26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2017, 12.05

    INDIA

    Kandhamal, tre cristiani battezzati: siamo disposti a morire per la fede

    Santosh Digal

    Oggi Chandrika Digal e i figli Prabin e Rohim hanno ricevuto il battesimo. Il minore ha avuto anche i sacramenti della confessione e della prima comunione: “sarò un missionario”. I tre cristiani si sono avvicinati alla Chiesa sei anni fa e hanno seguito un percorso di formazione con l’aiuto dei catechisti locali.

    Raikia (AsiaNews) – “Per noi il battesimo è una nuova nascita”. Lo affermano ad AsiaNews tre cristiani, una madre e i suoi due figli, che oggi sono stati battezzati nella parrocchia di Nostra Signora della Carità a Raikia, nel distretto di Kandhamal (Orissa). Il loro battesimo assume ancora più significato se si considera che nel 2008 il distretto è stato teatro delle peggiori violenze mai perpetrate in India contro i cristiani, durante le quali i radicali indù provocarono la morte di quasi 100 persone e costrinsero alla fuga altre 65mila. Chandrika Digal, 40 anni e madre di Prabin (22) e Rohim (16), afferma commossa: “Siamo grati a Dio di aver avuto l’opportunità di ricevere il battesimo secondo le nostre intenzioni. In Cristo noi abbiamo tutto. Accogliamo Gesù come nostro salvatore. Questa è una benedizione di Dio e noi siamo grati a lui per il dono della fede cattolica”. E Prabin aggiunge: “Siamo disposti a morire per la fede e per Cristo. Per noi sarebbe un grande onore morire per la fede”.

    Chandrika è casalinga e svolge lavori occasionali. La donna racconta che negli ultimi sei anni lei e i suoi figli hanno partecipato alle preghiere e sono stati seguiti dai catechisti locali. Dopo questo periodo di discernimento e osservazione da parte delle gerarchie ecclesiastiche, che fanno capo alla diocesi di Cuttack-Bhubaneshwar, “ora siamo pronti per abbracciare la fede con coraggio”. “Dentro di me – aggiunge – sento una immensa gioia. Oggi accolgo la fede cristiana, che io e i miei figli abbiamo accettato con libertà, piena consapevolezza e volontà”. Parlando della formazione durante gli anni di discernimento, la donna spiega “di non sapere né leggere né scrivere, ma sto imparando varie preghiere e la dottrina con l’aiuto dei catechisti. Questo è il volere di Dio. Oggi è un giorno meraviglioso e il giorno di Pasqua sarà ancora più memorabile per noi tre, perché segnerà la nostra nuova vita in Gesù. Inizieremo una nuova vita con la fede in Cristo”.

    Prabin, il figlio maggiore, aggiunge che “sono l’amore di Dio e la sua volontà i motivi della nostra conversione. È stato il desiderio divino che ci ha accolto nella Chiesa”. Parlando poi della persecuzione dei cristiani dell’Orissa e delle continue intimidazioni che la minoranza subisce in India, il giovane afferma: “Saremo saldi nella nostra fede qualunque cosa accada. Siamo pronti a professarla con coraggio, convinzione e grande apertura. Non esiterò e non avrò dubbi nel proclamare la mia identità cattolica persino in situazioni ostili o pericolose”.

    Il figlio minore Rohim sta per affrontare gli esami della 10ma classe al Vijay High School (liceo cattolico) di Raikia e ha già le idee chiare: sarà un missionario. Per questo oggi egli ha ricevuto non solo il sacramento del battesimo, ma anche quello della confessione e della prima comunione. Inoltre dal 7 al 9 maggio parteciperà al ritiro vocazionale organizzato dall’arcidiocesi. “Il mio più grande desiderio è diventare un missionario – riferisce – con la benedizione di Dio. Sono felice di aver conosciuto Cristo, che amo e seguo come mio maestro e salvatore”. “Pregate per noi – conclude la madre – e per il nostro cammino di fede nella Chiesa cattolica”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2016 12:12:00 INDIA
    Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal

    P. Pritam Singh e p. Bhanja Kishore Singh sono stati ordinati da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Alla cerimonia erano presenti oltre 1000 cattolici, 35 sacerdoti e 50 suore. Ora il distretto ha 12 sacerdoti, il numero più elevato di tutto lo Stato dell’Orissa. L’aumento delle consacrazioni conferma che la comunità cristiana non è intimorita dalle violenze scatenate dai radicali indù contro di essa.



    26/02/2016 11:01:00 INDIA
    Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa

    Il sito è stato creato da un gruppo di attivisti, avvocati, intellettuali e artisti con lo scopo di essere “una fonte autentica di informazioni” sulle violenze del 2008 contro i cristiani. Il governo dell’Orissa ha nominato due commissioni di inchiesta, ma i risultati del loro lavoro non sono stati resi noti. Fino a gennaio 2016, presentate 3.232 denunce, ma solo 827 sono state registrate. Il tasso di assoluzione nei processi di omicidio è dell’88,6%.



    28/08/2017 15:29:00 INDIA
    Orissa, 3mila persone all’anniversario dei pogrom contro i cristiani di Kandhamal

    Le celebrazioni si sono svolte il 26 agosto a G. Udayagiri. Le violenze del 2008 “il più grande e ben pianificato attacco contro i cristiani”. “Vergognoso che ancora oggi le vittime non abbiano ottenuto giustizia”. “La lotta per la giustizia nel Kandhamal è diventata una lotta per la giustizia in tutta la nazione”.



    13/07/2016 11:28:00 INDIA
    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal

    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.



    08/04/2017 10:57:00 INDIA
    Primo sacerdote carmelitano del Kandhamal: Aiuterò gli indù a capire la fede cattolica

    Johnson Digal ha 29 anni e proviene da un villaggio di 20 famiglie, per la maggior parte indù. Durante i pogrom del 2008 la sua casa è stata bruciata ed egli ha vissuto in un campo profughi. “Da quando ho iniziato a fare visita ai miei vicini, essi hanno iniziato a cambiare atteggiamento e non hanno più una concezione negativa del cristianesimo”.





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®