28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/05/2017, 11.37

    IRAQ

    Iraq: giovani cristiani, musulmani e yazidi semi di dialogo nella terra devastata dall’Isis



    P. Samir Youssef racconta un progetto di incontro e confronto per ricostruire un tessuto sociale devastato dalla follia jihadista. Riunioni settimanali, campi estivi, film e testimonianze dedicate al dialogo interreligioso. Papa Francesco modello di insegnamento conosciuto e apprezzato anche dalle famiglie musulmane e yazidi.

     

    Erbil (AsiaNews) - Per superare la follia omicida dello Stato islamico, che ha insanguinato una terra già martoriata da anni di guerre e violenze, bisogna ripartire “da un progetto di dialogo e incontro a livello locale”. Coinvolgendo, prima di tutto, i bambini e i ragazzi, le nuove generazioni, “alle quali sarà affidato il compito di costruire una convivenza comune” che vada oltre la fede professata. Partendo da queste premesse, p. Samir Youssef, parroco della diocesi di Amadiya (nel Kurdistan irakeno), da tempo in prima fila nell’emergenza profughi, ha promosso un progetto per trasformare “giovani cristiani musulmani e yazidi” in "semi di dialogo” per dare nuova vita a Mosul, alla piana di Ninive, e a tutto l’Iraq.

    Parlando con AsiaNews, il sacerdote racconta una iniziativa che è alle fasi iniziali, ma ha già raccolto “la partecipazione entusiasta” di una trentina fra ragazzi e ragazze di tutte le fedi, di età compresa fra i 10 e i 16 anni. “Abbiamo cominciato con un gruppo di circa 30-35 persone - spiega p. Samir - ma per l’estate il desiderio è di aumentare questi gruppi, coinvolgendo anche i giovani delle superiori e gli universitari”. L’obiettivo è di individuare ragazzi “desiderosi di parlare, di comunicare, di testimoniare” che la convivenza è possibile e da qui può nascere “un modello” che può essere applicato in tutto il Paese, e anche oltre. “Abbiamo già iniziato gli incontri - prosegue - anche se per ottenere i primi risultati ci vorrà del tempo. Al momento è stato individuato il primo gruppo, la base sulla quale impostare il lavoro: esso è composto da una decina di cristiani, otto musulmani e sette yazidi. Ci sono anche sabei e turkmeni”.

    P. Samir è parroco della diocesi di Zakho e Amadiya (Kurdistan), che cura 3500 famiglie di profughi cristiani, musulmani, yazidi che hanno abbandonato le loro case e le loro terre a Mosul e nella piana di Ninive per sfuggire ai jihadisti. Il sacerdote è in prima linea sin dall’estate del 2014, da quando è iniziata l’emergenza. Con lui e con i vescovi irakeni, AsiaNews ha rilanciato nelle scorse settimane la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"  per aiutarli ad avere cherosene, scarpe, vestiti per l’inverno, e sostegno per la scuola ai bambini.

    In questa prima fase il gruppo si è già incontrando un paio di volte, per gettare le basi del lavoro per il futuro, che proseguirà per tutta l’estate. “Attraverso questa esperienza - sottolinea p. Samir - questo gruppo può diventare il sale e la luce di questa terra, coinvolgendo tutta la popolazione. Dialogare prima di tutto all’interno delle proprie case, spiegando i temi e gli argomenti trattati durante gli incontri. Un modo per far conoscere alle proprie famiglie le altre religioni, creando una base comune di dialogo. Spesso cose grandi nascono da cose piccole”.

    Molte le idee, i progetti che il parroco intende promuovere in occasione degli incontri: dalle testimonianze di bambini “speciali”, che hanno vissuto nelle mani dello Stato islamico (SI), o che hanno perso il padre o la madre per mano dei jihadisti, E ancora, organizzare uno o più campi estivi aperti anche ad altri giovani di tutte le fedi, dove sviluppare ancor più questi elementi di confronto e dialogo. “Vorremmo inoltre - continua p. Samir - proiettare dei film durante gli incontri, che abbiano come tema Dio, le religioni, la spiritualità. Il primo di questi potrebbe essere ‘Una settimana da Dio’ di Jim Carrey, in cui il protagonista pensa di sostituirsi a Dio risolvendo tutto, ma poi scopre i propri limiti. E che serve pazienza per ottenere dei risultati duraturi”.

