3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/05/2011
MYANMAR
Internet café, il governo birmano vieta l’uso di cd, chiavette e floppy
Bandito l'uso di apparecchiature elettroniche esterne, che non siano componenti del computer. Il governo rafforza i controlli, per bloccare possibili rivolte o manifestazioni. La censura non impedisce la nascita di una rete sotterranea di blogger. I ritardi nella telefonia mobile, ostaggio della giunta.

Yangon (AsiaNews) – Negli internet café birmani sarà vietato utilizzare supporti esterni come chiavi USB, cd rom, floppy disk e altre apparecchiature. È quanto prevede un nuovo regolamento elaborato dal Ministero per le comunicazioni, che inasprisce ulteriormente la legislazione – e i controlli – nel settore delle nuove tecnologie. Nelle scorse settimane il dicastero aveva anche annunciato un potenziamento dei telefoni cellulari, con l’introduzione di 30 milioni di nuove linee mobili nei prossimi cinque anni. Tuttavia, il comparto resta fra i più poveri al mondo per mancanza di tecnologia e poche reti.
 
Il bando all’uso di supporti mobili – riferisce il sito dissidente Democratic Voice of Burma (Dvb) –  per computer giunge a due mesi di distanza dalla legge che blocca l’uso di programmi per la comunicazione vocale in rete (cfr. AsiaNews, 22/03/11, Yangon: la giunta birmana dichiara illegali skype e VoIP), che permettono agli internauti di chiamare a basso costo. Per il governo la norma intende arginare le perdite nel settore delle telefonate internazionali; in realtà si è trattato dell’ennesima mossa del regime per rafforzare la censura, date che skype e VoIP sono più difficili da “intercettare”.
 
In Myanmar la legislazione sull’uso degli internet café è ferrea: gli stranieri devono esibire passaporto, indirizzo di residenza e recapito telefonico birmani. I gestori sono obbligati a fornire al ministero birmano per le Poste e le telecomunicazioni una rendicontazione mensile degli utenti e delle visite . In via ufficiale, l’uso di internet in Myanmar si aggira attorno al 2% ma i numeri sono in continua crescita. Nonostante norme draconiane in materia, nel Paese si è sviluppata una rete di blogger sotterranei pronti a rischiare il carcere pur di scambiare informazioni, in particolare dall’inizio della Rivoluzione dei gelsomini e delle rivolte nel mondo arabo.
 
Nonostante i proclami del governo, lo sviluppo della rete telefonica mobile birmana è ostacolato da mancanza di tecnologia e infrastrutture arretrate. Un esperto di comunicazione, in condizioni di anonimato, riferisce che il governo non ha risolto le incongruenze fra i diversi sistemi di rete mobile ostacolando un potenziamento della rete. Il 23 aprile scorso il giornale filo-governativo The New Light of Myanmar aveva annunciato il progetto della giunta volto a sviluppare un proprio sistema di comunicazione satellitare.  

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/07/2011 MYANMAR
Guerra informatica: dal Myanmar il maggior numero di attacchi nel 2011
22/03/2011 MYANMAR
Yangon: la giunta birmana dichiara illegali skype e VoIP
14/02/2011 MYANMAR
Minacce della giunta contro Aung San Suu Kyi. Ripensare le sanzioni
di Yaung Ni Oo
09/02/2011 MYANMAR
Sindacalista birmano: le sanzioni occidentali colpiscono la dittatura, non il popolo
08/02/2011 MYANMAR
L’opposizione birmana apre a una “modifica” delle sanzioni occidentali

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate