21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/10/2017, 14.24

    PAKISTAN

    Islamabad, la commissione elettorale esclude un partito ‘terrorista’



    La Milli Muslim League è stata lanciata ad agosto come “volto pulito” di un gruppo islamico bandito dal governo. Quest’ultimo fa da copertura ad un movimento armato affiliato ad al-Qaeda. “Impedire che i militanti entrino nell’arena politica con i mezzi democratici”.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – La Commissione elettorale del Pakistan ha respinto la richiesta di iscrizione alle urne del nuovo partito politico Milli Muslim League (Mml) a causa dei suoi espliciti legami con un gruppo terrorista islamico bandito da tempo. La formazione politica non potrà più partecipare a nessuna consultazione elettorale, di tipo statale o generale.

    Esperti sottolineano l’importanza della decisione e ricordano che il partito Mml è stato lanciato lo scorso agosto come “volto pulito” dell’organizzazione “benefica” Jamaat-ud-Dawa (JuD), bandita dal governo di Islamabad. Quest’ultima è la copertura del gruppo armato terrorista Lashkar-e-Taiba (LeT), fiancheggiatore di al-Qaeda. A capo del LeT vi è Hafiz Saeed, accusato di essere il pianificatore degli attacchi terroristici nella città indiana di Mumbai del 2008, che hanno ucciso più di 160 persone. L’Onu giudica l’uomo un terrorista; dal 2012 gli Stati Uniti hanno posto sulla sua testa una taglia di 10 milioni di dollari; dal gennaio di quest’anno egli è agli arresti domiciliari nella città di Lahore, in base alle leggi locali contro il terrorismo.

    Tallal Chaudhry, ministro di Stato per gli affari interni, specifica che “in nessuna circostanza [il governo] permetterà ad un soggetto politico con comprovato coinvolgimento nel promuovere la violenza e il terrorismo di diffondere la propria ideologia estremista attraverso la democrazia e i mezzi politici”.

    La Milli Muslim League ha già superato la prove delle urne a settembre, quando a Lahore si è disputata l’elezione straordinaria per il seggio di Nawaz Sharif, ex premier esonerato dalla Corte suprema, rimasto vacante. In quella tornata, il candidato sostenuto dal partito si è piazzato al quarto posto. Alla notizia del risultato, molti hanno espresso preoccupazione sulla progressiva affermazione di gruppi militanti nell’arena politica del Pakistan. Osservatori hanno definito come “allarmante” la capacità di raccogliere consensi in così poco tempo, riuscendo a mobilitare un numero di voti sufficiente a produrre uno sfidante credibile.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/12/2008 INDIA - PAKISTAN
    Sono tutti pakistani i terroristi di Mumbai, condannati dai musulmani dell'India
    La polizia indiana li ha identificati. Rimane alta la tensione con Islamabad, che non chiarisce quali accuse muova agli estremisti arrestati. I musulmani di Mumbai condannano l’attentato e rifiutano la sepoltura ai terroristi.

    12/12/2008 PAKISTAN - INDIA
    Il Pakistan bandisce il gruppo Jamaat-ud-Dawa e ne arresta i capi
    Islamabad si adegua alla risoluzione Onu che ritiene il gruppo fiancheggiatore dei terroristi responsabili per l’attacco a Mumbai. Chiesa pakistana: India e Pakistan, entrambe vittime del terrorismo, “debbono collaborare senza sciovinismi”.

    09/12/2008 PAKISTAN - INDIA
    Confermato l’arresto di una delle menti dell’attentato di Mumbai
    Presidente Zardari: non abbiamo legami con i terroristi, ne siamo vittime. Oggi un attentato esplosivo nella valle dello Swat durante la festa islamica di Eid al-Adha.

    11/12/2008 INDIA - PAKISTAN
    Forse i terroristi di Mumbai hanno complici indiani e basi in Nepal
    L’India rafforza le misure di sicurezza. Intanto l’Onu mette fuori legge un gruppo caritativo pakistano, ma i suoi leader si appellano al governo. Attesa per le reazioni di Islamabad, dove oggi è volato il vicesegretario di Stato Usa.

    23/11/2006 BANGLADESH
    Bangladesh: si dimette il capo della Commissione elettorale

    Aziz si congeda per tre mesi, dopo le violente proteste dell'opposizione, che da settimane percorrono il Paese. Il presidente auspica uno sblocco della crisi politica, ma secondo analisti la situazione è ancora molto instabile.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®