    Con i frutti del lavoro di questo primo gruppo di giovani, che poi si vorrebbe ampliare, l’idea è quella di “dare vita a un sito web che racconti gli incontri, i viaggi, le testimonianze”. Una pagina che, a dispetto dei social troppo spesso veicoli di odio e divisioni, sia un “un luogo virtuale di incontro e confronto, una testimonianza del vivere insieme”. “Bisogna partire dalle nuove generazioni - prosegue il sacerdote - di questo Paese, che è attraversato da quattro grandi fiumi: il Tigri, l’Eufrate, il fiume del petrolio e quello delle grandi religioni. Un fiume di potenza e di vita, che possa portare la pace nel mondo partendo da una terra che, fin dall’antichità, è sempre stata un faro della civilizzazione”. Per portare compimento questo progetto “che parte dalla mia parrocchia”, conclude p. Samir, è necessario guardare “alla testimonianza e agli insegnamenti di papa Francesco, partendo proprio dall’ultimo viaggio apostolico in Egitto. Una visita che è stata seguita con attenzione e che ha fornito una grande testimonianza nel cammino del dialogo e dell’incontro. Per me Francesco è un grande insegnante ed è sempre più apprezzato e seguito anche da famiglie musulmane e yazide. Spesso quando mi vengono a trovare, loro che non sono cristiani, mi chiedono di riferire loro gli ultimi discorsi, le ultime testimonianze del pontefice”.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/05/2017 10:55:00 IRAQ
    Ninive, nunzio in Iraq: nell’opera di ricostruzione aumentano unità e comunione fra cristiani

    In una lettera al patriarca Sako mons. Ortega Martín ricorda che la collaborazione fra Chiese è una “forte testimonianza” di fronte alle persecuzioni e alle violenze. Il prelato ricorda che è “responsabilità di tutti” favorire il rientro dei profughi nelle loro case. Ed elogia i profughi che hanno “perso tutto per mantenere la loro fede”. Cristo “è la vostra forza”.

     



    25/06/2016 10:13:00 IRAQ
    Lo Stato islamico a Mosul: il lento genocidio delle donne cristiane e yazide

    Duraid Hikmat Tobiya, consigliere per le minoranze del governatorato di Ninive, conferma gli abusi e gli stupri ai danni di donne cristiane. Si tratta di “vittime individuali” e “singoli casi” rispetto agli abusi di massa sulle yazide. La decisione Onu di dichiarare il genocidio. E conferma di famiglie cristiane ostaggio dei miliziani.

     



    09/01/2015 IRAQ
    Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
    Originario di Karamles, all'arrivo dello Stato islamico il giovane fuggito con la famiglia. Ora è ospite di un campo profughi, dove promuove attività per i bambini. In molti, anche fra amici e conoscenti, sono emigrati all'estero; ma "le nostre radici, la nostra vita, il nostro futuro sono in Iraq".

    31/08/2016 12:33:00 IRAQ - VATICANO
    Mar Sako: Le minacce dell'Isis al papa "sono propaganda", nel mirino c'è l’islam moderato

    Nella rivista ufficiale del Califfato attacchi a papa Francesco e Benedetto XVI, l’appello a rompere la croce del Vaticano. Per mar Sako è un tentativo di “esercitare pressioni” sull’Occidente. A rischio i musulmani che cercano dialogo e riconciliazione. L’islam non può conoscere il cristianesimo dal Corano. Lettera aperta del primate caldeo ai musulmani contro il “cancro” dell’Isis. 



    04/05/2015 IRAQ
    Gli yazidi confermano il massacro di "almeno 300 persone" da parte dello SI
    Secondo un partito yazida sarebbero state uccise almeno 300 persone, ma sui numeri vi è incertezza. Ancora sconosciute le ragioni del massacro e le modalità in cui è avvenuto. Il vice-presidente irakeno parla di atto “orribile e barbaro”. In due attentati morti 13 civili e sei soldati.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®