22/08/2011, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Karnataka: chiese saccheggiate, pastori picchiati da radicali indù

di Nirmala Carvalho
Per due domeniche di seguito la celebrazione religiosa è stata interrotta, e il pastore malmenato e arrestato con la falsa accusa di praticare conversioni forzate. Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians: “Gli aggressori se ne vanno liberi, e 64 anni dopo l’Indipendenza la libertà religiosa non esiste in Stati come il Karnataka, l’Orissa e il Gujarat. Questa è una macchia sull’India laica”.

Mudhol (Asia News) – In Karnataka il pastore Sangappa Hosamani Shadrak, di 28 anni, residente a Mudhol, è stato attaccato da 20 attivisti radicali indù del Bajrang Dal. Il fatto è avvenuto ieri mentre il pastore celebrava la cerimonia domenicale nel villaggio di Rohi, a circa 10 km dalla sua abitazione, in casa di un fedele, Yellappa Hosamani. Negli ultimi anni ha svolto regolarmente lì i suoi servizi di preghiera domenicali. Gli estremisti hanno attaccato la piccola comunità, hanno dissacrato il pane e il vino che venivano usati per la celebrazione e hanno picchiato con durezza il pastore Shadrak, che ha perso un dente ed è stato ferito seriamente al volto. Dopo di ciò lo hanno trascinato in un altro villaggo, Latte, lo hanno legato a un albero e hanno chiamato la polizia situata a Lokapura.

L’ispettore Choudhary e alcuni agenti sono giunti e hanno portato via il pastore Shadrack e alcuni fedeli. Il pastore è stato mandato al carcere di Jamkotai, con accuse non specificate, a dispetto dei tentativi di farlo liberare compiuti da esponenti del Global Council of Indian Christians (Gcic). Sajan K George, presidente del Gcic, ha criticato duramente l’arresto. “Gli attacchi alla comunità cristiana continuano nonostante le promesse del nuovo Primo ministro Sadananda Gowda. E questo a dispetto delle dichiarazioni del nuovo Premier che personalmente ha una relazione molto buona e cordiale con la comunità cristiana da sempre. La comunità cristiana lo ha appoggiato, ma continua a essere vulnerabile e a soffrire per la persecuzione degli estremisti Hindutva”.

Sajan K George ricorda che per due domeniche di seguito la celebrazione è stata interrotta; pastori pentecostali sono stati insultati e malmenati; la chiesa è stata saccheggiata; false denunce di conversione sono state presentate contro innocenti. “Gli aggressori se ne vanno liberi, e 64 anni dopo l’Indipendenza la libertà religiosa non esiste in Stati come il Karnataka, l’Orissa e il Gujarat. Questa è una macchia sull’India laica”.
Il Gcic è molto preoccupato per la nuova campagna del Vishwa Hindu Parishad (Vhp). Il gruppo estremista e militante indù si è schierato contro la bozza di legge “Prevenzione della violenza interreligiosa e mirata” del 2011. Il leader del Vhp Pravin Togadia ha affermato che la legge renderebbe “la polizia ossequiosa verso le comunità di minoranza”. E ha accusato il Consiglio nazionale consultivo, guidato da Sonia Gandhi, di essere per questo anti-indù. La legge dovrebbe invece premettere al governo centrale di prendere misure in caso di violenza interreligiosa, che verrà definita “disturbo interno” al Paese.
 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Karnataka, nel ricordo di Gandhi cristiani in marcia contro la persecuzione
01/02/2010
Natale di pace in un anno di persecuzioni
23/12/2011
Vescovo di Gandhinagar: lo Stato deve intervenire contro le violenze settarie
28/06/2007
Karnataka: 39 attacchi anticristiani nel 2012
26/11/2012
Nuovi attacchi contro cristiani pentecostali in Madhya Pradesh e Karnataka
22/06/2012