia.

    09/02/2011 MYANMAR
    Sindacalista birmano: le sanzioni occidentali colpiscono la dittatura, non il popolo
    U Maung Maung, segretario generale Ncub, spiega che l’embargo voluto da Stati Uniti e Ue non ha effetti sulla popolazione civile. La gente vive grazie ai traffici lungo il confine; la decisione della giunta di bloccare le frontiere causa della povertà. Aung San Suu Kyi guarda all’economia per migliorare i diritti umani.

    08/02/2011 MYANMAR
    L’opposizione birmana apre a una “modifica” delle sanzioni occidentali
    Aung San Suu Kyi e la Nld auspicano investimenti esteri “responsabili”, che aiutino la popolazione. Appello a Stati Uniti e Ue per una “discussione” del blocco, “nell’interesse della democrazia”. Le sanzioni un terreno su cui imbastire dialoghi diretti fra la leader dell’opposizione e i governi internazionali.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®