27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/04/2012, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta: centinaia di cristiani chiedono al presidente giustizia per i luoghi di culto

    Mathias Hariyadi

    Alla protesta “pacifica” lanciata dai fedeli della Yasmin Church e della Hkbp Filadelfia hanno aderito attivisti per i diritti umani e parlamentari. I fedeli chiedono l’applicazione della legge e la tutela della libertà religiosa. Al centro dello scontro il sequestro dei luoghi di culto da parte dei funzionari locali, nell’inerzia delle istituzioni.

    Jakarta (AsiaNews) - Oltre 200 cristiani protestanti, appartenenti a due diverse comunità da tempo vittime di persecuzioni, si sono riuniti ieri di fronte al Palazzo presidenziale a Jakarta - sede del capo di Stato Susilo Bambang Yudhoyono - per manifestare "in modo pacifico" contro l'esproprio dei luoghi di culto e per chiedere l'applicazione della "piena libertà religiosa". In particolare, i fedeli denunciano gli abusi e le violazioni di decine di gruppi estremisti islamici che manipolano la legge a proprio piacimento e l'inerzia dello Stato e delle istituzioni, fra cui lo stesso Yudhoyono, che non hanno preso iniziative o provvedimenti concreti volti a ristabilire la legalità. Una battaglia sostenuta da moltissimi attivisti per i diritti umani e da Ong locali, preoccupate dal continuo peggioramento della situazione.  

    Alla manifestazione tenuta ieri (nella foto) hanno partecipato i fedeli della Gki Yasmin Church (Yc), della reggenza di Bogor nel West Java, e i cristiani della Hkbp Filadelfia, nella reggenza di Bekasi anch'essa nel West Java. Da tre anni i fedeli della Yc non possono accedere al luogo di culto, sigillato per volere delle autorità locali e del sindaco Diani Budiarto, che ha denunciato presunte irregolarità nel rilascio dell'Imb, il permesso di costruzione necessario per edificare in Indonesia. Analoga la situazione dei fedeli della Filadelfia, che da anni combattono invano contro i funzionari di Bekasi.

    I cristiani riuniti di fronte al Merdeka Palace - il Palazzo presidenziale, ndr - hanno ricevuto il pieno sostegno del presidente del Consiglio mondiale delle chiese, reverendo SAE Nabadan; solidarietà viene espressa anche da Eva Sundari, parlamentare indonesiana, che ha partecipato alla manifestazione e da Siti Musdah Mulia, personalità di primo piano nella lotta a difesa dei diritti umani.

    Non si registrano - di contro - prese di posizione ufficiali da parte del presidente Yudhoyono, che mesi fa aveva dichiarato di non poter "interferire" negli "affari interni" di Bogor. Una posizione criticata dagli attivisti, secondo cui il capo di Stato non intende "inimicarsi" la frangia islamica nel timore di perdere voti e consensi.

    La Yasmin Church, una chiesa protestante, è teatro di una palese violazione del diritto e della libertà religiosa perpetrato dal sindaco locale Diani Budiarto che, incurante dei dettami costituzionali e di una sentenza della Corte suprema a favore dei cristiani, impedisce lo svolgimento delle funzioni. L'edificio è stato realizzato secondo i criteri previsti dalla legge e gode del permesso di costruzione (IMB) necessario per realizzare case o luoghi di preghiera, ma è stato requisito. Lo scorso ottobre il sindaco ha stanziato i reparti della sicurezza contro i fedeli, che non possono più utilizzare il luogo di culto e non possono nemmeno pregare per strada.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/01/2011 INDONESIA
    Bogor, estremisti manifestano contro l’apertura della Yasmin Church in West Java
    Lo scorso 14 gennaio la Corte suprema ha emesso la sentenza e dà il diritto ai cristiani di utilizzare il terreno per celebrare le funzioni religiose. La costruzione della chiesa protestante è stata bloccata nel 2008 dalle autorità islamiche locali. Critiche all’amministrazione locale, che non ha ancora diffuso il provvedimento, consentendo agli estremisti islamici di presidiare il sito.

    03/05/2012 INDONESIA
    West Java, una moschea accanto a una chiesa: una soluzione alla controversia sulla Yasmin Church
    È la proposta emersa durante l’incontro a Jakarta fra le parti interessate alla mediazione. Il luogo di culto musulmano, insieme a quello cristiano, a testimonianza dell’armonia come già avviene nella capitale. Tuttavia il sindaco di Bogor afferma di aver avanzato la soluzione a settembre e di non aver ricevuto risposte; i leader cristiani, favorevoli, aspettano una proposta ufficiale.

    13/03/2012 INDONESIA
    Yasmin Church: protesta pacifica dei fedeli davanti alla residenza di Yudhoyono
    In mostra anche piccoli oggetti e opere d’arte realizzati dai bambini della comunità protestante, nel tentativo di conquistare il sostegno del presidente. I cristiani sottolineano l’appartenenza comune “a una nazione multietnica”. Alla manifestazione hanno aderito leader di primo piano cristiani e musulmani, fra cui la sorella minore dell’ex presidente Gus Dur.

    10/02/2012 INDONESIA
    Doppio ko per la Yasmin Church: Yudhoyono e Parlamento negano il diritto di culto
    In una seduta straordinaria della Camera, i delegati della comunità cristiana allontanati dall'aula. Nonostante la sentenza della Corte suprema, ai fedeli sono impedite le funzioni religiose. Per il presidente indonesiano non è una questione di "libertà" di culto, ma di "mancanza" del permesso di costruzione.

    17/01/2012 INDONESIA
    Yasmin Church: I radicali islamici attaccano due parlamentari durante la celebrazione domenicale
    Due membri del partito islamico Pkb e del partito democratico Pdi-P che partecipavano a una cerimonia domenicale con la congregazione della Yasmin Church sono stati insultati e aggrediti verbalmente. La congregazione ha dovuto interrompere la liturgia, e spostarsi altrove, ma anche lì i radicali hanno impedito la celebrazione. L’inerzia del governo centrale e la complicità del sindaco.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®