24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/02/2017, 12.11

    INDIA

    Kerala, suora francescana: La passione per Gesù mi ha spinto ad aprire 54 case per i poveri

    Santosh Digal

    Suor Lizzy Chakkalakal è la preside dell’Our Lady’s Convent Girls Higher Secondary School di Kochi. Nel 2012 ha aperto la prima casa per ospitare famiglie bisognose. “Ciò che è più importante, è che non solo diamo un alloggio, ma si è creata una cultura di condivisione e cura reciproca tra la popolazione”.

    Kochi (AsiaNews) – “La passione per Gesù mi ha spinto ad aprire case per accogliere i poveri”. Lo dice ad AsiaNews suor Lizzy Chakkalakal, delle Francescane missionarie di Maria (Fmm), congregazione presente in India dagli inizi del 1900. La religiosa, 47 anni, preside dell’Our Lady’s Convent Girls Higher Secondary School di Kochi, nel Kerala, nel 2012 ha inaugurato la prima struttura per ospitare i poveri della città, la “House Challenge”. Ad oggi, le case aperte grazie al suo impegno compassionevole sono 54. Ciò che la anima, spiega, è Gesù: “La mia fonte di vita e di lavoro è Gesù, che ha amato i poveri. Questo è il mio modo di dimostrare loro amore, interesse e solidarietà. La Chiesa è qui per dare speranza e garantire una vita migliore a chi è nel bisogno. Stiamo facendo tutto quello che possiamo per amore dei poveri”.

    Nella città di Kochi, sulla costa sud-occidentale dell’India, la suora è diventata un punto di riferimento. Grazie alla collaborazione di studenti, insegnanti, cattolici laici, ma anche semplici persone “di buona volontà”, offre ospitalità a tutti coloro che ne hanno bisogno. Le sue case sono aperte a tutti, a prescindere dalla fede che si professa o dalla tradizione culturale cui si appartiene.

    Suor Lizzy sottolinea che i capisaldi francescani sono il lavoro per la giustizia sociale, i diritti umani, il nutrimento dello spirito. Per questo la sua congregazione ha fatto della promozione della giustizia, della dignità umana, dell’armonia e della comunione tra le persone e le comunità i principi base del ministero socio-pastorale. “I valori del Vangelo e le azioni di Gesù – afferma – non sono cose astratte. Sono espressioni viventi e di vita donata. Perciò devono essere vissuti ed espressi con azioni concrete. Il nostro lavoro di costruire case per i poveri e le altre attività missionarie vanno in questa direzione. Così comunichiamo amore, pace, cura, preoccupazione e compassione per gli altri”.

    La “House Challenge” è stata il modo con cui la suora ha potuto realizzare qualcosa di concreto per le famiglie dei suoi studenti che vivono in condizioni miserabili. “Io ero stata scelta per fare l’insegnante – riporta – anche se il mio desiderio era di lavorare per il sociale a tempio pieno”. Suor Lizzy racconta che una delle sue consuetudini, dopo l’orario di lezione, era far visita alle famiglie degli alunni. Durante quegli incontri si è resa conto che molte di loro vivevano in abitazioni insicure e non dignitose e la maggior parte dei genitori era affetta da forme di dipendenza e alcolismo. I più vulnerabili erano i bambini e le donne.

    Così è partito il progetto della prima casa: all’inizio era una semplice condivisione di materiali e utensili tra le persone, poi sono stati costruiti i veri e propri alloggi. I beneficiari vengono segnalati dalle autorità statali, che selezionano le famiglie bisognose. Oggi, grazie alle donazioni di privati, attori pubblici e chiese, sono state create tante abitazioni per i poveri. Ma ciò che è più importante, conclude la suora, “è che è nata una cultura della condivisione e della cura reciproca tra gli abitanti locali”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/09/2017 16:12:00 INDIA
    Suor Lissy: Fare missione tra i poveri è riempire stomaci e cuori affamati di Cristo

    La suora fa parte della Congregazione delle Figlie di San Paolo. Dapprima ha imparato a “fare missione tra i ricchi attraverso i media”. In seguito l’incontro con i poveri pescatori in Kerala. Poi, nel 2008, inizia a seguire mons. Thomas Menamparampil nei villaggi della giungla in Assam. “Il missionario di villaggio riesce ad entrare nell’agonia delle masse che sono come le pecore senza un pastore”.



    25/02/2017 08:58:00 INDIA
    Carmelitana di Calcutta: Servire i poveri vuol dire accoglierli tutti, a prescindere dalla loro fede

    Dal 2001 Suor Mary Mukta Kindo opera nel Mother Veronica Social Center for Women di Barrackpure. Il centro produce capi d’abbigliamento - come uniformi e tuniche -  e confeziona biancheria per le chiese. Formate in tutto 200 donne, che ora sono indipendenti e aiutano le famiglie.

     



    19/05/2017 15:14:00 INDIA
    Suora indiana: preghiera e vicinanza possono trasformare i carcerati

    Suor Inigo Joachim opera come volontaria di Prison Ministry India. L’associazione cattolica lavora da 30 anni con i carcerati di tutta l’India. Il problema più grande è la solitudine dei prigionieri, abbandonati dalle famiglie. “Hanno bisogno della nostra presenza, di sostegno e di una spalla su cui piangere”. A loro volta, i detenuti “sono i nostri benefattori, danno significato alla nostra vocazione e alla nostra missione”.



    23/05/2012 INDIA
    Kerala, sacerdoti cattolici costruiscono nuovi appartamenti per i poveri di Changanassery
    La St. Mary di Athirampuzha (rito siro-malabarese) ospiterà sul suo terreno tre palazzine per 21 famiglie. Le persone ne usufruiranno per 15 anni, dietro il pagamento di un affitto simbolico. L’obiettivo è di educare i giovani per renderli autosufficienti. Il progetto è finanziato dai parrocchiani dell’arcidiocesi.

    19/04/2017 15:17:00 INDIA
    Suora del Bihar: Lavorare per la liberazione dei dalit è fede in azione

    Suor Poonam appartiene alla Congregazione di Gesù, istituto fondato da Mary Ward. Fa parte di un movimento di consacrati che sono anche attivisti sociali. In India il 70% dei cattolici sono dalit. Suore e sacerdoti “devono essere voci profetiche nella Chiesa e nella società”. Risvegliare le coscienze degli emarginati, identificare i leader ed educarli.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®