31/07/2012, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Karachi, 11 infermiere avvelenate per aver bevuto un té durante il Ramadan

di Jibran Khan
L'incidente è avvenuto ieri nell'ospedale della città. Le donne sono tutte ricoverate in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva della clinica. Le autorità ospedaliere hanno avviato un'inchiesta per stabilire chi ha avvelenato la bevanda.

Karachi (AsiaNews) - Almeno 11 infermiere, fra cui tre cristiane,  impiegate nell'ospedale civile della città, sono state avvelenate perché hanno pranzato durante il mese sacro del Ramadan. Il fatto è avvenuto ieri nella caffetteria dell'ospedale. Nella pausa pomeridiana le 11 donne si sono recate nel locale privato e hanno ordinato un té e alcune pietanze. La prima a sentirsi male è stata Rita, infermiera cattolica, che è collassata a terra poco dopo aver deglutito la bevanda. Tutte le operatrici sanitarie sono state ricoverate nel reparto intensivo dell'ospedale e alcune di loro sono in gravi condizioni.

In Pakistan è proibito mangiare in pubblico nel mese di digiuno, obbligatorio per tutti i musulmani. Tuttavia, sono esenti da tale dovere gli impiegati negli ospedali e i viaggiatori. L'ospedale civile di Karachi è gestito da musulmani. Essi non tollerano che il personale non-islamico pranzi durante il Ramadan. Le autorità della clinica hanno avviato un'inchiesta per cercare i responsabili del gesto.

Oggi, la Masihi Foundation, organizzazione cristiana per i diritti umani, e Life for Hall hanno condannato l'incidente, definendolo un "vile" atto contro la libertà religiosa e la tolleranza. Proteste giungono anche da politici e autorità religiose. Sindh Saleem Khokahr, membro dell'Assemblea provinciale e presidente dell'All Pakistan Minorities Allicance, afferma: "avvelenare una persona per aver pranzato durante il Ramadan è un atto barbaro. Nel Paese molti musulmani non partecipano al digiuno e mangiano in pubblico. Le 11 infermiere hanno bevuto il tè in un locale privato all'interno dell'ospedale, non davanti ad altre persone". 

Secondo p. Nasir William, sacerdote della diocese di Karachi, l'avvelenamento delle 11 donne "è un segno che la società pakistana non è tollerante". "E' scandaloso - continua - che infermiere che salvano la vita di migliaia di persone, rischino di morire per mano di pochi ignoranti". Il sacerdote chiede alle autorità di aprire un'inchiesta per tentato omicidio.  

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rawalpindi, ospedale san Giuseppe: centro di eccellenza, per cristiani e musulmani
17/10/2011
Pakistan: ospedale cristiano sotto attacco
05/07/2011
Card. Coutts: L’Eid al-fitr è una gioia anche per i cristiani pakistani
16/06/2018 12:23
Faisalabad, la festa di fine Ramadan occasione di incontro e dialogo islamo-cristiano
25/05/2020 10:56
Baghdad, il Patriarcato caldeo inaugura un ambulatorio per cristiani e musulmani
16/01/2014