18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/04/2017, 16.11

    INDIA

    Kandhamal, 5mila tra cristiani e indù festeggiano la Pasqua nel distretto dei pogrom

    Santosh Digal

    Le celebrazioni si sono svolte nella chiesa di Nostra Signora della Carità a Raikia. Nel 2008 il distretto è stato teatro della più feroce persecuzione contro i cristiani. I giovani mettono in scena passi della Bibbia e temi della Pasqua. Fedele indù: “Ho assimilato il messaggio di amore e pace”.

    Raikia (AsiaNews) – Più di 5mila persone tra fedeli cristiani e indù hanno celebrato la Pasqua a Raikia, nel distretto di Kandhamal (Orissa), dove nel 2008 i radicali indù perpetrarono il più feroce massacro contro i cristiani mai avvenuto in India. P. Prodosh Chandra Nayak, parroco della chiesa di Nostra Signora della Carità, spiega ad AsiaNews: “Da un paio d’anni organizziamo celebrazioni congiunte tra fratelli cattolici, cristiani e indù. Lo scopo è incoraggiare la fratellanza, la solidarietà e la comprensione”.

    Secondo i presenti, la cerimonia si è svolta in un clima di gioia e amore. Il programma è iniziato alle 6.30 del pomeriggio (ora locale) ed è terminato intorno alle 10 di sera. Vi hanno partecipato fedeli di ogni confessione e le autorità locali hanno dimostrato la loro solidarietà inviando messaggi di auguri. I giovani della parrocchia hanno anche messo in scena una rappresentazione teatrale, della durata di tre ore, riprendendo passi della Bibbia e i temi della Pasqua.

    P. Jeevan Nayak, assistente del parroco, afferma: “Gesù Cristo è risorto. Lasciate che il messaggio di amore e pace della Pasqua pervada i cuori e le menti di ognuno, così potremo costruire una società armoniosa”. Secondo Jacob Pradhan, funzionario del governo locale, “la resurrezione di Cristo ha significato per tutti, in particolare per coloro che operano in favore di solidarietà, comprensione reciproca e coesistenza pacifica. Esorto tutti i nostri fratelli, di qualsiasi fede, a prestare attenzione al messaggio che Cristo dona ai nostri cuori e alle nostre famiglie. In questo modo lavoreremo per la pace e l’armonia nel nostro distretto”.

    La cerimonia ha riscosso grande favore tra il pubblico. Shankar Nayak, un fedele indù, sostiene che “programmi simili per la Pasqua aiutano la popolazione locale a creare sentimenti di vicinanza che consentono di vivere in maniera pacifica. Io ho assimilato il messaggio di amore e pace e scoperto il modo per vivere con gioia in ogni circostanza”.

    Le celebrazioni assumono ancora più significato se si considera che nel 2004 la parrocchia è stata danneggiata e dissacrata dai nazionalisti indù. In seguito nel 2008 è stata al centro delle violenze scatenate dai radicali in tutto il distretto, che causarono la morte di 100 cristiani e costretto 56mila persone ad abbandonare le loro case.

    All’indomani dei pogrom contro i cristiani, la Chiesa locale si è impegnata in un processo di riconciliazione e pacificazione. Tale promozione del dialogo interreligioso ha consentito lo svolgimento di una simile manifestazione per la Pasqua.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2016 12:12:00 INDIA
    Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal

    P. Pritam Singh e p. Bhanja Kishore Singh sono stati ordinati da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Alla cerimonia erano presenti oltre 1000 cattolici, 35 sacerdoti e 50 suore. Ora il distretto ha 12 sacerdoti, il numero più elevato di tutto lo Stato dell’Orissa. L’aumento delle consacrazioni conferma che la comunità cristiana non è intimorita dalle violenze scatenate dai radicali indù contro di essa.



    12/04/2017 12:05:00 INDIA
    Kandhamal, tre cristiani battezzati: siamo disposti a morire per la fede

    Oggi Chandrika Digal e i figli Prabin e Rohim hanno ricevuto il battesimo. Il minore ha avuto anche i sacramenti della confessione e della prima comunione: “sarò un missionario”. I tre cristiani si sono avvicinati alla Chiesa sei anni fa e hanno seguito un percorso di formazione con l’aiuto dei catechisti locali.



    13/12/2008 INDIA
    Natale, momento di pace e di speranza per le giovani vedove dell’Orissa
    Il marito di Asmitha Digal, 25 anni e madre di due figlie, è stato ucciso dai fondamentalisti indù durante i primi giorni del pogrom contro i cristiani. La donna testimonia le violenze subite ma dice di non cedere alla logica della violenza. Attivista cristiano denuncia un trattamento da “cittadini di serie B”.

    20/11/2008 INDIA
    Il governo dell’Orissa ammette possibili nuovi attacchi contro i cristiani
    Il governatore dice che alcune zone non sono ancora pacificate, nonostante lo sforzo delle autorità. La fuga dei contadini nella foresta mette in serio pericolo i raccolti. Leader cristiani sottoscrivono un memorandum con gli interventi di emergenza da sottoporre al prossimo consiglio dei ministri.

    11/07/2016 13:06:00 INDIA
    Kandhamal: cristiani uccisi perchè “scambiati per maoisti”

    Il gruppo di cinque persone, tra cui due cristiani pentecostali, faceva ritorno da un mercato, dove lavorava in impeghi manuali. La loro macchina si era impantanata nel fango, perciò essi hanno deciso di proseguire a piedi. La polizia aveva teso un’imboscata per i ribelli maoisti. Fra le vittime un bimbo di due anni. L’incidente riporta alla memoria le violenze dei pogrom del 2008.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®