01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/01/2011, 00.00

    LIBANO

    Joumblatt con gli Hezbollah: un “colpo di Stato bianco”

    Paul Dakiki

    In forse la ricandidatura di Hariri. I suoi sostenitori studiano il da farsi. Geagea ha cancellato una visita in Francia. Turchia e Qatar abbandonano la mediazione. Fra due giorni iniziano le consultazioni del presidente per un nuovo governo. Timori per un nuovo stallo politico e forse per nuove tensioni fra sunniti e sciiti.
    Beirut (AsiaNews) – I politici del “14 marzo”, il gruppo che sostiene il premier Saad Hariri, si incontrano oggi pomeriggio ad Ashrafieh per valutare quello che è stato definito il “colpo di Stato in bianco” messo a segno ieri sera dal leader druso Walid Joumblatt, che in una conferenza stampa ha dichiarato di voler sostenere gli Hezbollah nella costituzione di un nuovo governo libanese.
     
    Joumblatt ha dichiarato con una certa solennità che egli si schiera “a fianco della Siria e della resistenza”. E ha detto di compiere questa scelta per “la stabilità del Libano”.
     
    La scorsa settimana Hezbollah ha fatto cadere il governo di unità nazionale, accusando il premier Hariri di non sconfessare il Tribunale internazionale per il Libano, che – secondo rumori della stampa – dovrebbe accusare alcuni membri del movimento di guerriglia sciita quali responsabili dell’assassinio di Rafic Hariri (padre di Saad) il 14 febbraio del 2005.
     
    Il fatto curioso è che anche il padre di Walid Joumblatt si sospetta sia stato assassinato dai siriani e egli stesso ha appoggiato il movimento nazionale per espellere l’esercito siriano dal Libano nel 2005.
     
    Nell’attesa che il presidente Michel Suleiman apra le consultazioni fra due giorni, Samir Geagea, responsabile maronita della coalizione “14 marzo”, ha cancellato una sua visita in Francia, per rimanere in Libano e studiare la situazione.
     
    Nei giorni scorsi ministri di Turchia e Qatar (e da lontano l’Arabia saudita e la Siria) si sono affrettati per una mediazione, ma il loro lavoro è stato vano.
     
    Nonostante gli ostacoli, Saad Hariri ha deciso di ricandidarsi al governo, ma dopo le dichiarazioni di Joumblatt una sua rielezione pare difficile. Per vincere al parlamento, Hariri avrebbe bisogno di almeno 65 voti su 128 (ne ha 60); Hezbollah e i suoi alleati comandano 57 voti. Secondo analisti, Joumblatt potrebbe convogliare almeno 7 voti dei 10 del suo partito. In ogni caso Hezbollah ha già dichiarato che non sosterrà un’altra volta Saad Hariri e ha proposto il sunnita Omar Karamé.
     
    Lo sbriciolamento del governo di unità nazionale e delle coalizioni rischia di aprire una nuova lunga crisi nel Paese dei cedri, che è rimasto per mesi senza presidente e senza governo. Alcuni temono che si riapra una lotta fra sunniti e sciiti come nel maggio 2008, con centinaia di morti, portando il Paese sull’orlo della guerra civile.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/01/2011 LIBANO
    Mediatori all’opera a Beirut, ma le prospettive sono quasi nulle
    Gli inviati di Turchia e Qatar stanno incontrando i responsabili della politica libanese, ma un accordo non sembra possibile. In ambito internazionale il “Gruppo di contatto” proposto da Sarlozy trova il sostegno degli Stati Uniti e della Siria, che però non vuole che Washington ne faccia parte. E l’Arabia Saudita minaccia di “lavarsi le mani”.

    22/07/2010 LIBANO - SIRIA - IRAN
    Nuove tensioni in Libano : Hezbollah fra i responsabili dell’uccisione di Hariri
    Il Tribunale speciale sul Libano sta per rivelare responsabilità di alcuni capi di Hezbollah nell’assassinio del defunto premier libanese. A rischio la rottura della politica del consenso inaugurata con l’accordo di Doha. Anche la Siria sembra cambiare alleanze nella regione, distaccandosi da Teheran e da Hezbollah.

    26/11/2010 LIBANO
    Tensione a Beirut mentre si avvicina l’atto di accusa per l’assassinio di Hariri
    Le indiscrezioni che parlano di un coinvolgimento di uomini di Hezbollah hanno già causato una paralisi parziale delle istituzioni per il boicottaggio degli esponenti dell’opposizione. Ma in Libano è meno forte il timore avanzato in Occidente di possibili atti di forza del Partito. E’ comunque una partita che coinvolge potenze regionali e internazionali.

    18/01/2011 LIBANO
    Prime manifestazioni in piazza mentre giungono a Beirut inviati del mondo arabo
    Dispersi stamattina gruppi di attivisti filo-Hezbollah, all’indomani dell’annuncio che il Tribunale internazionale ha depositato l’accusa per l’assassinio di Rafic Hariri. L’esercito pattuglia le vie della capitale, dove arrivano il ministro degli esteri turco e il primo ministro del Qatar, all’indomani di un vertice a Damasco. Telefonata di Ahmadinejad a Erdogan, monito saudita a “preservare l’unità, la sicurezza e la stabilità” del Paese, mentre Obama invita a “mantenere la calma”.

    15/02/2010 LIBANO
    La manifestazione in ricordo di Rafic Hariri interroga anche il 14 Marzo
    Più di 100mila persone in piazza per la commemorazione dell’assassinio dell’ex premier. Gli interventi dei leader ribadiscono, con misura, gli indirizzi della coalizione. Ma compaiono striscioni con la scritta: “Che avete fatto del mio voto?”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®