25/05/2012, 00.00
INDIA – ITALIA
Invia ad un amico

Kerala, i marò italiani hanno lasciato il carcere. In attesa del processo di primo grado

I giornali indiani confermano il trasferimento di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in una struttura diversa dalla prigione. Intanto, il giudice di Kollam ha passato il caso alla Session Court, tribunale distrettuale preposto alle cause penali.

Kochi (AsiaNews/Agenzie) - I marò italiani hanno lasciato il carcere di Trivandrum e si trovano nella Borstal School di Kochi. Annunciato ieri, i giornali indiani hanno confermato che il trasferimento è avvenuto nel primo pomeriggio (ora locale) di oggi. Ma c'è un'altra novità: i due sarebbero vicini al processo di primo grado per l'accusa di omicidio di due pescatori indiani, per il quale sono gli unici indagati. Conclusa in questi giorni la fase istruttoria, il giudice AK Gokupar della corte di Kollam ha infatti passato il caso alla Session Court, tribunale distrettuale responsabile nelle cause penali.

La Borstal School è un ex riformatorio per giovani criminali, riconvertito a uffici della polizia e gestito dalle autorità del carcere di Trivandrum. La scelta di questa struttura è stata approvata da entrambe le parti, dopo un'ulteriore adeguamento in vista dell'arrivo dei due marò. Fondamentale nella decisione di spostare i militari un ordine della Corte suprema, che il 9 maggio scorso ha disposto il loro trasferimento in una sistemazione alternativa alla prigione.

Per quanto riguarda l'appello della difesa italiana per la libertà su cauzione, l'Alta corte di Kochi ha rimandato l'udienza prevista per oggi a lunedì 28 maggio. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kerala, concessa la libertà su cauzione ai due marò
30/05/2012
Kerala, i marò italiani lasceranno “presto” il carcere
24/05/2012
No delle autorità indiane al rilascio su cauzione dei due marò italiani
19/05/2012
Per la polizia del Kerala, marò responsabili di omicidio e tentato omicidio
18/05/2012
Altri due mesi in Kerala per i marò italiani, ma non in carcere
09/05/2012