25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/06/2011
NEPAL
Kathmandu, per la prima volta i cristiani nel censimento della popolazione nepalese
di Kalpit Parajuli
Le operazioni, iniziate ieri dal presidente Ram Baran Yadav, riguarderanno anche i non indù. Dalla dichiarazione di laicità dello Stato (2006), la repubblica himalayana concede maggiori riconoscimenti alle minoranze religiose. Appello dei leader cristiani a dichiarare senza paure la propria fede religiosa.

Kathmandu (AsiaNews) – Il governo nepalese ha avviato il censimento nazionale della popolazione. E per la prima volta nella storia del Paese, il conteggio – iniziato il 17 giugno – riguarderà anche i fedeli che non professano la religione indù. Dalla dichiarazione di laicità dello Stato, sancita nel 2006, e a 10 anni di distanza dall’ultima rilevazione statistica, la repubblica himalayana con gradualità concede maggiori riconoscimenti alle minoranze religiose, fra cui quella cristiana, per gli sforzi compiuti per il bene e lo sviluppo della nazione.

In passato tutti i censimenti erano basati solo sui fedeli indù. La scelta di coinvolgere anche le minoranza religiose, fra cui quella cristiana, rende felice il parroco della cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu, che invita i fedeli a sentirsi liberi di dichiarare la propria fede cattolica.

In Nepal non vi è ancora una stima esatta della fede religiosa professata dai cittadini. Gli indù affermano di avere un seguito attorno all’80% della popolazione, i buddisti il 18%, i musulmani circa il 10%, i cristiani attorno al 5% e così via, dando luogo a dati palesemente errati. Tuttavia, la forte migrazione e i numerosi casi di conversione avrebbero ridotto in modo cospicuo la percentuale di indù nel Paese.

Per il vescovo protestante Narayan Sharma è un “passo positivo” la possibilità di dichiarare, senza remore, la propria fede in Cristo e invita il governo a garantire una vera “laicità dello Stato”. Apprezzamenti giungono anche da Uttam Narrayan Malla, direttore generale dell’Ufficio centrale di Statistica, per il quale è “importante” fornire informazioni sulla fede religiosa.

Il presidente nepalese Ram Baran Yadav ha inaugurato le operazioni di censimento, fornendo informazioni sulla propria famiglia, e ha invitato i cittadini a fornire dichiarazioni veritiere, che verranno utilizzate in futuro da professori, ricercatori ed esperti di vari settori. La raccolta dei dati verrà ultimata entro il 27 giugno, grazie al lavoro di circa 8mila persone in tutto il Paese.

Nel 2001 in Nepal vi erano 23 milioni e 200mila persone; il tasso di crescita si attesta attorno al 5,25%.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/11/2012 NEPAL
Nepal, primo censimento dalla fine della monarchia, i cristiani crescono dell'1%
di Kalpit Parajuli
01/09/2011 NEPAL
Donne indù, musulmane e cristiane in difesa della libertà religiosa
di Kalpit Parajuli
24/05/2010 NEPAL
Fondamentalisti indù chiedono il ritorno della monarchia teocratica
di Kalpit Parajuli
21/11/2012 NEPAL
Kathmandu: cristiani, musulmani, indù e buddisti contro aborto e violenze sui minori
di Kalpit Parajuli
06/06/2011 NEPAL
Nepal, un nuovo codice penale punisce le conversioni al cristianesimo
di Kalpit Parajuli

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate