26 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/06/2012
PAKISTAN
Islamabad, Corte suprema: Gilani è incompatibile con la carica di premier
La decisione rischia di sprofondare il Pakistan nel caos. Per il giudice capo Chaudhry, egli non ha fatto ricorso contro la condanna “simbolica” dello scorso aprile e ora è “espulso” dal Parlamento. Riunione di emergenza del partito di governo Ppp, alla presenza di Zardari e Gilani. Dietro le quinte lo scontro fra potere esecutivo e giudiziario, sostenuto dai militari.

Islamabad (AsiaNews/Agenzie) - Con una decisione senza precedenti, che rischia di gettare il Pakistan nel caos politico e istituzionale, la Corte suprema ha deciso oggi di dichiarare il premier Yousuf Raza Gilani "incompatibile" con la carica ricoperta. Il verdetto del massimo organismo giudiziario arriva a due mesi di distanza dalla condanna "simbolica" inflitta dal tribunale per "oltraggio ai giudici" (cfr. AsiaNews 26/04/2012 Oltraggio ai giudici: la Corte suprema condanna il premier Gilani. Pena simbolica) nel processo in cui era imputato per non aver ordinato la riapertura di un fascicolo di inchiesta a carico del presidente Asif Ali Zardari, da tempo indagato per un presunto giro di corruzione. Al momento non si sa ancora con certezza se il Primo Ministro e il partito di governo, il Partito popolare pakistano (Ppp), lotteranno con tutte le forze per mantenere Gilani alla guida dell'esecutivo.

La Corte suprema ha stabilito che Gilani "non sarà più il Primo ministro del Pakistan". Il giudice capo della Corte suprema Iftikhar Chaudhry ha spiegato che "non essendo stato presentato un ricorso [contro la decisione del 26 aprile]... per questo motivo Syed Yousuf Raza Gilani è espulso dalla carica di membro del Parlamento" e, al contempo, smette di ricoprire "la carica" di premier e "l'ufficio rimane vacante". Molti però bollano come illegittima la decisione del massimo organismo giudiziario, perché il Primo ministro non risponde ai giudici per il suo operato.

In queste ore sarebbe in corso una riunione di emergenza dell'esecutivo, cui partecipano oltre allo stesso Gilani anche il presidente Zardari e le massime cariche di governo, oltre che i leader del Ppp, partito che - peraltro - ha i numeri per eleggere l'eventuale successore di Gilani e portare a termine la legislatura che scadrà il prossimo anno. Resta però il clima di incertezza politica, che molti vedono come un ulteriore segnale dello scontro fra poteri in Pakistan. In particolare, la "guerra interna" vede opposti il potere esecutivo a quello giudiziario, dietro il quale vi sarebbe però la lunga mano dell'esercito, il vero "potere forte" del Paese.

Alla base della vicenda, vi sono guai giudiziari di Zardari che risalgono al 1990 quando la moglie Benazir Bhutto era Primo Ministro del Pakistan. Il capo di Stato è infatti sospettato di aver utilizzato filiali della Swiss Bank per "riciclare denaro sporco", ma l'attuale premier Glani si è sempre opposto alla riapertura dell'inchiesta. Il Primo Ministro si è difeso sostenendo di aver ricevuto indicazioni secondo cui sarebbe stato "incostituzionale" continuare la causa. Al contempo, il presidente Zardari ha più volte ribadito che le accuse a suo carico sono "di natura politica". Infine, due mesi fa la sentenza, mai appellata: i giudici hanno inflitto una pena "simbolica" di "alcuni minuti" di detenzione all'interno dell'aula di tribunale, anche se il premier rischiava fino a sei mesi di carcere e l'interdizione dai pubblici uffici.

Gilani è il primo premier della storia del Pakistan a essere condannato da un tribunale. Lo scontro fra poteri rischia di far cadere nel dimenticatoio nel priorità che il Paese deve invece affrontare: dalla crescita economica alla lotta contro la corruzione, la nota dolente del fondamentalismo islamico unita a un necessario potenziamento dell'istruzione e del tasso di alfabetizzazione. Inoltre, la sentenza della Corte suprema rilancia nel quadro politico nazionale il capo giudice Iftikhar Chaudhry, in passato al centro di un durissimo scontro con l'ex presidente Pervez Musharraf; da allora il magistrato ha manovrato nell'ombra per acquisire sempre più potere e prestigio in Pakistan.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/06/2012 PAKISTAN
Vescovo di Islamabad: dopo la sentenza Gilani, “unità” per superare la crisi politica
di Jibran Khan
18/01/2012 PAKISTAN
“Memo-gate”: il testimone chiave in Pakistan, per deporre davanti ai giudici
di Jibran Khan
16/01/2012 PAKISTAN
Islamabad, scontro fra poteri: esercito e magistrati minacciano l’esecutivo
17/12/2009 PAKISTAN
Islamabad: l’opposizione chiede le dimissioni del presidente Zardari
11/01/2013 SRI LANKA
Sri Lanka, il "Venerdì nero" della giustizia. La popolazione scende in piazza
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate