30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/06/2014, 00.00

    PALESTINA - ISRAELE

    Israele studia rappresaglie contro il governo palestinese di unità nazionale



    Annunciata la sospensione di ogni rapporto diplomatico con l'Autorità palestinese, si studia il blocco di almeno una parte delle entrate fiscali che il governo israeliano percepisce per conto dell'Anp, si ipotizza un piano di annessioni territoriali.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Sospensione di ogni rapporto diplomatico con l'Autorità palestinese, blocco di almeno una parte delle entrate fiscali che il governo israeliano percepisce per conto dell'Anp, un piano di annessioni territoriali. Il governo israeliano discute sulle mosse possibili contro la creazione del governo di unità nazionale palestinese, che ha formalmente giurato ieri (nella foto), segnando la fine della divisione tra Olp e Hamas. E negli Stati Uniti i gruppi di pressione ebraici cercano di ottenere la sospensione degli aiuti e della stessa possibilità di raccogliere fondi per il governo palestinese, mentre contestano la decisione di Washington, espressa con la formula "alla luce di quel che sappiamo, lavoreremo con questo governo".

    Governo che è formato da 17 ministri "tecnici" - nessuno dei quali riconducibile a Hamas, anche se cinque di loro provengono da Gaza - è guidato dall'attuale premier palestinese Rami Hamdallah e ha come compito prioritario quello di preparare le elezioni presidenziali, da tenere entro sei mesi.

    La nascita del nuovo esecutivo palestinese, che ha fatto parlare il presidente Mahmoud Abbas di "fine della divisione che ha causato danni catastrofici alla nostra causa", è stata accolta in modo decisamente negativo dal governo di Benjamin Netanyahu. Già alla vigilia del giuramento del nuovo esecutivo il premier israeliano aveva affermato che "l'accordo con Hamas rende Abbas direttamente responsabile per qualsiasi attività terroristica da Gaza", per chiedere poi ai governi occidentali di non "affrettarsi a riconoscere" il nuovo esecutivo palestinese, che comprende un movimento definito terrorista che ha trai suoi obiettivi la distruzione di Israele. E da Gaza l'appena dimessosi leader di Hamas, Ismail Haniyeh, dopo aver definito "storico" il giorno del superamento delle divisioni ha parlato di prosecuzione della "resistenza in tutti i suoi aspetti", aggiungendo che i 25mila uomini delle Brigate Qassam - braccio armato del Movimento, "oggi diventano un esercito".

    Affermazioni certo non gradite a Gerusalemme dove, tra ieri e domenica il Gabinetto di sicurezza ha dato vita a un gruppo incaricato di studiare le misura unilaterali con le quali rispondere alla nuova situazione. Tra le proposte già avanzate, c'è quella di un piano di annessioni, a partire da parti dell'area C e in particolare dal Gush Etzion bloc, storico insediamento a sud di Gerusalemme, che conta circa 70mila abitanti. Il piano di annessioni non vede unanimità nel governo, anzi il viceministro Ofri Akunis, incaricato dei rapporti con il parlamento (la Knesset), ha detto che il governo si oppone a questo provvedimento, pur dicendosi personalmente favorevole al piano.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/03/2007 PALESTINA – ISRAELE
    Parlamento palestinese approva il nuovo governo di unità nazionale
    A larga maggioranza, i deputati approvano la formazione ministeriale decisa dopo l’accordo della Mecca dell’8 febbraio scorso. Entusiasmo fra la popolazione, che spera nella fine del blocco degli aiuti e in una ripresa dell’economia. Israele critica e accetta come unico interlocutore Abu Mazen.

    15/03/2007 PALESTINA
    Formato il governo palestinese di unità nazionale
    Questa mattina il primo ministro Hanyyeh ha presentato al presidente Abbas la lista dei ministri. E’ stato trovato l’indipendente, indicato da Hamas, per il ministero-chiave degli Interni. Mancano reazioni ufficiali israeliane e occidentali, La Rice la settimana prossima torna in Medio Oriente.

    11/09/2006 PALESTINA
    Accordo tra Hamas e Fatah per il governo di unità nazionale
    Hamas chiede la guida anche del nuovo esecutivo, il programma del quale dovrebbe comprendere un implicito riconoscimento di Israele.

    27/02/2009 PALESTINA
    Accordo tra Hamas e Fatah, alla vigilia della conferenza dei “donatori”
    Le fazioni palestinesi rivali hanno convenuto di dar vita a un processo che dovrebbe portare alla formazione di un governo di unità nazionale. Ciò permetterà di ottenere gli aiuti per la ricostruzione di Gaza. Per l’israeliano Haaretz, la guerra ha giovato a Hamas.

    13/11/2006 PALESTINA
    Verso una soluzione la crisi politica palestinese

    Mohammed Shbeir, ex rettore dell'Università islamica di Gaza, sarà il nuovo primo ministro di un governo di unità nazionale.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®