24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/03/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Islamabad, muore 25enne cristiana: segni di ferite, ma i medici parlano di cause naturali

    Jibran Khan

    Sadaat Masih lavorava come infermiera in un ospedale privato della capitale. Il suo corpo trovato all’interno dello studentato dove alloggiava. I vertici della struttura insabbiano la vicenda. La polizia non vuole aprire un’inchiesta. I parenti denunciano un clima di omertà. Una fonte interna alla clinica rivela: ruolo ambiguo di un collega musulmano.
    Islamabad (AsiaNews) – È avvolta in una cappa di mistero e omertà la morte di Sadaat Masih, 25enne infermiera cristiana, deceduta lo scorso 25 febbraio nella camera di uno studentato a Islamabad. I vertici dell’ospedale “Shifa International” – struttura privata della capitale, presso cui lavorava – parlano di morte per cause naturali; la polizia non intende aprire un fascicolo di indagine, nonostante la denuncia sporta dai parenti. Per i famigliari, infatti, il cadavere della ragazza presenta ferite anomale, che fanno pensare a un decesso violento. Una collega – dietro anonimato – conferma ad AsiaNews la posizione ambigua di un infermiere musulmano, che potrebbe aver avuto un ruolo chiave. La vittima, inoltre, in passato aveva subito “attenzioni” a sfondo sessuale da parte di colleghi e dottori musulmani.
     
    La giovane, originaria di Dhoke Ratta, quartiere centrale di Rawalpindi, è entrata al “Shifa International” nel 2008, come studentessa. Nel giugno 2010 l’ospedale le ha fornito una stanza all’interno dello studentato per infermieri, dove Sadaat Masih è stata rinvenuta priva di vita il pomeriggio del 25 febbraio. La ragazza, di fede cristiana, è stata sepolta il 27 febbraio in un cimitero di Rawalpindi, ma la dinamica che ha portato alla morte è ancora tutta da chiarire.
     
    P. Joseph Fazal parla ad AsiaNews di una “triste vicenda” e precisa che “Sadaat non può essere morta per cause naturali”, perché il cadavere presenta una ferita alla nuca e dei segni sul collo. Riferendosi alle infermiere cristiane, il religioso sottolinea che è “triste sapere che sono obiettivo di attacchi, portati in diversi modi, piuttosto che essere rispettate per il loro lavoro”. E chiosa: “Sadaat non farà la fine di Magdalene”, un’infermiera di Karachi violentata da un medico.
     
    Riaz Msih spiega che dopo il 10 agosto 2010 – data ufficiale del suo fidanzamento con la giovane – Sadaat subiva pressioni e molestie da infermieri e medici. Un dottore le ha chiarito che “a causa della fede cristiana” non avrebbe mai ricevuto promozioni o avanzamenti di carriera, “a meno che non lo soddisfacesse andando con lui nella sua stanza”.
     
    La sera del 25 febbraio l’ospedale ha chiamato la famiglia della ragazza, avvertendo che aveva avuto un incidente. Tuttavia i sanitari hanno impedito ai parenti di vederla, fornendo diverse versioni: “dall’amministrazione mi hanno comunicato che mia figlia aveva avuto un incidente – afferma Javed Masih, padre della giovane – un altro che era sottoposta a un intervento di appendicite. Alla fine ci hanno annunciato la morte”. Il giorno successivo, continua il genitore, hanno restituito il cadavere parlando di “morte per cause naturali”, ma erano evidenti i segni di ferite sul corpo.
     
    Nonostante la querela, la polizia non ha voluto aprire un fascicolo contro i vertici dell’ospedale. Tuttavia, all’interno della struttura si sono verificati fatti poco chiari: una infermiera, in condizioni di anonimato, rivela ad AsiaNews che “dopo aver terminato il turno, venerdì pomeriggio, Sadaat è andata nella sua stanza, vuota perché la compagna era da poco uscita per prendere servizio”. Trascorso qualche tempo, un infermiere musulmano “ha inviato un sms in cui riferiva che Sadaat era stesa nella sua stanza ed era priva di sensi”.
     
