22/09/2012, 00.00
PAKISTAN - ISLAM
Invia ad un amico

Islamabad, la "stupida" violenza nel giorno dell'amore per il Profeta: 23 morti e 200 feriti

Le manifestazioni, iniziate in modo pacifico, sono state sequestrate da militanti e attivisti. Nella capitale, la folla furiosa ha bruciato quattro sale da cinema, sei banche, quattro camionette della polizia, due ristoranti, molte automobili. Saccheggiati molti edifici. Diverse persone amareggiate che si uccida "in nome di Allah". Interessi elettorali e di potere dietro lo scandalo del film anti-islam.

Islamabad (AsiaNews) - "Stupida violenza"; "ci facciamo del male da soli"; "distruggiamo le nostre cose per criticare un film fatto negli Usa"; "Vergogna sul Pakistan: bruciare, saccheggiare, uccidere la nostra gente... in nome di Allah!": sono questi alcuni dei commenti sul quotidiano "The Dawn", dopo una giornata di ferro e di fuoco nella capitale e in altre città pakistane, che hanno causato la morte di 23 persone e il ferimento di oltre 200.

Ieri il governo pakistano aveva lanciato la "giornata in amore del profeta", per criticare il film anti-islam prodotto negli Stati Uniti, reputato blasfemo nei confronti di Maometto. Ma vari gruppi di decine di migliaia estremisti hanno sfruttato l'occasione per violenze, uccisioni, incendi, furti a Peshawar, Lahore, Islamabad, Karachi e in altre città. Il giorno precedente, personalità del governo e leader religiosi avevano esortato la popolazione a manifestare contro il film anti-Islam in modo pacifico. L'onda d'urto delle violenze è iniziata poco dopo la preghiera del venerdì. Le manifestazioni erano guidate da diversi gruppi religiosi come la Jamiat Ulema-i-Islam, Jamaat-i-Islami, Sunni Tehrik e la Majlis-i-Wahdatul Muslimeen. Questi avevano promesso di mantenere pacifiche le dimostrazioni. Ma in seguito sono giunti militanti e attivisti che hanno aizzato la fiumana di persone.

Nella capitale, la folla furiosa ha bruciato quattro sale da cinema, sei banche, quattro camionette della polizia, due ristoranti, molte automobili. Per ore essa ha continuato a saccheggiare le banche e altri edifici lungo la strada del corteo.

La polizia aveva messo container e posti di blocco per proteggere l'ambasciata americana, ma presto i gruppi di militanti, armati di pietre e bastoni, hanno cominciato ad attaccare i cordoni delle forze dell'ordine. I poliziotti hanno prima lanciato lacrimogeni, poi sparato in aria, infine hanno colpito con proiettili veri la folla. Fra le persone uccise vi sono anche tre poliziotti.

In altre città come Lahore e Karachi i manifestanti hanno cercato di avvicinarsi ai consolati Usa, ma sono stati respinti dalla polizia.

Secondo diversi analisti, lo scandalo verso il film anti-islam è stata solo un'occasione sfruttata da gruppi religiosi per accrescere la loro influenza e potere in vista delle elezioni. Insieme a questi, vi sono anche bande che hanno interesse a destabilizzare il governo ed emarginare gruppi rivali.

In altre città, come al Cairo e a Kuala Lumpur, si sono svolte manifestazioni del tutto pacifiche.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Patriarca Rai ai leader musulmani: No agli insulti contro le religioni
24/09/2012
Il film e le vignette su Maometto: per occidente e islam è tempo di una laicità sana
26/09/2012
Giudice minorile per Rimsha Masih. Silenzio sull’imam che ha montato il caso di blasfemia
25/09/2012
P. Samir: I tabù dei musulmani, la falsa libertà dell'occidente
21/09/2012
Mosca bandisce il film anti-islam: "estremista". Youtube a rischio
02/10/2012