03/12/2009, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Inviate nuove truppe per fermare gli autori della strage di Maguindanao

di Santosh Digal
Il nuovo battaglione di 400 soldati porta a oltre 3mila i militari schierati nell’area. L’obiettivo è impedire la fuga ai membri del clan musulmano di Andal Ampatuan, governatore della provincia. Questi è accusato di essere il mandante del massacro di 57 persone avvenuto lo scorso 23 novembre.

Manila (AsiaNews/Agenzie) – Nella provincia di Maguindanao (Mindanao)  l’esercito filippino invia oggi un nuovo battaglione di 400 soldati e porta a 3mila il numero di soldati schierati nella zona. Ciò per controllare i movimenti del potente clan musulmano di Andal Ampatuan, governatore della provincia, accusato di essere il mandante del massacro di 57 persone avvenuto lo scorso 23 novembre.

“Abbiamo circondato i membri del clan all’interno di un’area ristretta – afferma il portavoce delle truppe col. Romeo Brawner – controlliamo ora la casa del governatore e abbiamo bloccato i contatti tra lui e gli altri sostenitori della fazione”. “Questi – continua – dispongono tutti di eserciti privati e potrebbero innescare un’offensiva armata”.     

Il 23 novembre a Maguindanao un commando di circa 100 uomini armati ha assaltato un convoglio dove viaggiavano 57 persone. Questi erano membri del clan di Ishmael “Toto” Mangudadatu, vice-sindaco di Buluan e principale avversario di Ampatuan alla carica di governatore della provincia per le elezioni del maggio 2010. Nell’attacco hanno perso la vita tutti i componenti  del convoglio. Tra le vittime anche la moglie di Mangudadatu.  

Lo scorso 1° dicembre la polizia ha arrestato il figlio di Andal Ampatuan, Andal Ampatuan Jr, con l’accusa di essere l’autore della strage. Fino alla sua incarcerazione egli era stato sindaco di Datu Unsay e insieme al padre sosteneva la candidatura della presidente filippina Arroyo alle prossime elezioni.         

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Strage di Maguindanao: accusa di omicidio per 197 membri del clan Ampatuan
09/02/2010
Chiesa filippina: dopo la legge marziale, fare giustizia per le vittime di Maguindanao
15/12/2009
Massacro di Maguindanao: il principale imputato si dichiara innocente
05/01/2010
Elezioni 2010: il governo filippino sancisce il bando delle armi in tutto il Paese
12/01/2010
Processo per la strage di Maguindanao: ascoltato il primo testimone
13/01/2010