    Il personale sanitario è accorso e ha trasferito la ragazza nel reparto rianimazione. Il medico del pronto intervento ha dichiarato il decesso ma, prosegue la fonte, “l’infermiere che ha spedito l’sms non è mai stato interrogato, per capire come potesse sapere che Sadaat era priva di sensi, visto che la porta della stanza era chiusa dall’interno”. La conferma della cappa di omertà calata sulla vicenda arriva anche dal fidanzato Riaz, secondo cui “l’amministrazione dell’ospedale non collabora, non ci vogliono fornire il nome dell’infermiere musulmano”.
     
    Il fratello Suleman Javed lancia un appello: “non vogliamo denaro, vogliamo solo giustizia, vogliamo sapere con precisione cosa è successo venerdì scorso, e chi è il responsabile”. Il suo grido di dolore è raccolto da mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad-Rawalpindi, che conferma “la violenza in continua crescita contro i cristiani, soprattutto nel Punjab”. Il prelato sottolinea che “quando viene applicata la legge, cessano anche le violenze” e invita il governo a “farsi carico delle ingiustizie”. “La Chiesa cattolica – conclude – è al fianco delle minoranze perseguitate e alza la voce a nome delle vittime”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/04/2014 PAKISTAN
    Punjab: "branco" stupra una cristiana di sette anni e rapisce il padre per bloccare la denuncia
    Sara è stata violentata da quattro uomini di religione musulmana in un villaggio di Sialkot. La bambina è ricoverata in terapia intensiva in condizioni “critiche”. Gli stupratori hanno sequestrato il padre, Iqbal Masih, per costringere la famiglia a non sporgere denuncia. Attivisti e organizzazioni pro diritti umani chiedono giustizia.

    18/11/2013 PAKISTAN
    Calma apparente a Rawalpindi dopo le violenze fra sunniti e sciiti. Rimosso il coprifuoco
    Gli scontri in occasione del Muaharram hanno causato almeno 80 morti e oltre cento feriti, anche se il bilancio ufficiale è di una decina di vittime. L’esercito resta in stato di allerta. Vescovo di Islamabad: “Preghiere per la pace nel Paese”. Parlamentare pakistano accusa il governo: falle nella sicurezza, rispristinata la legalità grazie all’esercito. Leader sciita: in atto un “genocidio” contro di noi.

    27/02/2012 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani, non estremisti islamici, dietro il raid alla Grace Ministry Church
    Lo conferma ad AsiaNews Sajid Masih, uno dei due uomini feriti in modo grave nell’assalto alla comunità protestante. In un primo momento si era parlato di un gruppo fondamentalista. Alla base dell’attacco una controversia legata alla proprietà dei terreni. Vicario di Faisalabad: falsi articoli possono rovinare il clima di armonia interconfessionale.

    08/08/2011 PAKISTAN
    Karachi: omicidio mirato contro i cristiani, ucciso un 38enne
    Arnold Archie Dass è stato freddato da un commando armato. L’agguato è avvenuto in un’area un tempo a maggioranza cristiana. Da tempo i musulmani hanno espropriato case e terreni, relegando i cristiani ai margini. Karachi, la metropoli più violenta: uccise 800 persone nei primi sette mesi del 2011.

    08/06/2011 PAKISTAN
    Punjab: è cristiano, non può fare il ministro delle Finanze
    L’incarico è stato assegnato al musulmano Mian Mujtaba Shujaur Rehman, già titolare dell’Istruzione e della Sanità. In un primo momento la poltrona doveva andare a Kamran Micheal, attuale ministro dei Diritti umani. I membri musulmani dell’Assemblea provinciale contrari al fatto che un cristiano presentasse il bilancio. Condanne da leader minoranze e società civile.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®